16 Maggio 2021

Sandro Siciliano: «Moduli fluidi per entrambi, Tindo svaria in avanti. Castagna mattatore»

Le più lette

Aldini-Lombardia Uno Under 14: Mangione devastante e Panza da urlo, Cinerari tiene alta la bandiera degli ospiti

Gol bellissimi, episodi da moviola, scontro di pensiero tra i due allenatori e animi caldi anche in campo. C'è...

Il ‘manifesto’ della Lnd: Giovani, fuoriquota, Under 19, Under 18 (con deroga al vincolo), più la richiesta di apertura al pubblico e uso spogliatoi

Dopo le riunioni delle varie 'aree' (Nord, Centro e Sud) la Lega Nazionale Dilettanti ha raccolto le istanze e...

Parla il nuovo responsabile del settore giovanile del Busnago:«Le relazioni umane sono fondamentali»

Emanuele Galizioli è il nuovo responsabile del settore giovanile Busnago Calcio, una realtà sportiva che pensa molto ai propri...

Borgaro-Aygreville è 4-3-3 vs 4-2-3-1.
Il Borgaro in campo con Novallet in porta e la linea difensiva a quattro: Lamantia centrale di destra e Alasia di destra. Terzini Pavia a destra e capitan Fontana a sinistra. Il vertice basso del centrocampo a tre è il fuoriquota Bernard, mentre gli interni sono Tindo, libero di svariare partendo da destra, e il ragioniere Gerbaudo a sinistra. Nel tridente offensivo Orofino parte a destra per poi spostarsi a sinistra successivamente, Sarao sulla corsia opposta e al centro il 2002 Molfetta.
L’Aygreville risponde con Pomat in porta e anch’essi con la linea a quattro indifesa. Da destra a sinistra: Marchesano, Prola, Gentili e Bonomo. I due centrocampisti centrali esperti Cuneaz e Furfori. Il tridente della trequarti a sostegno dell’unica punta Brunod è composto da Dayné a destra, Battilani a sinistra e al centro Castagna, vero mattatore di questa partita. L’Aygreville quando fa partire l’azione dal portiere attacca con un 3-4-4 con le catene laterali scivolano in avanti. Il sistema rimane quello di partenza quando invece a impostare l’azione sono i due difensori centrali. In fase di non possesso invece i ragazzi di Pasteris si schierano con un più canonico e classico 4-4-2.

Inferiorità numerica. I ragazzi di Giuseppe Cacciatore, fino a quando non rimangono in 10 per l’espulsione di Lorenzo Bernard, impostano dal portiere Novallet con i rossoneri ospiti c he aspettano bassi. I gialloblù partono con i centrali lamantia e Alasia e le due catene laterali scivolano in avanti. Tindo va a posizionarsi sulla linea difensiva avversaria in fase dinamica. L’alternativa in fase di costruzione è un 3-4-3 con il play Bernard ad abbassarsi sulla linea difensiva, inserendosi tra i due difensori centrali. In fase di non possesso i borgaresi si difendono con un 4-5-1 facendo scendere gli esterni offensivi sulla linea mediana.
L’espulsione alla mezzora costringe Cacciatore a cambiare assetto passando al 4-4-1 con Molfetta unico riferimento offensivo. L’ultimo quarto d’ora l’ingresso di Samuele Beretta fa passare i gialloblù ad un 3-1-4-1 per provare il tutto per tutto.

I migliori
Borgaro: Stefano Tindo.
Aygreville: Jacopo Gentili, Manuel Brunod, Giacomo Castagna e Leonardo Battilani.

Lavagna tattica a cura di Sandro Siciliano


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli