24 Novembre 2020 - 17:11:24

Trambusto a Settimo: il tecnico Piazzoli si dimette e attacca il Ds Bellantuono

Le più lette

Cazzagobornato Under 14, Mario Montagnini: «Vista questa situazione ora voglio fortificare il mio gruppo»

Questo è un anno importante per tutti i classe 2007. Infatti giocare nella categoria Under 14 significa scendere in...

Pavonese Cigolese Under 14, Vittorio Maccagnola: «Ai ragazzi, quando sbagliano, dico di non cercare alibi: l’errore fa crescere»

Questo primo anno alla Pavonese è l'ennesima esperienza che Vittorio Maccagnola, neo-allenatore degli Under 14, aggiunge al suo lungo...

Como-Pro Patria Serie C: il lampo di Solini riporta il buonumore a Banchini fra le mura amiche del Sinigaglia

Turno di recupero al Sinigaglia fra Como e Pro Patria, chi per fare di casa propria un fortino, chi...

Vincenzo Piazzoli si dimette dall’incarico di tecnico delle violette. La decisione è arrivata nella serata di ieri e la goccia che ha fatto traboccare il vaso dei malumori è stata la volontà societaria di liberare il difensore Claudio Grancitelli, una scelta forse dettata da un calcolo costi-benefici.

Queste le parole del tecnico:
«Ho presentato le dimissioni perché trovo la decisione di far partire Grancitelli inaccettabile, posso anche capire che qualcuno non sia contento del rendimento di alcuni giocatori, ma almeno il direttore sportivo Bellantuono doveva schierarsi e opporsi alla scelta, invece l’ha avallata senza nemmeno interpellarmi. Questa è una mancanza di rispetto verso di me e verso un grande giocatore come Grancitelli».

Malumori e tensioni che si trascinavano da tempo sono alla base del trambusto a Settimo tra Piazzoli e Bellantuono, quest’ultimo colpevole secondo il tecnico di non avere preso le difese di un gruppo che lui stesso ha contribuito a costruire:
«Con Bellantuono si è creato un serio problema, quello di Grancitelli è solo l’ultimo episodio. Da parte della società c’è stata poca fiducia nei confronti dei giocatori durante questo inizio difficile, ma il Direttore Sportivo non ha mai difeso il gruppo che anche lui ha contribuito a costruire. Io mi prendo le responsabilità per la partenza zoppicante, ma dopo cinque partite è ancora presto per valutare la stagione, ma in ogni caso non ci si comporta così con i giocatori. Se non sei contento di come vanno le cose a dicembre ci si guarda negli occhi e ci si saluta, ma non ora e non in questo modo».

Dimissioni irrevocabili quindi, anche perché la soluzione per fare un passo indietro è già stata proposta dal tecnico:
«Ho scritto al presidente dicendo che l’unica strada per revocare le dimissioni era far rientrare il giocatore, almeno fino dicembre e allontanare da me il Direttore Sportivo Bellantuono, col quale non posso più lavorare. Mi è stato risposto che io devo fare l’allenatore e allenare chi ho a disposizione».

Cosa accadrà ora a Settimo? Non è un mistero che buona parte del gruppo sia molto legata a Piazzoli e potrebbe non aver preso affatto bene questa nuova realtà. Si pensi solo a un giocatore chiave come Fascio, fedelissimo di Piazzoli, di certo la sua serietà lo porterà ad onorare l’impegno preso col Settimo, ma con quale spirito?

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli