14 Aprile 2021

Le nostre Bandiere, i Vanchigliers: dalla Scuola Calcio alla prima squadra

Le più lette

Olbia-Giana Erminio Serie C: testa a testa a reti bianche nella sfida tra Canzi e Brevi

Dopo tre vittorie consecutive l’Olbia di Massimiliano Canzi viene fermata in casa dalla Giana Erminio. Alla fine di una...

Villa Valle-Vis Nova Serie D: i bergamaschi asfaltano le lucertole con la tripletta di bomber Castelli

Tra le mura di casa il Villa Valle asfalta 4-1 la Vis Nova, portandosi in cascina tre punti cruciali...

Iris 1914: Una società storica in lotta contro la pandemia, la riflessione di Tremolada per ripensare la Scuola Calcio nerostellata

«C'è la storia; poi c'è la vera storia, poi c'è la storia di com'è stata raccontata la storia. Poi...

Chiamateli pure “I Vanchigliers”. Nel corso degli anni la società granata ha sfornato molti giovani talenti che la hanno ripagata con un vero e proprio atto di fedeltà, decidendo di legarsi alla maglia in tutta la trafila da Scuola calcio a Prima squadra passando per il Settore giovanile. Per avere la prova di questo fatto è sufficiente dare un’occhiata alla rosa della Prima squadra, dove sono presenti ben 8 giocatori cresciuti nella “cantera” del Vanchiglia: partiamo dal più “anziano”, ovvero il centrocampista classe ’97 Gabriele Trotta, un vero highlander granata; c’è poi lo storico capitano dell’annata 2000, il centrocampista Emanuele Bussi, 7 presenze e 1 rete per lui in questa stagione; segue lo zoccolo duro dell’annata 2001, che vede tra i suoi esponenti il portiere Francesco Fiusco, il difensore-goleador Valentino Soplantai e i centrocampisti Andrea Giardino (capitano nel Settore giovanile) e Nicolò Cantone; ci sono infine due giocatori del 2002, il centrocampista Samuele Necchio (che della sua annata era rigorista e anche capitano prima che arrivasse il portiere Marco Cariolo) e il duttile difensore Fabio Laforge, capace di giocare sia da centrale sia da terzino. Scendiamo in Under 19 e troviamo altri ragazzi classe 2002 che presero parte alla stratosferica stagione di Allievi sotto la guida del tecnico Alessandro Malagrinò: stiamo parlando dei tuttofare Marco Carrino e Davide Praticò e del bomber di origine croata Marco Topalovic, andato in doppia cifra (10 reti) nell’annata di Under 17 e autore di un gol in 7 presenze in questa stagione. Sempre rimanendo in Juniores, troviamo anche due pedine importanti classe 2003: il centrale Filippo Abbrugiati, abile nell’adattarsi a giocare sia nella difesa a 4 sia a 3, e il centrocampista e storico capitano dei 2003 Tommaso Ledda. Ultimo ma non per importanza, Alessio Capirone (2001) è il capitano dell’Under 19 nonché fedelissimo del tecnico Sandro Senatore, che commenta così l’importanza di avere in rosa ragazzi che hanno fatto tutta la trafila con la stessa maglia: «Alessio è il capitano per antonomasia, su di lui si può sempre contare sia dal punto di vista atletico sia comportamentale; con lui e con altri ragazzi del 2001 ho un rapporto speciale, la pensiamo allo stesso modo su molte questioni e a livello tattico hanno sempre seguito alla lettera le mie indicazioni, mi ritengo molto fortunato ad averli allenati. Un altro esempio calzante è Valentino Soplantai, che pur essendo in pianta stabile in Prima squadra è sempre venuto con noi quando ne abbiamo avuto bisogno».

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0