risultati coppa Eccellenza
Tutto rimandato alla gara di ritorno tra Corneliano Roero e Chisola dopo il pareggio a reti bianche.

Termina la gara 1 degli ottavi di finale di coppa Eccellenza, lasciando spazio a risultati decisamente sorprendenti sia nelle partite tra le squadre del girone A che del girone B. Buon pari per l’Oleggio in trasferta contro il Baveno, con gli “orange” che passano in vantaggio a fine primo tempo con Cherchi, per poi farsi agguantare dai padroni di casa nella ripresa grazie alla rete di Clausi; fa clamore la super prestazione del Pont Arnad, con la squadra guidata da Ezio Rossi che rifila 5 reti al FR Valdengo con Grange assoluto protagonista grazie ad una tripletta; risultato a sorpresa a Settimo Torinese, con la Pro Eureka che ferma la corazzata Borgaro sull’1-1; bene il LG Trino contro la Ro.Ce., con i padroni di casa che riscattano la sconfitta in campionato vincendo 2-1 e ritrovando il bomber Erbini.
Nel girone B cade ancora il Canelli che perde 3-2 in casa contro uno straripante Derthona, con i ragazzi di Pellegrini che azzannano gli spumantieri per la seconda volta in stagione; il Pinerolo porta a casa la gara d’andata contro la Cbs rimontando da una situazione di momentaneo svantaggio (firmato da Palumbo), per poi ribaltarla in 8′ grazie alle reti di Maio e Ferrero; l’Olmo di Magliano si conferma un vero e proprio incubo per la Pro Dronero, che cade dopo 6 vittorie consecutive tra coppa e campionato perdendo 1 a 0 in casa grazie al rigore trasformato da Andrea Dalmasso.

RISULTATI COPPA ECCELLENZA, ANDATA OTTAVI DI FINALE

BAVENO – OLEGGIO 1-1
Reti (0-1; 1-1): 29′ Cherchi M. (O), 27′ st Clausi (B).

PONT ARNAD – FR VALDENGO 5-0
Reti: 16′, 18′, 2′ st Grange, 22′ st rig. Orofino, 36′ st Dayne.

LG TRINO – RO.CE 2-1
Reti (2-0; 2-1): 39′ Erbini (L), 15′ st Cino (L), 16′ st Ibba (R).

PRO EUREKA – BORGARO 1-1
Reti (0-1; 1-1): 31′ rig. Cestone (B), 25′ st De Paolis (P).

PRO DRONERO – OLMO 0-1
Reti: 8′ st rig. A. Dalmasso.

PINEROLO – CBS 2-1
Reti (0-1; 2-1): 4′ st Palumbo (C), 18′ st Maio (P), 26′ st Ferrero (P).

CANELLI SDS – HSL DERTHONA 2-3
Reti (0-1; 1-1; 1-3; 2-3): 9’ Fiore (D), 14’ st Begolo (C), 31’ st Spoto (D), 37’ st rig. Soumah (D), 45’ st Ramello (C).

CHISOLA – CORNELIANO ROERO 0-0
CHISOLA (3-5-2): Galante, Anderson, Vernero (1′ st De Mitri), Germinario, Mazza, Ba (12′ st Tuninetti), Rizq (24′ st Capocelli), Bellino (12′ st Chirulli), Cristiano, Ollio (31′ st Di Cello), Degrassi. All. Nisticò. A disp. Ariotti, Dagasso, Peyronel, Pairetto.
CORNELIANO ROERO (4-3-3): Cafaro, Gatti, Guienne (16′ st Manuali), Sinisi, Boveri (10′ st Carfora), Morone, Favale (12′ st Montante), Galasso, Mangia, Pirrotta (40′ st Colletta), Torre. All. Cascino. A disp. Corradino, Abdelghani, Bonino, Alessandria, Viola.

Gara piacevole a Vinovo tra il Chisola ed il Corneliano Roero, con il match che termina a reti bianche dopo 90′ fatti di grande agonismo messo in campo da entrambe le compagini. Esordio tutto sommato positivo per il neotecnico vinovese Fabio Nisticò che, dopo il cambio improvviso in panchina, ha provato sin da subito ad imprimere la propria grinta e le sue idee tattiche ai ragazzi. Il primo tempo infatti ha mostrato un buon approccio da parte di entrambe le squadre, con gli ospiti roerini di Camillo Cascino scesi in campo con tante seconde linee (Montante e Corradino su tutti lasciati a riposo per la sfida di domenica contro il Canelli), le quali hanno risposto nel modo giusto. A creare di più però sono i padroni di casa, che sull’asse Vernero-Rizq sfiorano il vantaggio al 10′, con il numero 9 che manca l’impatto per poco. Al 36′ ci riprovano i biancoblù ancora con Rizq, che scappa sulla sinistra, si accentra per calciare con il destro a giro, che però trova i guantoni di Cafaro, che riesce a deviare sulla traversa. Nella ripresa i roerini riescono ad affacciarsi maggiormente dalle parti di Galante, andando al tiro al 9′ con Sinisi, che calcia dal limite trovando però la parata del portiere. A 11′ dalla fine il Chisola ha probabilmente la palla gol più ghiotta della gara grazie alla ripartenza rapida di Capocelli, che salta un paio di uomini per poi calciare dal limite dell’area, con il destro che sfiora la traversa.