18 Giugno 2021

Collegno Paradiso – Pro Collegno Coppa Prima Categoria: incornata di Muzio all’ultimo respiro

Le più lette

Enotria-Aldini Under 16: Pellegrino e Cattaneo trascinano i rossoblù alla vittoria nel derby milanese

Al centro sportivo di via Cazzaniga va in scena il derby tutto milanese tra Enotria e Aldini, due società...

Nuova Trezzano-Lombardia Uno Pulcini: Cuor di Leo chiude la porta ma non basta, si sdoppia Furnò ed è serenata D’Amore rossonera

I Pulcini del girone 28 della Lombardia Uno concludono la tornata estiva di Grassroots Fair Play «a punteggio pieno...

Folgore Caratese-Lavagnese Serie D: Ciko la aggiusta, ma Longo saluta i playoff

Probabile addio ai playoff per la Folgore Caratese con il pareggio imposto da una Lavagnese attenta e coriacea, decisa...

Il derby cittadino tra Collegno Paradiso e Pro Collegno si disputa in un clima del tutto particolare visto le inconsuete – oltre che non ancora confermate – normative relative al virus. Ma questo non disperde la magia che una partita del genere crea e lascia nel cuore dei loro tifosi, che persino dai balconi dei palazzi circostanti seguono con ansia le due rivali che si scontrano.

Di per se la partita riserva emozioni non da poco e viene sbloccata proprio all’ultimo secondo dell’ultima azione da un colpo di testa di Luca Muzio, che sfrutta alla perfezione un corner dalla destra. Aspetto ancora più insolito – oltre che memorabile per l’intero match – è che quell’ultimo corner non sembrava essere effettivamente un corner, ma più una semplice rimessa laterale vicina alla linea di fondo. Complice di questa presunta svista il direttore di gara che sul rettangolo di gioco (e non solo) ha dimostrato notevole indecisione, e forse un pizzico di inesperienza.

Ma nemmeno la direzione di gara è riuscita a rovinare una partita fisica, rocciosa, aperta fino all’ultimo e piena di adrenalina da farti sobbalzare dal seggiolino ogni volta che la sfera si avvicina ad una delle due aree di rigore. «Si è assistito a qualche invenzione arbitrale, e tutto questo a tempo scaduto – commenta a caldo il tecnico della Pro Domenico Amoroso – un fallo laterale è stato trasformato in maniera assurda in un corner. Opinioni diverse probabilmente, però in compenso sono contento della prova dei ragazzi».

Le opinioni alla fine sono sempre tante ed il campo ha parlato meglio di tutti in questo caso.

LA PARTITA
Match che inizia subito aggressivo da parte dei padroni di casa che con i suoi pilastri Edoardo Paccagnella e capitan Andrea Furno hanno garantito un’ottima disposizione del campo per tutti i 90 minuti. Tiri in porta ce ne sono stati pochi, non per via di una gara piatta, ma per merito di entrambi i centrocampi, precisi ed ordinati in ogni gestione di palla.

Il primo squillo della partita arriva al 15pt, non per via di una conclusione pericolosa, ma per un infortunio muscolare che ha colpito il 10 rossoblù Guglielmo Viola, costretto all’uscita anticipata, lasciando così spazio a Alessandro Amoroso. Al 34pt arriva la prima conclusione (per così dire) per i padroni di casa che si presentano con Moreno Lo Russo che liscia un cross rasoterra dalla destra di Alessandro Muzio, mangiandosi clamorosamente il vantaggio a due passi dalla porta avversaria.

Ripresa che inizia più propositiva da parte degli ospiti, arrivando a conquistare così il pallino del gioco. Dalle cavalcate di Amoroso – che hanno creato non pochi problemi alla coppia difensiva Danfa-Allegretti – alla grinta del terzino sinistro Giancarlo Busso, passando per i miracolosi interventi di Francesco Sergi che fino alla fine hanno tenuto aperta la partita.

Nonostante il gioco conquistato dagli ospiti, sono sempre i padroni di casa a rendersi pericolosi nella zona di Sergi: da ricordare le conclusioni di Simone Sparapano al 21st e di Mirko Catapano – subentrato al posto di Lo Russo – nei minuti finali. Il primo diagonale supera interamente la linea di porta finendo di poco a lato del palo mancino, mentre, la seconda viene deviata miracolosamente in corner dall’estremo difensore.

Il gioco rimane sempre presente, sia per l’una che per l’altra squadra, grazie ai consueti ingressi in campo di forze fresche che mantengono sveglia la partita. Ottima prova del centrocampista di casa Sparapano (entrato in campo dopo la pausa) che ha garantito al Collegno Paradiso una maggiore precisone in mezzo al campo, oltre che intensità e velocità con la palla.

I minuti continuano a scorrere e il risultato non vuole schiodarsi dallo 0-0. Di solito gli ultimi minuti di una partita del genere sono quelli più fatali, sono quelli che fanno la storia.

Il Collegno Paradiso si riversa in avanti con il neo entrato Teo Ferrara che raccoglie a dovere un cinico lancio dalla difesa di Tidiane Danfa e conclude rasoterra. Pallone, deviato alla perfezione da Sergi, termina la sua corsa fuori dal rettangolo di gioco. Il direttore di gara concede il corner per i padroni di casa, mentre, gli ospiti lamentano un semplice fallo laterale a ridosso della linea di fondo. Calcio d’angolo battuto in direzione del secondo palo e Luca Muzio si eleva più in alto di tutti, schiacciando il pallone a rete – probabile odor di schema nell’esecuzione di tutta l’azione.

Il derby è ora nelle mani del Collegno Paradiso. Tempo di portare il pallone al centro e l’arbitro fischia la fine della gara: padroni di casa che conquistano la vittoria all’ultimo respiro.

LE DICHIARAZIONI
«Soddisfatto della prestazione dei ragazzi – commenta a bordo campo il tecnico di casa Alan Melegail primo tempo è stato un po’ più studiato visto il nuovo modulo disposto in settimana, mentre, nel secondo ci siamo aperti meglio, arrivando diverse volte alla conclusione. A mio parere le partite si vincono con i cambi e questa ne è un esempio, oltre al fatto che disponiamo di una rosa che ce lo può permettere. Obiettivo stagionale: giocarsela con tutti, visto che il gruppo è solido».

«Ci abbiamo creduto fino all’ultimo e siamo stati ricompensati – si sbilancia l’autore del gol Luca Muziononostante la coppa, il derby con la Pro è sempre una partita pesante rispetto alle altre. Prossima settimana (prima di campionato sempre contro la Pro) torneremo ancora più concentrati e vogliosi di vincere».

Luca Muzio di questo ne è assolutamente convinto – come tutto il Collegno Paradiso – perciò non ci resta che aspettare la prossima partita.

Collegno Paradiso - Pro Collegno Prima Categoria
Prova convincente per il tecnico del Collegno Paradiso Melega Alan

TABELLINO COLLEGNO PARADISO – PRO COLLEGNO COPPA PRIMA CATEGORIA

COLLEGNO PARADISO-PRO COLLEGNO 1-0
RETI: 45′ st Muzio (C).
COLLEGNO PARADISO (4-3-2-1): Marsico 6.5, Muzio 7, Allegretti 7, Danfa 7, Muzio 7, Paccagnella 7.5 (30′ st Iiripino 6.5), Mezzano 6.5 (1′ st Sparapano 7), Beltempo 6.5, Furno 7 (27′ st Ferrara 6.5), Garofalo 7, Lo Russo 6 (36′ st Catapano 6.5). A disp. Fortuna, Caffaro Rore, Kambala, Careri, La Marca. All. Melega 6.5.
PRO COLLEGNO (4-2-1-3): Sergi 7, Cataneo 6.5 (23′ st Vespa 6.5), Taverniti 6.5, Calafato 7, Busso 7, Bdour 6.5, Mastromonaco 7, Zotta 6.5, Muolo 6.5, Grammatica 6 (7′ st Lo Giudice 6.5), Viola sv (15′ Amoroso 7.5). A disp. Trevisani, Verona, Felice, Zocco, Santangelo, Cozzolino. All. Amoroso 6.5. Dir. Trevisani.
ARBITRO: Alampi di Novara 4. Secondo il suo regolamento il fotografo non poteva accedere al rettangolo di gioco. Oltre a ciò ha diretto la partita senza estrarre nemmeno un cartellino, anche se in qualche occasione ci poteva stare. Molto indeciso in alcuni fuorigioco e nelle rimesse laterali, ma comprendiamo bene le sue difficoltà. Forse corner, forse rimessa laterale… Non si sa. Fatto sta che il Collegno Paradiso ha vinto.

PAGELLE COLLEGNO PARADISO PRIMA CATEGORIA

Collegno Paradiso - Pro Collegno Prima Categoria
La grinta e la tenacia hanno caratterizzato la partita del capitano di casa Andrea Furno

4-3-2-1
All. Melega 6.5 Modulo nuovo che ricompensa le fatiche del tecnico. Ottima disposizione di campo.
Marsico 6.5 Non soffre più di tanto nella sua zona, ma rimane preciso in ogni sua uscita.
Muzio 7 Sali e scendi di livello sulla sua corsia. Poteva diventare l’assistman della giornata se Lo Russo avesse azzeccato la conclusione. Per il resto si accontenta di un’ottima prova.
Allegretti 7 Difesa precisa con raddoppi giusti ed ordinati. Insieme al compare Danfa completa un reparto da dieci e lode.
Danfa 7 Qualche volta va in difficoltà sulle accelerazioni di Amoroso, ma sa come recuperare il terreno perso. Molto bravo con i piedi, lo confermano i suoi lanci verso il reparto offensivo.
Muzio 7 Partita in sordina non per suo demerito, ma perché la posizione che ricopre chiede tanto sacrificio. Segna all’ultimo secondo con la fascia di capitano sul braccio… Coincidenze??
Paccagnella 7.5 Padrone indiscusso del centrocampo con il suo tocco morbido e delicato al pallone. Anima e cuore per tutti i 90 min. 30′ st Iiripino 6.5 Mantiene la stessa intensità del compagno in mezzo al campo.
Mezzano 6.5 Giocate più riflessive, forse più rallentate, ma pur sempre fatte con una certa intelligenza. 1′ st Sparapano 7 Conquista bene il rettangolo di gioco, arrivando più volte alla conclusione. Una di queste scorrerà per tutta la linea di porta.
Beltempo 6.5 Ottima fase di supporto per Furno in fase offensiva e per Muzio Alessandro quando si retrocede.
Furno 7 Capitano di carattere e grinta. Non molla mai e ci crede su ogni palla: un ottimo esempio per i compagni. 27′ st Ferrara 6.5 Ingresso caparbio in campo, considerando anche la “dolce” età vista la categoria. E’ sua la conclusione che porterà al fatidico corner.
Garofalo 7 Numero 10 da capogiro con ottima conoscenza delle proprie capacità e di quelle dei compagni.
Lo Russo 6 Forse non troppo in giornata, visto il liscio sotto porta. Per il resto da una mano a tutto il reparto di attacco.
36′ st Catapano 6.5 Sfiora il vantaggio se non avesse subito la consueta indecisione dell’arbitro su un possibile fuorigioco.

PAGELLE PRO COLLEGNO PRIMA CATEGORIA

Collegno Paradiso - Pro Collegno Prima Categoria
Rapidità e accelerazione sono le qualità che appartengono all’esterno ospite Alessandro Amoroso

4-2-1-3
All. Amoroso 6.5 La squadra sembra poco convinta nei minuti iniziali, ma si riprende bene con il passare dei minuti. Peccato per la sconfitta.
Sergi 7 Salva tutto e lo fa con interventi puliti e precisi. Doppio intervento nei minuti finali su Catapano e Ferrara, purtroppo non può nulla sul corner.
Cataneo 6.5 Solida distribuzione di gioco sulla fascia destra. 23′ st Vespa 6.5 Veloce con la palle, fa salire a dovere la squadra.
Taverniti 6.5 Si lamenta per ogni cosa con il direttore, ma di per se non combina errori.
Calafato 7 La stazza la aiutano molto nelle palle alte, ma anche nel resto risponde presente al match.
Busso 7 Terzino coraggioso e caparbio, forse il migliore dei suoi insieme a Amoroso.
Bdour 6.5 Inizio un po’ assente, poi rinviene e comincia a giocare.
Mastromonaco 7 Prova coraggiosa con conclusioni giuste ed interventi decisi.
Zotta 6.5 Ottimo contatto tra la difesa e l’attacco. Garantisce il giusto dialogo.
Muolo 6.5 Parte davanti e chiude quasi all’altezza della linea difensiva. Diligente ed ordinato.
Grammatica 6 Rimane troppo chiusa tra la coppia Allegretti-Danfa e fatica nei suoi intenti. 7′ st Lo Giudice 6.5 Forse un po’ di precisione in più sarebbe meglio, ma combatte come un leone su ogni palla.
Viola sv. 15′ Amoroso 7.5 Subentra nel primo tempo e mette realmente in difficoltà i padroni di casa. Veloce, scattante, dinamico e mai raffermo il pallone lo accompagna come solo lui sa fare.
Dir: Trevisani.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli