12 Agosto 2020 - 15:06:55

La Pianese – Borgaro Eccellenza A: con Pasquero le forze biancorosse arrivano dalla panchina

Le più lette

Calcio femminile, un bagno di sangue: cadono Biellese, Femminile Juventus, Novese, Canelli, Sedriano e Luserna

Per fortuna che l'obiettivo dovrebbe essere il professionismo, ma senza una base, senza il calcio dilettantistico, può esserci il...

Riunione Consiglio CRL: quattro ripescaggi in Eccellenza e Promozione a 96 squadre

Finalmente è arrivato il giorno in cui le società lombarde hanno conosciuto i format dei campionati. Come era ampiamente...

Telenovela Aloia, la spunta il Fossano

Come anticipato stamattina, il Fossano non ha mollato l'osso Aloia neanche dopo la notizia dell'allenamento tenuto in casa del...

A volte, un singolo errore può condizionare un’intera partita, e il Borgaro di Licio Russo lo ha imparato a proprie spese. Dopo una partita tatticamente al limite della perfezione, su una singola disattenzione Fabio Pasquero pone forse la “F” iniziale alla parola FINE per i sogni di promozione diretta in Serie D. Nulla è ancora deciso, sia chiaro, ma con questa sconfitta i gialloblù si trovano a nove lunghezze dalla capolista Pont Arnad, e se il tecnico non recupera qualche infortunato potrebbe perdere anche l’accesso ai playoff. La Pianese, invece, ritrova finalmente il sorriso dopo tantissimi pareggi, e torna far risultato dopo tante beffe nei turni precedenti. Russo si schiera con il consueto 4-3-3, ma avanza sulla trequarti Andrea Benassi, per sfruttare la sua fantasia. Risponde La Pianese con il suo solito 4-4-2 a centrocampo fisico, con Rosso e Fassari a troneggiare in mezzo. Cominciano subito bene i padroni di casa, con Tunno che blocca in presa alta e lancia Ferraris sulla corsa; il terzino serve Mascolo a centro area, il numero 10 si destreggia con la palla e calcia rasoterra, ma Tulino si distende bene e respinge. Comincia a salire in cattedra Andrea Benassi: al quarto d’ora il talentino riceve palla da Noia e calcia dal limite, na trova un attento Tunno in respinta. La Pianese sembra però più in palla, sfruttando il proprio terreno e la giornata di grazia di Rosso. Alla mezz’ora Mascolo si trova a tu per tu con Tulino, ma l’esperto portiere gialloblù esce alla grande e stoppa lo stesso Mascolo. C’è ancora spazio per un tentativo di Santoni, che sfrutta un errore di Del Buono e si immola; il numero 7 vede a centro area Mascolo e lo serve, ma il tiro del bomber finisce incredibilmente alto, da buonissima posizione. Duplice fischio e tutti negli spogliatoi. Licio Russo striglia i suoi e la squadra risponde presente. L’allenatore inverte la posizione di Molfetta e Miello, spostando il classe 2002 in posizione di punta centrale. I gialloblù sfruttano di più la velocità di Umberto Miello, trovando qualche soluzione inedita. Ma la prima vera occasione è dei padroni di casa: Monteleone trova lo spazio per accentrarsi e calciare, ma Tulino non si fa sorprendere e devia in angolo. Non succede sostanzialmente più nulla, fino alla mezz’ora, quando ancora Monteleone trova Mascolo, ma il suo tiro al volo viene ancora una volta mandato in angolo da Tulino. Sullo stesso calcio d’angolo Rosso trova Gueye, che con un colpo di testa sbilenco serve nuovamente un defilato Rosso; il numero 8 ributta in mezzo, trovando un solissimo Pasquero che non si fa pregare e di testa pesca l’angolino vincente. Si accendono le proteste degli ospiti per un possibile fuorigioco di Rosso sul passaggio non voluto di Gueye, ma per arbitro e assistente è tutto buono. Nel finale c’è purtroppo spazio per due espulsi nel giro di una dozzina di minuti, con Gueye prima e Gerbaudo poi che salutano il campo anzitempo. Il Borgaro non sfonda e la contesa si chiude qui. Momento di bilanci che non sorride a Russo e ai suoi, condizionati dalle tante assenze. Per i biancorossi, invece, ora non bisogna rialssarsi su questa bella vittoria. La strada per i playoff è percorribile, bisogna solo saperla seguire.

Striscione per Loris Azzaro
Lo striscione per Loris Azzaro

LA PIANESE-BORGARO 1-0
RETI: 33′ st Pasquero (L).
LA PIANESE (4-4-2): Tunno 6, Ferraris 7, Xhumaqi 6, Bava 6, Gueye 6.5, Fassari 6.5, Santoni 6 (29′ st Pasquero 7), Rosso 7.5, Monteleone 6.5 (46′ st Fucci sv), Mascolo 6 (40′ st Trisolino sv), Malin 6 (48′ st Cusenza sv). A disp. Ignazzi, Dimasi, Baracco, Pasqualini, Ventafridda. All. Gamba 7.
BORGARO (4-2-1-3): Tulino 6.5, Pagliero 6, Benassi L. 5.5, Del Buono 6, Noia 6.5 (37′ st Pinelli sv), Fontana 6, Miello 6, Gerbaudo 6, Molfetta 6 (23′ st Gerardi S. 6), Benassi A. 6.5 (25′ st Bernard 6), Orofino 5.5. A disp. De Marino, Leanza, Cacciatore, Idahosa, Fimognari. All. Russo 6.
ARBITRO: Cipriano di Torino 5.5 Tutto bene fino alle due espulsioni finali, abbastanza gratuite.
AMMONITI: 7′ Noia (B), 37′ st Xhumaqi (L).
ESPULSI: 38′ st Gueye (L), 49′ st Gerbaudo (B).

La Pianese
La Pianese di Davide Gamba ritrova i tre punti

LE PAGELLE DELLA PIANESE
All. Gamba 7 Tre punti fondamentali per i suoi, che si riprendono dopo una lunga serie di pareggi e tornano in piena corsa playoff. L’obiettivo non sarà quello, ma ormai non ci si può più nascondere.
Tunno 6 Sempre attento quando chiamato alla presa aerea, bravo anche a gestire palloni difficili con i piedi.
Ferraris 7 Limitare Orofino non è facile, ma lui fa gli straordinari e gli mette la museruola. Partita di difesa più che di attacco, interpretata benissimo.
Xhumaqi 6 Sempre bene in copertura. Si concede qualche sgroppata che però non sortisce effetto.
Bava 6 Gioca più con la voce che non con i piedi, come un vero leader. Qualche difetto di posizionamento non ne compromettono una prestazione solida. Guida la linea.
Gueye 6.5 Perde i nervi dopo la prima ammonizione, beccandosene subito una seconda. Non entreremo nel merito della bontà dei cartellini, ma la sua partita è comunque molto positiva, perché oltre a rigettare al mittente le velleità avversarie, crea anche gioco con la palla tra i piedi.
Fassari 6.5 E’ una colonna del centrocampo e lo fa notare. Le palle di testa sono tutte sue e in più svolge lavoro di filtro vitale per La Pianese.
Santoni 6 Sembra correre a vuoto a volte, ma sa come rendersi pericoloso con pochi scatti. 29′ st Pasquero 7 Entra e in quattro minuti la risolve. Forse non si immaginava un impatto così, fatto sta che nel poco tempo concessogli fa tutto quello che Gamba gli chiede.
Rosso 7.5 Forse la sua miglior gara della stagione. Tocca una quantità spropositata di palloni, e non è un caso che Russo si prodighi per limitarne le giocate, senza però riuscirci. Faro biancorosso.
Monteleone 6.5 Prende in mano i suoi nel primo tempo, tenendo abilmente palla e facendo salire la squadra. Nella ripresa cala un po’, ma non perde il guizzo.
Mascolo 6 L’errore da pochi passi poteva risultare molto pesante. In generale sembra un po’ in ombra in questo periodo, ma non abbiamo dubbi che si riprenderà.
Malin 6 Non tocca molti palloni, soprattutto perché si prediligono i servizi alle punte, ma quando chiamato fa proseguire bene il giro palla.

Borgaro
Il Borgaro di Licio Russo perde punti fondamentali nella corsa alla Serie D

LE PAGELLE DEL BORGARO
All. Russo 6 Tantissime assenze che condizionano la partita, ma, come dice sempre anche lui, le scuse arrivano fino ad un certo punto. In generale le occasioni create sono poche, e sembra che se non si accendano le individualità questa squadra sia leggermente ridimensionata.
Tulino 6.5 Bene in avvio con due interventi di riflesso. Poi poco altro, se non qualche uscita con tempismo. Sul può farci poco.
Pagliero 6 Ormai la sua posizione di partenza è sempre arretrata, ma lui non disdegna comunque qualche discesa a destra. Paradossalmente, quando viene spostato in avanti dall’ingresso di Gerardi, sparisce.
Benassi L. 5.5 Irriconoscibile nella fase offensiva. L’asse con Orofino non funziona, sia per demeriti suoi che per meriti degli avversari. Poco lucido.
Del Buono 6 Chiamato a fare il secondo centrale di difesa, l’esperto centrocampista gioca come sa. Pochi errori e giocate semplici.
Noia 6.5 Torna a disposizione e vuole subito mostrare quanto fosse mancato. Corre a destra e a manca e risulta spesso una spina nel fianco nella costruzione del gioco biancorossa.
Fontana 6 Si improvvisa Bonucci con qualche lancio dalle retrovie. Il duello con Monteleone è avvincente.
Miello 6 Due punizioni alle stelle (può capitare) e poca inventiva. Un altro giocatore rispetto alla domenica con l’Aygreville.
Gerbaudo 6 Si fa buttare fuori tra le polemiche. I suoi calci piazzati non incidono come al solitoe pare frenato dal terreno duro.
Molfetta 6 Ci mette la sua solita grinta su ogni pallone, ma questa volta, semplicemente, non basta. Unico vero riferimento davanti causa i vari infortuni. 23′ st Gerardi S. 6 Sbaglia qualche decisione, ma entrare a freddo in una gara così tirata non è facile.
Benassi A. 6.5 Sembra il più ispirato dei suoi. Va più volte al tiro, senza fortuna, ma almeno mostra l’orgoglio e gli artigli. A suo agio tra le linee. 25′ st Bernard 6 Pochi minuti e con poca responsabilità.
Orofino 5.5 Quando lui non si accende, l’intero Borgaro cala. Braccato da Ferraris non riesce mai ad averla vinta e si innervosisce con il passare del tempo.

LE PAROLE A FINE GARA: LICIO RUSSO E DAVIDE GAMBA

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli