9 Agosto 2020 - 11:35:07

Meloni CBS: il tecnico lascia i rossoneri dopo 11 anni

Le più lette

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

La Biellese, in mediana c’è Dylan Kambo

I lanieri di Rizzo continuano a puntare alto e l'ennesimo segnale arriva dal mercato che regala un centrocampista di...

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...
Avatar
Daniele Moccia
Eccellenza Girone B, Under 19 Girone C

Grosse, grossissime novità nel girone B di Eccellenza: Marcello Meloni, tecnico della CBS, lascia la panchina dei rossoneri dopo 11 anni. La notizia, resa ufficiale dalla stessa società con un comunicato pubblicato in mattinata sul proprio sito, pone fine alla lunga avventura di Meloni in Corso Sicilia, iniziata nel 2009 e costellata di grandissimi successi, dal titolo regionale con gli Allievi ’99 alla promozione in Eccellenza della stagione 2018-2019.

I grandi meriti del tecnico si sono sempre visti nel grande lavoro fatto con i giovani, ribadito dalla società nel comunicato:
«Meloni è stato l’allenatore che, meglio di ogni altro, ha compreso, sposato e trasmesso gli ideali morali e sportivi della CBS. Il tecnico ha accompagnando il suo percorso con i risultati, trasformando in realtà il progetto-giovani della società e portando i ragazzi fuori quota in Prima Squadra come nessun’altra squadra del Piemonte, fino ad arrivare alla storica ed emozionante promozione in Eccellenza, un risultato che la CBS aveva centrato soltanto una volta nella sua storia. Oltre 20 ragazzi fuori-quota hanno esordito in Prima Squadra tra Promozione, Eccellenza e Coppa Italia di categoria nei due anni e mezzo di gestione di Meloni, a cui va aggiunto il blocco dei ’99 che il mister ha accompagnando dagli Allievi fino al palcoscenico degli “adulti” facendone l’ossatura della squadra salita in Eccellenza un anno fa».

Ai nostri microfoni ha commentato la sua scelta Meloni stesso, senza nascondere una forte emozione: «Ho passato tanti anni belli qui, sia da calciatore (dal 94 al 2003, ndr) che da allenatore, a partire dal 2009 quando andai dal presidente Zecchi per chiedergli se avesse bisogno di un allenatore. Da lì è partito tutto: ho iniziato con il secondo gruppo dei giovanissimi fB 97, allenandoli come se fossero il mio piccolo e personale Real Madrid. Tutti i miei ragazzi li ho trattati con grandissima attenzione, pensando prima di tutto ad osservarli e non solamente a guardarli, ricoprendo anche il ruolo di fratello maggiore e confidente. La società si è sempre ben sposata con i miei valori e anno dopo anno ho costruito grandi cose, andando oltre al semplice contenuto tecnico. Ringrazio il presidente Zecchi e tutti i dirigenti e consiglieri per aver dato tantissimo spazio alle mie idee, lasciandomi la possibilità di sbagliare senza farmi sentire in colpa. Sono cambiate tante persone in questi anni, ma l’ambiente è e resterà sempre bellissimo, costruendo il tutto sul rapporto sano con i ragazzi e su rispetto e tranquillità».


Meloni non nasconde un enorme voglia di riprendere a masticare calcio quotidianamente ed è pronto a ripartire da subito: alcuni rumors parlano di un suo avvicinamento alla panchina della Prima Squadra del Chisola, con Fabio Nisticò pronto a lasciare, destinazione Pavia.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli