22 Giugno 2021

Rg Ticino-Lg Trino Eccellenza: un colpo di Scienza allo scadere regala una vittoria a Celestini

Le più lette

Corneliano Roero, è rivoluzione totale: salutano Brovia e Roman, Telesca in pole

A due giorni dalla fine del proprio campionato, il Corneliano Roero è già pronto a rovesciare tutte le proprie...

LG Trino-La Biellese Eccellenza: Kambo scaccia la paura ma non evita lo spareggio, sarà “finale” con l’RG Ticino

È successo di tutto. Partiamo da ciò che conta di più, ovvero il risultato. Il 2-2 finale tra LG...

Il Cantello Belfortese cambia volto: è Massimo Miglioli il nuovo direttore sportivo dei biancorossi

Una società che punta su un progetto nuovo ed ambizioso, capace di ridare slancio dopo annate non semplici, ed...

Finisce 1-0 lo scontro tra Rg Ticino e Lg Trino. Firma la marcatura Paolo Scienza che nei minuti finali insacca alle spalle di Mastrolillo con un rasoterra mancino in una partita che si dimostra incredibile per via delle numerose azioni ed eventi che ha riservato per tutti i suoi spettatori. Modulo complementare per entrambe le formazioni diviso tra 4-2-3-1 e 3-4-3, anche se gestiti in maniera differente. Il Ticino utilizza come proprio perno la pacatezza di gioco di Ogliari, mentre, in avanti si dividono i compiti Malvestio, Scienza, Bugno e Gibellini. Trino che preferisce scaricare le proprie responsabilità offensive a Cabrini, non sempre supportato a dovere da Brugnera, Bisacco e Coppola.

Furia novarese. Rg Ticino che parte subito a mille mettendo in forte difficoltà gli avversari. Accelerazioni, dribbling, passaggi filtranti, discese sulle corsie e possesso palla preciso e puntiglioso. Insomma i locali dimostrano di saper dirigere a dovere il pallino del gioco, nonostante il lungo periodo che li ha obbligati a stare lontano dai campi. Ritmi altissimi di fronte ai quali il Trino di Gioia non può far altro che subire e provarne ad evitare gli ingressi più pericolosi, provando a ripartire solitamente in profondità con il suo mastino Cabrini che però può fare ben poco da solo di fronte al duo Rosato-Rossi. D’altro canto la squadra locale dimostra una piccola pecca a livello di conclusioni dato che ogni volta che ci si presenta l’occasione preferisce gestire il pallone in maniera diversa, attendendo troppo ad una possibile finalizzazione e finendo poi con il perdere la sfera, ricominciando perciò tutto da capo. Infatti, la prima vera conclusione di partita arriva al 20′ con Roveda che tenta un tiro a giro da dentro l’area, trovando una miracolosa deviazione del portiere ospite Mastrolillo che spedisce fuori la sfera. Ci riproverà nei minuti finali della prima frazione il perno dell’attacco di casa Gibellini che dal limite tenta un destro al volo di poco alto sopra la traversa (tiro che arriva dopo la deviazione di Albino sul lancio in profondità per Bugno da parte del compare Rosato).

Uno dei tanti scontri tra Luca Cabrini (9) e Raffaele Rosato (23)

Rivalsa ospite. Il ritorno dopo la pausa sancisce un epilogo diverso: se da un lato l’Rg Ticino mantiene i suoi ritmi molto alti (grazie anche all’ingresso di un paio di forze fresche), dall’altro il Trino si risveglia provando a non seguire troppo il gioco avversario e cercando quindi di impostarlo. Infatti, al fianco del mastino d’attacco Cabrini intervengono in aiuto i colleghi Brugnera, Bisacco e poi Troplini. Con l’avanzamento di gioco del Trino arriva anche il suo primo tiro in porta: ci pensa un rinato Laneve che, imbucato in mezzo da Brugnera, conclude debolmente a rete, creando non troppi problemi al portiere di casa Baglieri. Lo stesso Baglieri che pochi minuti dopo manterrà invariato il risultato, grazie alla parata “a tutto corpo” sulla conclusione ravvicinata di Birolo: conclusione arrivata dopo l’imbucata in profondità di Laneve e l’inutile deviazione di Rossi. Dieci minuti da brivido per gli ospiti quando una conclusione dell’esterno di casa Gomez viene ben controllata da Mastrolillo, il quale a causa di un possibile infortunio abbandona e riprende la sfera causando una punizione a due dentro la propria area. La stessa punizione che si schianta sulla muraglia umana creata dai giocatori del Trino e la cui ribattuta finisce sul fondo dopo una conclusione sbilenca sempre dello stesso Gomez. Pochi minuti più tardi sarà di nuovo il Ticino ad avvicinarsi alla prima marcatura con Gibellini che viene steso in area da Francia con il direttore che indica immediatamente il dischetto del rigore: si presenta Bugno dagli 11 metri che di sinistro sbaglia il penalty calciando rasoterra a lato del palo mancino. Si chiude il cerchio dei 10 minuti di fuoco con l’espulsione di Rosato per fallo su ultimo uomo ai danni del solito Cabrini. Minuti finali che si rivelano decisivi per i padroni di casa con la ripartenza dalla destra di Gibellini che imbuca in mezzo all’area Scienza: il suo rasoterra mancino si insacca a fil di palo alle spalle di Mastrolillo, regalando il vantaggio ai suoi. Non bastano la traversa di Bissacco su una punizione dalla destra e la successiva conclusione sul fondo di Baggio per riportare di nuovo il risultato in parità.

Triplice fischio che sancisce la vittoria in extremis per i padroni di casa dopo uno scontro incredibile che ha visto succedere di tutto. Rg Ticino sempre più convinto delle proprie potenzialità con l’unico obiettivo di tornare in testa al girone, consapevoli anche dei due scontri da recuperare. Lg Trino che cede alla supremazia di casa nei minuti finali, utilizzando questa sconfitta come prova di maturità in vista dei prossimi scontri.

IL TABELLINO

RG TICINO-LG TRINO 1-0
RETI: 44′ st Scienza (R).
RG TICINO (4-3-2-1): Baglieri 7.5, Scienza 8 (45′ st Dal Santo sv), Ogliari 7, Sorrentino 7, Malvestio 6 (38′ Colombo 6.5), Roveda 6.5 (4′ st Ramponi 7), Bugno 6.5, Gomez 6.5, Rosato 6.5, Rossi 6, Gibellini 7.5 (45′ st Napoli sv). A disp. Cotardo, Bellino, Puka, Gottardi, Mor. All. Celestini 7.
LG TRINO (4-3-2-1): Mastrolillo 7, Albino 6.5, Laneve 7 (43′ st Ferrari sv), Bussi 6, Baggio 7, Francia 7, Coppola 6.5 (30′ st Troplini 7), Birolo 6.5, Cabrini 7.5, Bissacco 7, Brugnera 7. A disp. Bouchefra, Moracchiato, Pane, Misbah, Giarola, Roncarolo, Veliu. All. Gioia 6.
ARBITRO: Manis di Oristano 4.
COLLABORATORI: Marra di Torino e Sita’ di Torino.
AMMONITI: 3′ Albino[03] (L), 7′ Laneve (L), 19′ Rossi[01] (R), 22′ Sorrentino (R), 4′ st Colombo (R), 30′ st Birolo (L), 33′ st Bissacco (L).
ESPULSI: 39′ st Rosato (R).

Superba la prestazione del registra di casa Matteo Origlia e del capitano del Trino Simone Bisacco

LE PAGELLE

PAGELLE RG TICINO
Baglieri 7.5 Nella prima frazione non tocca palla se non per rinviare od appoggiare a qualche compagno un pelo più libero. Nella ripresa salva più volte il risultato come la conclusione debole di Laneve oppure la parata “a tutto corpo” su Birolo.
Scienza 8 La sua tenacia è devastante (chiedere a Baggio e Francia conferma dato che non riescono praticamente a gestirlo). Si dimostra rapace in ogni occasione come la deviazione sul fondo al momento del rinvio di Baggio, che ha preoccupato molto gli ospiti. Suo il gol partita dopo una sfida da 10 e lode con l’imbucata all perfezione di Gibellini dalla sinistra (45′ st Dal Santo sv).
Ogliari 7 In mezzo al campo dimostra la sua gestione della palla e dell’intera partita. Essenziale per i suoi visto i numerosi passaggi andati a buon fine. Sempre essenziale anche nella ripresa con filtranti precisi e intelligenti. Con i suoi movimenti ricorda un po’ il Pirlo di una volta.
Sorrentino 7 Corsia sinistra gestita da lui sia in fase difensiva, vista la fiducia riportatagli dal collega Rosato e in avanti con il compagno di corsia Gomez (anche se non sempre con il giusto spirito). Ammonito nella prima frazione per una disattenzione su Cabrini. “Divin codino” della fascia sinistra.
Malvestio 6 Viene tirato fuori dalla partita in anticipo anche se non risulta malvagia la sua prestazione. Probabilmente non ha fatto ciò che il tecnico gli ha chiesto.
38′ Colombo 6.5 Prima frazione assente (anche per via del rientro negli spogliatoi dopo poco), poi nella ripresa entra in partita piazzandosi davanti al posto di Gibellini (che retrocede in mezzo alle retrovie). Lotta caparbia con Francia e Baggio, che gli causerà anche un’ammonizione ad inizio ripresa.
Roveda 6.5 Uscito ad inizio ripresa, segna una prestazione sufficiente ma non del tutto ottima. Suo il tiro più pericoloso tra i suoi nel primo tempo, ben deviato a rete sicura da Mastrolillo.
4′ st Ramponi 7 Subito offensivo con ottime discese, dialoghi perfetti con Rossi e Colombo (vedi 1-2 in zona offensiva) e conclusione pericolosa ben deviata dal difensore Francia. Spaventosamente imprendibile, passa poi a terzino dopo la marcatura e l’uscita dai giochi di Scienza.
Bugno 6.5 Capitano coraggioso con accelerazioni micidiali che mettono in subbuglio tutto il comparto difensivo. Insieme ad Ogliari si tiene strette le chiavi del centrocampo. Sbaglia il rigore da possibile vantaggio che sbava su una prestazione più che ottimale.
Gomez 6.5 Contributo sufficiente anche se sembra abbia quasi paura con il pallone tra i piedi. Ripresa sempre a freno a mano tirato con un paio di conclusioni non troppo decisive. Il dialogo con Sorrentino non è sempre dei migliori visti i suoi momenti di dormiveglia nella partita. Due conclusioni interessanti nella ripresa che non riesce a finalizzare al meglio, ottenendo però una punizione a due da distanza ravvicinata.
Rosato 6.5 Difende con tutte le armi che possiede (visto che contrastare Cabrini non è semplice) facendosi anche sbattere fuori. Viene espulso in maniera non troppo nitida dopo aver atterrato Cabrini in ripartenza verso la porta del compare Baglieri. Per il resto dimostra un buon senso della posizione, oltre a lanci in profondità sempre da brividi.
Rossi 6 Compagno di difesa che è tra i primi a crollare nella ripresa dopo la rivalsa degli ospiti. Viene ammonito nel primo tempo dopo aver frenato in maniera fallosa l’unico superstite ospite Cabrini.
Gibellini 7.5 In avanti dimostra tutto il suo potenziale e confermano ciò le sue prestazioni da capogiro che spaventano non poco gli avversari. Conquista il rigore sbagliato dal collega Bugno dopo un intervento falloso di Francia (45′ st Napoli sv).
All. Celestini 7 La squadra ci ha creduto fino alla fine nonostante il rigore sbagliato di Bugno e l’espulsione anticipata di Rosato. Adesso testa alle prossime partire (compresi i vari recuperi).

PAGELLE LG TRINO
Mastrolillo 7 Miracoloso su Roveda nel primo tempo e questo evita il vantaggio novarese praticamente certo. Per il resto si limita ad urlare dietro si suoi per i vari retropassaggi pericolosi, a conferma della mancanza di idee di gioco, e per le varie posizioni sbagliate. Si infortuna dopo una conclusione di Gomez, causando una punizione a due praticamente da dentro la porta. Passa metà ripresa infortunato senza poter rinviare il pallone e riuscendo lo stesso ad evitare il gol sul penalty.
Albino 6.5 Contenere Gomez è dura anche se non è ancora nelle sue prestazioni migliori, ma per tutta la prima frazione non sbaglia se non per un’ammonizione dopo pochi minuti. Ripresa meno in difficoltà e con più sicurezza con un dialogo diverso con il neo entrato Troplini.
Laneve 7 Primo tempo assente con tanto di ammonizione per un fallo su Scienza. Ripresa, invece, alla riscossa con discese interessanti e bel dialogo con il compare di corsia Brugnera, oltre ad una conclusione facile ed un assist al bacio per il collega Birolo. La sua uscita causerà il gol partita per il Ticino (43′ st Ferrari sv).
Bussi 6 In mezzo al campo non riesce a sbocciare come il suo omonimo Ogliari del Ticino. Per il resto prestazione ordinaria con un fraseggio sufficiente con Birolo e Coppola ai lati e Bisacco davanti.
Baggio 7 Gibellini risulta imprendibile e pure i colleghi Malvestio e Scienza non sono da meno. Brivido per i suoi quando dopo un passaggio in area da parte del proprio portiere viene deviato da Scienza, finendo di poco sul fondo. Mastino che lotta su ogni pallone nonostante i pericoli viventi di Scienza, Gibellini e Ramponi.
Francia 7 Anche lui come il collega Baggio fatica a tenere a bada Gibellini (ed anche Malvestio quando si cambia di lato con Scienza). Toglie dalle spine un cross da paura di Bugno dopo che si era fatto tutto il campo di corsa (compreso essersi scartato anche lui). Chiude la conclusione del neo entrato Ramponi evitando un probabile gol e causa il rigore mettendo al tappeto Gibellini, senza creare effettivi danni dato che Bugno lo sbaglierà.
Coppola 6.5 Come tutto il reparto offensivo ospite ha paura della supremazia avversaria e quindi tende più a dare manforte dietro al collega Albino che a supporto davanti al compare Cabrini (che infatti gli urla dietro). Ripresa senza sbavature ma anche senza particolari interventi.
30′ st Troplini 7 Aiuta sia a centrocampo che sulla corsia destra, mettendo l’intera squadra in condizione di poter affrontare meglio la corazzata avversaria rispetto al collega Coppola. Più fluido il dialogo con Cabrini davanti.
Birolo 6.5 Fa suo il centrocampo per i suoi anche se di fronte ad Ogliari e Ramponi può fare poco. Con l’ingresso del compare Troplini si dà manforte per gestire meglio i palloni in mezzo al campo. Si mangia un gol già fatto dopo la perfetta imbucata in profondità del collega Laneve (conclusione sul corpo di Baglieri).
Cabrini 7.5 Davanti si trova solo per via del poco coraggio dei suoi, quindi subisce tutto quello che può subire dai vari interventi difensivi di Rosato, Rossi e Sorrentino. Urla dietro ai suoi ma per tutto il primo tempo solo invano. Coraggioso anche nella ripresa, con i vari compagni che iniziano ad aiutarlo un pelo di più. Fa espellere Rosato per un fallo da ultimo uomo.
Bissacco 7 E’ l’effettivo assente tra i suoi nel primo tempo. Nella ripresa si dimostra un capitano vero credendoci insieme a tutta la squadra, riuscendo anche a sfiorare il pareggio a tempo scaduto con una punizione da posizione impossibile (traversa piena). Ottimo il recupero sulla ripartenza di Scienza nel finale anche se l’ammonizione per aver calciato il pallone lontano è leggermente inadeguata per un calciatore di esperienza come lui.
Brugnera 7 Primo tempo chiuso da Rossi nelle sue mosse offensive, ripresa, invece, alla riscossa con maggiore collaborazione con Laneve dietro e Cabrini in mezzo. Nel finale cerca una deviazione su un’imbucata per vie centrali, ma viene ben gestita da Baglieri che evita così il pareggio.
All. Gioia 6 Cambia un difensore per un attaccante nei minuti finali e subisce gol dopo pochi secondi. Rimette in piedi la squadra dopo un primo tempo da surclassati, ma alla fine sbaglia tutto e torna a casa con zero punti. Partita coraggiosa, ma una piccola sbavatura li ha tagliato le gambe.

PAGELLE ARBITRO
Manis di Oristano 4 Direzione insufficiente visti i vari errori in fase di interventi fallosi e cartellini vari. Rigore forse concesso al limite per poi ammonire con troppa semplicità alcuni giocatori, mentre, altri neanche un semplice richiamo. Anche l’espulsione per Rosato risulta al limite visto la non troppa pericolosità della posizione di Cabrini in quel momento. Per il resto la scelta di preferire un fotografo ad un altro magari a lui non può interessare, peccato che quello rimasto fuori si è fatto circa 200km per poterlo fotografare (ma ripeto a lui ciò non interessa).

LE INTERVISTE

Costanzo Celestini, tecnico Rg Ticino: “Sapevamo che il Trino è una squadra che prende pochissimi gol e riuscire ad entrare nella loro ragnatela difensiva non è semplice. In questo momento inoltre paghiamo ancora qualche difficoltà fisica per via del periodo di stop forzato dovuto dal virus. Abbiamo subito molto, ma nonostante il rigore sbagliato e l’uomo in meno siamo riusciti ad ottenere lo stesso i tre punti”.

Paolo Scienza, autore del gol per l’Rg Ticino: “Questa era una partita assolutamente da vincere e lottando fino alla fine ci siamo riusciti. E’ stata una partita combattuta dove è successo praticamente di tutto, ma alla fine abbiamo dimostrato di avere più cuore noi e ci siamo portati a casa i tre punti”.

Roberto Gioia, tecnico Lg Trino: “I miei hanno fatto una gran partita, forse nel primo tempo sono stati poco coraggiosi di fronte ai ritmi altissimi degli avversari, ma nella ripresa la partita ha cambiato la tendenza compresa qualche occasione per noi a tu per tu con il loro portiere. Nel finale siamo stati puniti, ma di sicuro questa sconfitta ci farà riflettere molto sulle nostre effettive capacità anche in vista dei prossimi incontri”.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli