5 Agosto 2020 - 12:59:25

Bricherasio – Garino Prima Categoria E: filosofo Greco Ferlisi, Garino ineluttabile

Le più lette

Benarzole, in attacco arriva Castagna

Il Benarzole trova il suo numero 9 e lo va a pescare con un curriculum di un certo livello....

Ticinia Prima Categoria, tutto pronto per la nuova stagione: parla Rocchi

La Ticinia è ormai pronta a vivere una nuova stagione in Prima Categoria. Alla guida della prima squadra resterà Alessandro...

Vincolo sportivo, il comunicato dei presidenti dell’Area Nord: «Contrari all’eliminazione»

«No all'abolizione del vincolo sportivo». Si chiude così il comunicato dei presidenti dei Comitati Regionali dell'Area Nord, riunitisi lunedì...
Guido Lesen
Guido Lesen
Chiedetemi ciò che volete sul Settore Giovanile/Scuola Calcio di Pinerolo. Passato recente sulla Prima Categoria e sui 2004 provinciali, ora a pieno ritmo sui gironi Regionali dei Giovanissimi FB 😉

Affrontare il Garino di Rizzo non è e non sarà una passeggiata per nessun’avversaria, nell’equilibrato girone E di Prima Categoria. Tantomeno se il Bricherasio è costretto a giocare un vero e proprio scontro diretto con una lunga fila di assenti da dover recuperare.

Battagliera, tuttavia, la squadra di Savino scende in campo con il piglio giusto, sporca le geometrie del 4-3-3 rossoblù con coraggiosi duelli individuali e arriva addirittura al vantaggio dopo 7′: Bottale riceve da sinistra in zona centrale, alza la testa e da fermo serve con un mancino perfetto l’inserimento di Risso alle spalle di Zeni e Musso; l’esterno di casa controlla in corsa e anticipa l’uscita di Pellissero con un destro preciso e angolato.

Il Garino non si lascia scoraggiare e non tira mai indietro la gamba nei numerosi contrasti al centro dello stretto campo di gioco, all’11’ una punizione di Marra libera Greco Ferlisi sul vertice destro dell’area ma il destro ad incrociare successivo sibila alla sinistra del palo opposto. I padroni di casa però sono vivi e attivi, prendono fiducia dall’inaspettato vantaggio e al 14′ per poco non raddoppiano, con l’incontenibile Risso: lancio dalle retrovie, scatto dietro la linea difensiva e sinistro anticipato dalla provvidenziale uscita di Pellissero. 

Un ispirato Bottale, dopo l’assist del vantaggio, prova addirittura “da casa sua” un mancino al 18′ che per pochi centimetri sfiora la traversa, poi pian piano le incertezze difensive portate dalle continue verticalizzazioni del Garino diventano crepe, nel muro gialloblù. Al 26′ l’appoggio a rimorchio di Greco Ferlisi per il piattone destro di Serrao non si concretizza in rete, a differenza di quanto accade un minuto dopo: lancio sull’esterno, appoggio di testa a centro area e inserimento vincente di De Salvo, che prende il tempo al diretto marcatore e con una bella conclusione al volo buca un Manzo troppo inchiodato sulla linea di porta.

Ciò che succede immediatamente dopo, tuttavia, è impronosticabile. Il Bricherasio, ad azione appena ripartita, compie un’ingenuità clamorosa con il malinteso sulla trequarti tra Errico e Manzo, l’esperta faina Greco Ferlisi fiuta l’occasione e sporca il passaggio indeciso del difensore di casa, con la palla che rotola mestamente oltre la linea di porta avversaria.

La reazione del Bricherasio è rabbiosa e convinta, così sebbene Greco Ferlisi sfiori nuovamente la doppietta con un altro destro ad incrociare, a fine primo tempo il “Briche” va per 3 volte vicino al pari; al 38′ l’incornata di Bolla sull’angolo di Bottale fa la barba al palo più lontano, al 42′ Aguirre prende il tempo a Multari, va giù in area ma cerca con poca convinzione il contrasto, non ottenendo di conseguenza un penalty altresì non così dubbio e al 43′ il lancio lungolinea di Del Pero libera ancora una volta Aguirre ma il pallonetto tentato è troppo impreciso e troppo poco convinto nell’esecuzione, con Pellissero graziato nell’occasione.

La ripresa sembrerebbe volta a favore di una gara in grado di riaprirsi ma l’esperienza tra le fila del Garino, unita alla panchina corta del Bricherasio, fa la differenza. Così saranno principalmente di marca ospite, le chance più ghiotte, come al 15′, con la punizione allontanata male e ricalciata in porta da De Salvo, ad esaltare la parata con la mano di richiamo di Manzo; anche Ruggiaschi va ad un passo dal gol con un sinistro che non trova lo specchio al 18′, mentre al 20′ arriva l’occasione giusta, ed è una di quelle che si imprimono nella memoria: lancio a tagliare tutto il campo del neo-entrato Mazzei verso la corsia mancina di Ruggiaschi, palla giù a Moukrim puntato, cross a rientrare verso il secondo palo, dove Greco Ferlisi in mezza rovesciata sfonda porta e speranze di rimonta gialloblù.

Purtroppo per Ruggiaschi, la gioia di un (meritato) gol non arriva nemmeno al 38′ perché il destro a giro non prende l’effetto sperato e grazia un Manzo che non ci sarebbe potuto arrivare. Il Bricherasio non trova le geometrie giuste per riaprire di fatto la contesa e il solo tentativo da fuori di Moukrim al 40′ resta degno di nota. Così i ragazzi di Rizzo possono gestire e chiudere definitivamente la contesa al 42′, quando per Greco Ferlisi è fin troppo facile servire l’assistenza a centro area per il subentrato Polonio. Il tap-in è preciso e deciso, così come lo è il Garino di Rizzo, pronto a voler restare nella zona calda della classifica fino alla fine, con l’esperienza, la malleabilità e le qualità tecniche espresse anche sul campo di Bricherasio.

IL TABELLINO DI BRICHERASIO – GARINO PRIMA CATEGORIA

RETI (1-0, 1-4): 7′ Risso (B), 27′ De Salvo, 28′ e 20′ st Greco Ferlisi, 42′ st Polonio.
BRICHERASIO (4-3-3): Manzo 5, Moukrim 5.5, Del Pero 5.5, Bolla 6, Bruno 5.5, Errico 5, Risso 7 (23′ st Lo Gioco 5.5), Charbonner 6.5, Rivoiro 6 (36′ st Bonansea sv), Bottale 6 (44′ st Solito sv), Aguirre 5.5. A disp. Pecora, Corrado. All. Savino 5.5.
GARINO (4-3-3): Pellissero 6.5, Marra 5.5 (1′ st Mazzei 7), Musso 5.5 (28′ st Quaranta sv), Baracco 7, Multari 6.5 (36′ st Beltramo sv), Zeni 6, De Salvo 7, Serrao 6 (18′ st Shtembari 6), Caracciolo 6.5 (25′ st Polonio 7), Ruggiaschi 7.5, Greco Ferlisi 8. A disp. Ferrantino, Catano, Valenti, Ranieri. All. Rizzo 7.
ARBITRO: Cedro di Cuneo 6.5 Buona gestione disciplinare, un paio di sviste più che lecite nell’economia generale.
AMMONITO: 32′ st Shtembari (G).
NOTE: Angoli 5-5.

LE PAGELLE DI BRICHERASIO – GARINO PRIMA CATEGORIA

BRICHERASIO (4-3-3)

Manzo 5 Non legge in tempo il primo gol ma il vero disastro è l’incomprensione sull’1-2.
Moukrim 5.5 In avvio e a sprazzi durante la gara sa farsi valere ma, se puntato da Ruggiaschi, va in grossa difficoltà.
Del Pero 5.5 Partenza propositiva ma l’aura di Greco Ferlisi sembra basti a metterlo in ombra.
Bolla 6 Non molla mai, la spizzata su corner poteva cambiare tutto.
Bruno 5.5 Fatica fisicamente a reggere fino alla fine, ne risente la precisione nelle geometrie.
Errico 5 L’errore in tandem con Manzo non ci voleva proprio.
Risso 7 La sostituzione fa ulteriormente perdere in fantasia ai suoi, nettamente il più pericoloso.
23′ st Lo Gioco 5.5 Non riesce ad allacciare i reparti come dovrebbe.
Charbonner 6.5 Tra le note davvero positive, difficile che sbagli una scelta.
Rivoiro 6 Non sembra al 100% dal punto di vista della tenuta ma mette tutto sé stesso in campo. 36′ st Bonansea sv.
Bottale 6 Illude che i riflettori mediatici puntati su di lui possano farlo splendere come da abitudine (e per i primi 30 minuti è così), poi non riesce a dare la svolta quando bisogna caricarsi la squadra sulle spalle. 44′ st Solito sv.
Aguirre 5.5 Prestazione fumosa, molte decisioni frettolose o di ardua comprensione negli ultimi metri.
All. Savino 5.5 Gli errori individuali non gli sono imputabili. Per quanto si è visto, forse un paio di cambi diversi potevano affossare meno la squadra.

Bricherasio
Il Bricherasio di Luciano Savino

GARINO (4-3-3)

Nino Greco Ferlisi
Greco Ferlisi, Mvp

Pellissero 6.5 Calcia bene i rinvii e viene poco impegnato, anche a causa dell’imprecisione avversaria.
Marra 5.5 Sembra più concentrato verso gli spalti che in fase di costruzione.
1′ st Mazzei 7 Ripaga la fiducia di Rizzo con una giocata a tagliare il campo che è il dolce ripieno della torta sulla quale Ferlisi pone la ciliegina.
Musso 5.5 Si fa prendere in controtempo dal taglio di Risso. 28′ st Quaranta sv.
Baracco 7 Non sarà al centro dell’attenzione ma il vero valore aggiunto a centrocampo è la sua stazza, unita alla sua tecnica.
Multari 6.5 Rende innocui i tentativi combinati di Rivoiro e Aguirre, con le buone o con le cattive. 36′ st Beltramo sv.
Zeni 6 Gara nel complesso positiva, concorso di colpa con Musso nel gol subìto.
De Salvo 7 Stravolge carismaticamente l’esito della contesa.
Serrao 6 L’azione migliore la effettua a gioco fermo, un gol come quello avrebbe svoltato la valutazione.
18′ st Shtembari 6 Si macchia di essere l’unico sul taccuino dei cattivi ma è anche sinonimo di ingresso senza timori reverenziali.
Caracciolo 6.5 Parte a testa bassa ed è sempre difficile trovare il tempo giusto per arrestarlo.
25′ st Polonio 7 Maglia tutto sommato quasi asciutta e il proprio nome sul tabellino. Esperienza.
Ruggiaschi 7.5 Sempre presente nelle azioni più pericolose, meriterebbe anche la gioia di una marcatura personale. Architetto degli assist.
Greco Ferlisi 8 Guida le fila dei “giocatori esperti che fanno ancora la differenza” con una mezza rovesciata che lascerebbe lividi pure ad un 20enne. Peter Pan.
All. Rizzo 7 Bravo nell’individuare i cambi per puntellare i reparti e mantenere l’asticella alta fino al fischio finale, con pazienza e consapevolezza.

LE PAROLE A FINE GARA: SAVINO DEL BRICHERASIO

LE PAROLE A FINE GARA: RIZZO DEL GARINO

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli