4 Marzo 2021

Massimiliano Pastore è certo: l’Inter di Conte ha vinto il derby con merito

Le più lette

Torino Club Under 16, Casaroli: «Eravamo i favoriti, ma adesso conta solo riprendere»

Squadra che certamente aveva i pronostici a favore per la vittoria del girone B del campionato provinciale under 16...

Leonessa Under 15, parola al capitano Raul Giannelli: «Voglio ricominciare, ma soprattutto che questa pandemia venga sconfitta»

Dopo l'intervista con l'allenatore Claudio Bonetti della Leonessa Under 15 (clicca qui per leggerla), ecco la storia di chi guida i...

Boltiere Under 15: Daniele Recchia, il 4-3-3 e il possesso palla come caratteristica fondamentale della propria squadra

Il Boltiere Under 15 allenato dal tecnico Daniele Recchia avevano esordito nella prima della stagione subendo una sconfitta in...

Un derby è un derby. E vincerlo vale davvero tantissimo. L’Inter di Conte ha battuto con merito il Milan di Pioli in una sfida davvero importantissima. Abbiamo chiesto all’ex Vianney Massimiliano Pastore (ora al Lesna Gold) di analizzare per noi la partita da un punto di vista tecnico-tattico:

Partita studiata alla perfezione da Conte. Trovare subito il gol (su un’ingenuità del Milan) ha notevolmente aiutato l’Inter, che ha potuto impostare la partita come meglio credeva. I nerazzurri hanno dimostrato di essere davvero compatti e solidi e del resto non c’erano molti dubbi. Nel primo tempo la difesa è stata davvero perfetta e le ripartenze, quando si sono verificate, davvero ben fatte. Nel secondo tempo è salito in cattedra Handanovic, che con 3 parate di livello ha salvato il risultato e indirizzato la partita nel verso giusto. Sono convinto che se il Milan avesse provato ad attaccare altri venti minuti non avrebbe mai segnato. Nell’Inter ho visto in forma smagliante Barella (e non è certo una novità) e i due attaccanti, a mio modo di vedere davvero devastanti. Il Milan l’ ho visto abbastanza in ombra e i cambi dalla panchina non hanno apportato l’aiuto sperato. Anche Ibrahimovic l’ho trovato parecchio sottotono, Brozovic soprattutto nel primo tempo è stato eccellente nel lavoro di schermo davanti alla difesa: i palloni giocabili per l’attaccante svedese sono stati in questo modo davvero pochi. Il Milan ha fatto fatica a verticalizzare. Il risultato lascia comunque il campionato aperto. Se la Juve dovesse vincere con Crotone e Napoli andrebbe comunque a meno cinque, un distacco certamente non incolmabile. La stagione è ancora lunga. L’Inter sulla carta è la più attrezzata e il fatto di essere uscita da tutte le coppe, soprattutto in periodo Covid, è un elemento decisivo. Mentalmente è più libera, il pensiero è uno solo. Psicologicamente non è un anno facile per nessuno e dunque fino alla fine ci sarà lotta in vetta. Per i giocatori non è facile, ci sono continui controlli e preoccupazioni: è davvero un periodo tosto a livello mentale.
Conte, come con la Juve, ha fatto un grandissimo lavoro. Quando l’Inter deve gestire un vantaggio è formidabile. Riesce a chiudersi in maniera perfetta e a ripartire con efficacia e velocità. Il Milan ha perso l’occasione per rientrare in partita all’inizio del secondo tempo, ma devo dire che l’Inter ha meritato la vittoria. Poi voglio menzionare Eriksen e Perisic. Il Danese mi ha sorpreso per duttilità e intelligenza: sta ricoprendo con maestria un ruolo che al Tottenham non conosceva. Perisic, invece, sta diventando davvero una sicurezza. Sta entrando sempre meglio nel ruolo del quinto e può rappresentare davvero una risorsa fondamentale. Avere uno così là sulla sinistra può fare davvero la differenza“.

Massimiliano Pastore del Lesna Gold

Chi vince lo scudetto?
Come già detto, l’Inter ha davvero tutto: un grande tecnico, un’ottima squadra e soprattutto la mente sgombra. Avere un solo impegno, d’ora in poi, farà la differenza.
La Juve è spacciata?
Mai dire mai, dovesse vincere le prossime andrebbe soltanto a meno cinque. Staremo a vedere


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli