Fossano-Canelli Sds, la febbre del big match

Fossano-Canelli Sds
Stefano Raimondi, tecnico della capolista Canelli Sds

Sale la febbre e non è quella del sabato sera perché domani andrà in scena la partita che potrebbe confermare o ribaltare le sorti della vetta nel girone B di Eccellenza. Fossano-Canelli Sds andrà in scena al Pochissimo per uno scontro che si preannuncia ricco di gol, i dettagli faranno la differenza come quasi sempre accade in questi crocevia cruciali.

Gli spumantieri ci arrivano da primi della classe con tre lunghezze di vantaggio sui blues, il tecnico Stefano Raimondi non si fida del Fossano: «Sarà una gara complicata perché loro prima della sosta hanno chiuso con una striscia di risultati positivi, in casa loro sarà ancora più difficile perché si allenano tutti i giorni su quel sintetico. Dobbiamo sperare che non facciano una gara impeccabile mentre noi dovremo essere perfetti e approfittare dei loro errori». Raimondi poi analizza i fattori che potrebbero influenzare la partita: «Credo che saranno fondamentali le ripartenze perché secondo me chi subirà meno contropiedi riuscirà a portarla a casa. Io mi aspetto un match con tanti gol perché siamo due squadre votate all’attacco e che alzano molto il loro baricentro. A noi è andata bene col Calcio Derthona mentre in alcuni casi rischiamo troppo e ci va male come con l‘Olmo. Sicuramente non andiamo a Fossano per difenderci e fare il punticino perché non siamo dei calcolatori».

La guida dei fossanesi Fabrizio Viassi invece potrebbe non avere a disposizione un elemento fondamentale come Riccardo Romani, che nell’allenamento di venerdì si è fermato in via precauzionale. Secondo Viassi la torcida potrebbe avere risvolti diversi: «Dipende da che piega prende la gara nei primi quindici minuti a livello tattico, può essere bloccata oppure a viso aperto e in quest’ultimo caso sarà molto divertente perché sia noi che loro sappiamo far male in zona gol. La partita potremmo vincerla in mezzo alle linee con Amoruso e Romani: il primo lo sto scoprendo giorno dopo giorno e ha dei margini di miglioramento impressionanti mentre il secondo rischia seriamente di non esserci. Proveremo fino all’ultimo momento a recuperarlo». Infine Viassi ha fiducia nei suoi: «Anche il Canelli Sds ha giocatori pericolosi come Celeste e Bosco che sono due pedine di livello in fase offensiva, dovremo stare attenti a loro e in mezzo al campo. Sarà anche una bella occasione perché mi aspetto di vedere gli spalti del Pochissimo gremiti. Siamo in forma e abbiamo preparato questa partita nella maniera migliore».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Hai visto la nuova sezione dedicata alle statistiche individuali? Focus portieri con le classifiche dei meno battuti, spazio ai bomber e al minutaggio / gol. Infine, per difensori e centrocampisti, tutte le medie voto compilate seguendo le indicazioni degli addetti ai lavori e dei nostri inviati.