12 Agosto 2020 - 00:20:40

Cafasse Balangero – River Leinì Prima Categoria: Illusione Grienti, ma Mounchid dal dischetto permette agli ospiti di acciuffare il pari in nove

Le più lette

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

Juventus Primavera, il Monza si aggiudica l’amichevole estiva

La Juventus Primavera torna in campo per preparare l'ottavo di finale di Youth League contro il Real Madrid del...

Federico Albisetti, dalla cantera dell’Alpignano all’Under 18 del Torino

Non c'è ancora la firma, ma è solo una questione di giorni, a settembre Federico Albisetti sarà un giocatore...

Il calcio è veramente strano. In quanti a fine primo tempo, con il Cafasse Balangero in vantaggio di un gol e in doppia superiorità numerica, avrebbero scommesso su un finale del genere? Probabilmente quasi nessuno. Eppure il River Leinì di Alessio Negro si dimostra squadra coriacea e mai doma, trova energie nascoste e in nove riesce a strappare un pareggio che ha il sapore di vittoria. Enorme rammarico d’altra parte per il Cafasse di Stefano Fioccardi (oggi in tribuna per l’ultima giornata di squalifica da scontare), che non approfitta dell’enorme opportunità e lascia per strada 2 punti che nell’arco della stagione rischiano di pesare molto.

La partita, due squadre con moduli speculari

Moduli speculari per le due formazioni, che con il 4-3-3 provano ad aggredire le rispettive difese avversarie con tagli e sovrapposizioni degli esterni. Padroni di casa che si affidano alla rapidità di Boscolo, mentre Negro lascia libertà di manovra in fase offensiva a Zarantonello, che svaria su tutto il fronte d’attacco cercando il varco giusto. A partire forte è il Cafasse, che al 17′ trova il vantaggio: Mura sfreccia sulla fascia sinistra e crossa in mezzo trovando una deviazione, la palla rotola fino al limite dell’area dove Grienti fa partire un insidioso rasoterra sul palo di Faulisi che, sorpreso dalla traiettoria, non riesce ad opporsi ed è costretto a raccogliere il pallone dal fondo della rete. Scena che potrebbe ripetersi per altre due volte per il portiere ospite, che però viene salvato prima al 31′ dal palo, che respinge una bellissima conclusione di Boscolo di interno destro a giro dal limite dell’area, mentre in pieno recupero viene graziato da Radu, che lanciato da Belfiore lo scarta ma a porta vuota non trova lo specchio della porta per un soffio. La partita prende una piega ancora peggiore per gli ospiti a fine primo tempo, quando Misserianni e Trotta si vedono sventolare in faccia due rossi diretti, rispettivamente per un fallaccio e per proteste. La ripresa però è sorprendente: il rimaneggiato River ci mette cuore anima e prende in mano le redini del match, mentre i padroni di casa pagano un leggero rilassamento e, invece di chiudere la partita, si barricano nella propria metà campo, spaventati dal vigore degli ospiti. È Zarantonello a caricarsi sulle spalle la squadra, sfiorando due volte il gol su punizione: sulla prima è Pagliasso con un bel colo di reni a deviare il pallone sulla raversa, mentre sulla seconda il numero 7 ospite sfiora l’incrocio dei pali. È però inevitabile, in condizioni di emergenza, lasciare qualche spazio di troppo, e al 22′ è clamorosa l’occasione che capita sui piedi di Boscolo per siglare il raddoppio, ma la punta gialloblù trova sulla strada un sensazionale intervento di Faulisi. E quando fallisci occasioni così ghiotte, il calcio molto spesso ti punisce. Le prime avvisaglie arrivano al 41′, quando Iodice da ottima posizione calcia alto su assist di Elkas. E al 43′ gli ospiti trovano finalmente il varco giusto, quando Armato si infila in area di rigore e viene steso da Pagliasso: l’arbitro non ha dubbi e indica il dischetto, su cui si presenta Mounchid che, glaciale, fredda il numero 1 gialloblù e regala un pareggio incredibile ai suoi.

IL TABELLINO DI CAFASSE BALANGERO-RIVER LEINI’ PRIMA CATEGORIA

CAFASSE BALANGERO-RIVER LEINÌ 1-1
RETI (1-0, 1-1): 17′ Grienti (C), 43′ st rig. Mounchid (R).

CAFASSE BALANGERO (4-3-3): Pagliasso 6.5, Belfiore 6, Mura 6.5, Conte 6.5, Piretta 6, Togni 6.5, Radu 5.5 (32′ st Griglione sv), De Tomatis 5.5 (11′ st Fondello 5), Boscolo 6.5, Michelotti 6, Grienti 7. A disp. Mosele, Guglielminotti, Favata Alb. All. Casale 5.5

RIVER LEINÌ (4-3-3): Faulisi 7, Misserianni 4, Armaiuoli 6, Rognetta 6 (23′ Iodice 6), Armato 7.5, Ortalda 6, Zarantonello 7 (46′ st Kalow sv), Trotta 4.5, Elkas 6, Mounchid 6.5, Postiglione 5 (38′ st Keita sv). A disp. De Rossi, Saullo, Modonutto, Valente, Paletto, Allab. All. Negro 7

AMMONITI: 6′ Armato (R), 18′ Ortalda (R), 36′ De Tomatis (C), 11’st Mura (C), 20’st Togni (C), 27’st Piretta (C), 43’st Pagliasso (C).
ESPULSI: 46′ Misserianni (R), 48′ Trotta (R).
ARBITRO: Manente di Nichelino 5 Direzione a dir poco confusionaria della gara: nella prima mezz’ora non fischia niente, poi all’improvviso fischia di tutto e di più. Giusta l’espulsione di Misserianni.

CAFASSE BALANGERO
All. Casale 5.5 Sostituisce lo squalificato Fioccardi e gli gira male: i suoi si abbassano troppo nella ripresa.
Pagliasso 6.5 Reattivo nel deviare sulla traversa un’insidiosa punizione di Zarantonello. Sul rigore può poco, sia in occasione del fallo che nella realizzazione.
Belfiore 6 Radu spreca un suo bel lancio dalle retrovie.
Mura 6.5 Solita doppia fase condotta egregiamente: da una sua discesa sulla sinistra nasce il gol dell’1-0.
Conte 6.5 Uno dei pochi a non perdere lucidità nella ripresa.
Piretta 6 Tiene a bada Postiglione, con le buone e con le cattive.
Togni 6.5 Qualche chiusura da applausi a togliere più di una castagna dal fuoco.
Radu 5.5 Mezzo voto in meno per il mancato gol del raddoppio a porta vuota, avrebbe potuto fare di più. 32′ st Griglione sv
De Tomatis 5.5 Fatica da mezzala e viene spostato subito in regia, ma anche lì va in affanno. Poi esce per un problema fisico. 11′ st Fondello 5 Male male, potrebbe spaccare la partita ma sbaglia quasi tutto lo sbagliabile.
Boscolo 6.5 Con la sua eccezionale rapidità sguscia sempre via come un fulmine. Il palo e un super Faulisi gli negano la gioia del gol.
Michelotti 6 Gara ordinata in mezzo al campo.
Grienti 7 Segna l’illusorio gol del vantaggio e nel secondo tempo manda Boscolo in porta con un bel passaggio.

Cafasse Balangero
Il Cafasse Balangero di Stefano Fioccardi

RIVER LEINI’
All. Negro 7 Che reazione dei suoi nella ripresa! Nonostante la doppia inferiorità numerica, la squadra prende il controllo della ripresa e non molla fino a trovare un incredibile pareggio.
Faulisi 7 Leggermente in ritardo sul gol di Grienti, ma si riscatta con il prodigioso l’intervento con cui strozza l’urlo di gioia in gola a Boscolo.
Misserianni 4 Rischia di rovinare la giornata ai suoi compagni, beccandosi il rosso diretto per un fallaccio.
Armaiuoli 6 Meglio, come tutti nel River, nella ripresa, in cui prende le misure a Radu e non gli lascia spazi.
Rognetta 6 Sfortunato, costretto ad uscire per infortunio dopo pochi minuti. 23′ Iodice 6 Personalità per il classe 2001, che ha l’unico neo del gol mancato nel finale da buona posizione.
Armato 7.5 Che gara del capitano! Dietro concede poco o nulla, ma è in fase di impostazione che dà il meglio di sè, rendendosi protagonista di discese palla al piede da applausi: è proprio in una di queste occasioni che guadagna il rigore.
Ortalda 6 Dopo un primo tempo in apnea, trova finalmente il ritmo nella ripresa.
Zarantonello 7 Il faro della squadra: da fermo sfiora due volte il pareggio e diventa un rebus irrisolvibile per la difesa gialloblù con il passare dei minuti. 46′ st Kalow sv
Trotta 4.5 Ingenuo il rosso che si becca per proteste: in certi casi è necessario usare la testa e rimanere concentrati.
Elkas 6 Ci crede fino alla fine ed è uno degli ultimi a mollare.
Mounchid 6.5 Ci vuole fegato per prendersi la responsabilità di calciare rigori del genere, e lui dimostra di averlo: rigore perfetto e 1-1 da film.
Postiglione 5 Nervoso e abulico, non riesce mai a saltare i centrali avversari e rischia il rosso per una gomitata che per sua fortuna l’arbitro non vede. 38′ st Keita sv

Le parole a fine partita di Alessio Negro e Stefano Fioccardi

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli