12 Agosto 2020 - 01:03:54

Mappanese – Quart Prima Categoria: Di Marco dà un calcio alla crisi, i biancorossi tornano alla vittoria dopo quasi 3 mesi

Le più lette

Valcalepio, Eccellenza: a tu per tu con il presidente Gianfranco Lochis

Miglior attacco del girone C di Eccellenza insieme al Lumezzane, terza miglior difesa e quarto posto in campionato, oltre...

Juventus Primavera, il Monza si aggiudica l’amichevole estiva

La Juventus Primavera torna in campo per preparare l'ottavo di finale di Youth League contro il Real Madrid del...

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

Una calcio alla crisi. E in bello stile. Basta un’acrobatica semirovesciata di Di Marco per riportare alla vittoria la Mappanese di Alessio Veneziano. Una vera e propria boccata di ossigeno per i biancorossi, che non trovavano i tre punti dal lontano 17 novembre (2-1 sul Fenusma). Occasione invece persa per il Quart, che perde il gradino più basso del podio a favore del Corio (vittorioso per 2-0 sul Gassino SR) e viene agganciato al 4° posto dal River Leinì, tornato alla vittoria con un 2-0 sul Locana. Valdostani mai realmente in partita e mai capaci di creare seri grattacapi a Di Carlo, se non per un guizzo di Gullone nel finale che ha fatto tremare il pubblico di casa.

LA PARTITA

Quart che si presenta con uno spregiudicato 4-4-2, con Armenghi e Amato che giocano praticamente sulla stessa linea di Destrotti e De Masi, andando a formare un offensivo 4-2-4. Scelta coraggiosa ma che rimbalza sul muro eretto da Veneziano, che risponde con un abbottonato 5-3-2 e fa affidamento sugli strappi di Bobbio e Di Marco e sulla capacità di far salire la squadra dell’intramontabile bomber Aniello. Il primo tempo è un monologo biancorosso: i valdostani non riescono mai a sfondare e lasciano praterie dietro, con i padroni di casa pronti ad approfittarne. L’unico difetto dei ragazzi di Veneziano è la mira, che specialmente nei primi minuti è particolarmente sbilenca. Dopo neanche un minuto il primo squillo è di Di Marco, che calcia alto di poco un rigore in movimento su assist di Rigatto. Subito dopo è Aniello a sbagliare un gol non da lui, quando su lancio millimetrico di Bobbio sparacchia a lato tutto solo davanti a Desaymonet. Poco importa, perchè giusto il tempo di aggiustare la mira e la Mappanese va in vantaggio. Sono proprio Aniello e Di Marco a confezionare il gol: Desaymonet neutralizza con un bell’intervento una girata di Aniello, ma non può nulla sulla ribattuta acrobatica di Di Marco. Desamonet che alla mezz’ora si ripete con un intervento da applausi sempre su Aniello, stavolta sulla specialità della casa: il colpo di testa. L’inizio della ripresa vede il Quart leggermente più convinto, con i ragazzi di Dosso che riescono finalmente a creare qualche pericolo alla retroguardia biancorossa. La prima occasione è per Amato, che su sponda di petto di Destrotti calcia addosso a Di Carlo da buona posizione. Poco dopo è De Masi a sfiorare il pareggio con una punizione millimetrica che dà soltanto l’illusione ottica del gol. Purtroppo per gli ospiti, le vere e proprie occasioni da gol terminano lì. Il gruppo di Veneziano si chiude a riccio e non concede più spazi, rinunciando anche a ripartire in contropiede. La tattica funziona fino all’ultimo minuto, quando è invece Di Carlo con un colpo di reni a smanacciare l’ultimo insidioso tentativo di Gullone. Un 1-0 quanto mai prezioso quindi per la Mappanese, che raggiunge così a quota 23 punti il Montanaro, compagine con cui i biancorossi dovranno lottare fino alla fine per evitare lo spauracchio playout.

IL TABELLINO DI MAPPANESE-QUART PRIMA CATEGORIA

MAPPANESE-QUART 1-0
RETI: 11′ Di Marco (M).

MAPPANESE (5-3-2): Di Carlo 6.5, Antonacci 7, Bruno 6, Antonacci 6.5, Mussetta 6.5, Camerino 6.5 (14′ st Maitan 6.5), Bobbio 7, Demarchi 5.5 (42′ Poleo 5.5, 37′ st De Liddo sv), Aniello 6.5, Di Marco 7 (45′ st Bergamini sv), Rigatto 7 (29′ st Millico 6). A disp. Giancotti. All. Veneziano. Dir. Barale – Bignardi.

QUART (4-4-2): Desaymonet 7.5, Audisio 5.5 (1′ st Arlian 5.5), Badarello 6 (23′ st Rao 6), Napoli 6 (16′ st Raco Luigi I 6), Gentili sv (12′ Gullone 6), Carlotto 6.5, Armenghi 6, Angiulli M. 6, Destrotti 6, De Masi 6.5, Amato 5.5 (11′ st Ciavattone 6). A disp. Riga, Romeo, Corradino. All. Dosso.

AMMONITI: 35′ Armenghi (Q).

ARBITRO: Cremasco di Torino 6.5 Buona direzione di gara, condotta senza particolari sbavature.

MAPPANESE
All. Veneziano 7 Erige un muro che il Quart non riesce a scalfire. Una vittoria che non potrà che fare bene al gruppo.
Di Carlo 6.5 Attento su Amato e reattivo su Gullone nel finale. Concentrato fino alla fine.
Antonacci F.7 Baluardo della difesa biancorossa. Quando serve bada al sodo e spazza via palloni e paure.
Bruno 6 Gara ordinata. Potrebbe osare di più in fase offensiva, ma la parola d’ordine oggi è non prendere gol. Missione compiuta.
Antonacci R. 6.5 Puntuale in fase di anticipo.
Mussetta 6.5 Anche lui preferisce non andare per il sottile. I valdostani dalle sue parti non sfondano.
Camerino 6.5 Ingabbia Destrotti e non lo lascia respirare. Costretto ad uscire per infortunio. 14′ st Maitan 6.5 Buon ingresso in campo. Si piazza largo a destra e prova qualche discesa sul fondo, andando anche alla conclusione.
Bobbio 7 Faro del centrocampo mappanese. Dai suoi piedi partono tutte le azioni importanti: Con i suoi strappi palla al piede è in grado di creare da solo numerosi grattacapi a qualunque reparto difensivo.
Demarchi 5.5 Leggermente fuori fase. Gioca in apnea quasi tutto il primo tempo, per poi uscire per un problema fisico. Evidentemente non era al meglio. 42′ Poleo 5.5 Anche lui doveva essere preservato per problemi fisici, ma le circostanze lo chiamano in campo. Mezzo voto in meno per una buona chance gettata alle ortiche. 37′ st De Liddo sv
Aniello 6.5 L’esperienza gli permette di svolgere il classico lavoro sporco meglio di molti altri. Spreca un’occasione non da lui, ma si riscatta propiziando il gol decisivo. Desaymonet gli nega la gioia personale.
Di Marco 7 Acrobazia da 3 punti. Gestisce sapientemente il pallone e sa sempre quando affondare e quando rifiatare. 45′ st Bergamini sv
Rigatto 7 Che personalità del classe 2003! Gioca un ottimo primo tempo, puntando con decisione la difesa avversaria e svariando su tutto il fronte d’attacco. Esce spompato nel finale, dopo aver pressato chiunque senza sosta. 29′ st Millico 6 Potrebbe gestire meglio alcune situazioni di contropiede, ma la buona volontà c’è.
Dir: Barale – Bignardi.

Quart
Il Quart di Simone Dosso

QUART
All. Dosso 5.5 Non riesce a trovare il modo di penetrare la muraglia mappanese.
Desaymonet 7.5 Fa di tutto per evitare l’1-0, ma non può nulla sulla giocata di Di Marco. Intervento prodigioso sul colpo di testa di Aniello.
Audisio 5.5 Soffre oltremodo le discese di Bobbio, che un paio di volte gli va via troppo facilmente. 1′ st Arlian 5.5 Non riesce ad incidere sul match.
Badarello 6 Ha l’esperienza dalla sua, che gli permette di non affondare. 23′ st Rao 6 Dentro per l’assalto finale.
Napoli 6 Guadagna una punizione interessante al limite dell’area di rigore, che De Masi non trasforma in gol per un soffio. 16′ st Raco Luigi I 6 Dosso lo inserisce per frenare eventuali contropiedi della Mappanese.
Gentili sv 12′ Gullone 6 È suo l’ultimo sprazzo di speranza valdostano, ma sulla sua strada trova un reattivo Di Carlo.
Carlotto 6.5 Sbroglia un paio di situazioni intricate nella ripresa con interventi salvifici.
Armenghi 6 Va vicino al gol con un bolide di sinistro da fuori area.
Angiulli 6 Schierato centrale dopo l’infortunio di Gentili, se la cava di mestiere.
Destrotti 6 Prende un sacco di botte, una volta identificato come pericolo pubblico n°1. , da buon capitano, è l’ultimo a mollare.
De Masi 6.5 Arretra a centrocampo nel finale e si carica sulle spalle la manovra valdostana. Illude i suoi tifosi con una punizione che sfiora il palo di millimetri.
Amato 5.5 Calcia addosso a Di Carlo da ottima posizione, su sponda di petto di Destrotti. 11′ st Ciavattone 6 Si piazza largo a destra e prova ad impensierire Bruno, senza però trovare il guizzo giusto.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli