festa vigliano
I festeggiamenti di giocatori e staff del Vigliano al termine del match

Se i mezzi tecnici rimangono simili, il risultato è ampio tanto quanto ampia è la differenza, tra le due squadre, nel voler vincere. Il Vigliano rimane ordinato, non concede nulla in verticale ad un Barcanova poco brillante e si aggiudica, meritatamente, la Promozione. La gara si apre con un mancino al volo di Lombardo sul piazzato di Migliardi dalla destra, la conclusione del 9 del Barca, però, termina a lato di poco. All’8’, non irresistibile Rosso in uscita sul cross di Romagnoli, Sorrentino controlla oltre il secondo palo e prova il tiro da posizione defilata ma non inquadra la porta. Su due combinazioni che portano la firma di Roeta e Migliardi, il Barca sfiora il vantaggio al 9’ e al 26’, entrambe le volte con Konan che, servito proprio da Migliardi, prima trova la deviazione di un difensore su un tiro a botta sicura e poi, tutto solo, mette a lato. Giusto un secondo prima del riposo, Beltrame imbuca per Marra che si presenta a tu per tu con Rosso ma l’arbitro ferma tutto per un offside, dubbio. Al rientro, si riparte a ritmi decisamente più alti con un’occasione per il Vigliano sventata sul più bello da Pagnoni, poi l’ennesimo pericolo sull’asse RoetaMigliardi ed infine, al 7’, col rigore trasformato da Marra che dà il vantaggio ai suoi. Rosso intuisce nell’occasione ma, vista la forza con cui il numero 11 calcia la sfera, non ci arriva. Campanile prova a riacciuffarla inserendo El Aqir, un giocatore abituato a spezzare le partite anche entrando a gara in corso, per Baccaglini ma il Barcanova continua a non trovare i varchi giusti. Così, al 26’, capitan Antoniotti pennella in area da calcio di punizione, Beltrame va in acrobazia tra due avversari e firma lo 0-2 che nega definitivamente ogni speranza di rimonta. Al 45’, infine, arriva la gioia personale anche per il giovane De Souza che scappa via alla difesa e sfida Rosso, battendolo al secondo tentativo.

barcanova
Il Barcanova di Giulio Campanile


Barcanova – 4-4-2

Rosso S. 6 Qualche uscita così così ma non ha alcuna colpa.
Carangelo 7 La gara, difensivamente parlando, è perfetta.
Barrella 5.5 Tante scelte sbagliate, non è la sua giornata.
Amadori 5.5 Non manca la buona volontà, ma non basta.
Pagnoni 6.5 Ci mette qualche pezza in più di un’occasione.
Idahosa 5.5 Si fa prendere presto dal torpore generale.
Konan T. 5.5 Si muove bene ma gli manca il killer instinct.
Roeta 7 Lotta, dribbla e crea, tra i pochi a non mollare.
Lombardo 5.5 Pochi sprazzi, ci ha abituati a ben altro.
Migliardi 6.5 Dal tandem con Roeta nasce sempre qualcosa.
Baccaglini 5.5 Impalpabile. 15′ st El Aqir 5.5 Non incide.
All. Campanile 5.5 Come ammette, sono emersi i limiti del Barcanova. Deve ritrovare i suoi punti di forza, e in fretta.

vigliano
L’undici iniziale scelto da Marco Fiorini del Vigliano


Vigliano – 4-2-3-1

Nelva Pasqual 7 Poco impegnato, bene su El Aqir nel finale.
Garitta 7 Marca impeccabilmente la profondità a destra.
Romagnoli 7 Quando ha spazio a sinistra lo sfrutta a dovere.
Zanino 7 Lavoro sporco in mediana, e lo fa molto bene.
Rega 7 Protagonista di un reparto che funziona alla grande.
Zorio 7.5 Lombardo non è un cliente comodo, perfetto.
Emanuele 7 Dà un bel da fare a Barrella con i suoi tagli.
Antoniotti 7 Cuore e mente del centrocampo del Vigliano.
Beltrame 7.5 Gioca per la squadra e segna un gran gol.
Sorrentino 7 Ispira i compagni con belle traiettorie.
Marra 8 Gioca a tutto campo e trasforma dagli undici metri.
38′ st De Souza 7 Spinto dai tifosi, il suo gol era nell’aria.
All. Fiorini 7.5 Ok le motivazioni, ma non dimentica la tattica.