6 Agosto 2020 - 03:22:47

Pro Palazzolo – Virtus Vercelli Prima Categoria: Caccavo non basta, Petrillo e Curci regalano tre punti a Fiorentino

Le più lette

Terza Categoria Varese, la Jeraghese si è presentata sperando nel ripescaggio

In attesa di un ripescaggio in seconda categoria, ieri 30 luglio, alla bombonera di Jerago con Orago, è stata...

Un enorme balzo verso il futuro: la Pro Sesto presenta un nuovo logo e progetti innovativi

Un enorme balzo verso il futuro, un passo da gigante. La nuova Pro Sesto si è svelata ufficialmente nella...

Città di Varese Serie D, per la difesa il primo rinforzo è Francesco Mapelli. «Grandi ricordi di piazza e tifoseria»

Il Città di Varese annuncia il primo arrivo nel reparto difensivo: Francesco Mapelli. Giocatore con tanta esperienza in categoria,...

Due gioielli e la Pro Palazzolo vince il derby. Con gli eurogol di Marco Petrillo e dell’ex Curci la squadra di Claudio Fiorentino vince la sfida con la Virtus Vercelli per 2 a 1. Un ottimo secondo tempo quello disputato dai ragazzi di Michele Lepore, che cambia volto alla squadra con le sostituzioni (Bilotta, Caccavo e Palumbo) e solo nel finale trova la rete con Caccavo. Lo stesso attaccante nel recupero rende il match affascinante sfiorando il pareggio e la doppietta personale ma trova due super interventi di Pinato salvano i bianco-verdi.
Obiettivi completamente diversi per le due compagini ma per entrambe c’è la voglia di muovere la classifica. La Pro Palazzolo è alle porte dei play-off e vuole proseguire la sua marcia; i vercellesi, invece, sono all’ultimo posto della classifica con soli due punti dunque alla ricerca della prima vittoria in campionato. Il primo colpo lo regala la punizione di Marco Petrillo al 9′, che colpisce la parte bassa della traversa e s’infila in rete. 1-0. Subito uno scossone iniziale grazie alla prodezza balistica dell’ex centrocampista del Borgovercelli. 1-0. E’ un match comunque molto equilibrato anche se sono i ragazzi di Fiorentino a controllare principalmente le operazioni e a sfiorare il raddoppio qualche istante dopo con una conclusione a rimorchio di Ottavis, che lascia immobile Bernaudo ma la sfera termina sul fondo.
Al 27′ bello scambio Mhreti-Migliardi, palla a quest’ultimo, che mette un velenoso tiro cross sulla quale Lamine è in ritardo di un soffio. Un’occasione che comunque spaventa la squadra di casa, che non riesce più ad arrivare dalle parti di Bernaudo come in principio. Al 40′ però ripartenza fulminante di Gullo sulla destra, che semina il panico e avversari, poi dalla linea di fondo appoggia per il rimorchio di Perazzo, il quale dal dischetto del rigore sbaglia un gol fatto.
Stessi 22 all’ingresso in campo ma i giallo neri entrano con un altro piglio e conquistano una miriade di palle da fermo. Al 12′ punizione dalla sinistra di Edoardo Maggiolo, Lamine arriva in spaccata e costringe Pinato al tuffo in angolo. Dalla bandierina sempre il faro vercellese, che scodella sulla testa di Olmo il quale arriva in corsa e mette a fil di palo. Manca circa un quarto d’ora alla fine e la Virtus rimane sotto nel punteggio, allora mister Lepore decide di giocarsi la carta Caccavo portando lo schema tattico al 4-4-2. Dentro anche Bilotta e Palumbo e la squadra cambia volto. Nonostante sia la Virtus a dominare, il Palazzolo riesce comunque a trovare il gol del raddoppio. Al 43′ punizione di Petrillo dalla lunghissima distanza e sul secondo palo mezza rovesciata di Curci a inchiodare per la seconda volta Bernaudo. 2-0.
Sembra finita ma il team di Lepore ha un cuore e un’anima e così al 45′ rientra in partita. Bilotta slalomeggia tra le maglie avversarie e scarica sulla destra per Mhreti, cross di prima intenzione, Caccavo controlla e appoggiandosi sulle spalle di Davo si gira e trova l’angolo giusto del 2 a 1. vengono concessi cinque minuti di recupero ma la partita ha ancora molto da dire. Al 48′ Palumbo per Caccavo, che incrocia il tiro e super Pinato a deviare in angolo con la punta delle dita. Dal tiro dalla bandierina rovesciata di Caccavo e ancora Pinato dice di no. Queste due parate valgono il successo della Pro Palazzolo, mentre la Virtus Vercelli continua a rimanere ultima in classifica con soli 2 punti, ma in maniera davvero immeritata.

IL TABELLINO DI PRO PALAZZOLO-VIRTUS VERCELLI PRIMA CATEGORIA

PRO PALAZZOLO-VIRTUS VERCELLI 2-1
RETI (2-0, 2-1): 9′ Petrillo Mar (P), 42′ st Curci (P), 46′ st Caccavo (V).
ARBITRO: Balzano di Novara 6 Non commette particolari errori.

P.PALAZZOLO (4-3-3): Pinato 7, Cavallone A. 6, Bellardita 6, Genesi 6, Davo 6, Casamassima 6.5, Gullo 6.5 (41′ st De Andreis sv), Petrillo Mar 7.5, Accornero 6 (24′ st Gargano 6), Ottavis 6, Perazzo 6 (33′ st Curci 7). A disp. Saia, Martinelli. All. Fiorentino.

VIRTUS VERCELLI (4-3-3): Bernaudo 6, Iato 6 (40′ st Bilotta 7), Maggiolo G. 6.5 (46′ st Tosatti sv), Paiola A. 6 (26′ st Caccavo 7.5), Ruocco 6, Olmo 6, Finati 6, Maggiolo E. 6.5, Lamine 6 (40′ st Palumbo 6.5), Mrheti 6.5, Migliardi 5.5 (26′ st Abate 6). A disp. Paiola E., Caffi, Bosia, Isteri. All. Lepore.

PRO PALAZZOLO
Pinato 7 Due miracoli veri e propri nel finale di gara a suggellare i 3 punti.
Cavallone 6 Comanda la difesa e sulle palle alte, soprattutto sui rinvii del portiere.
Bellardita 6 Le azioni più pericolose non nascono per suoi errori o distrazioni.
Genesi 6 Tiene sulla destra concedendo poco.
Davo 6 Una gara quasi perfetta, poi un’ingenuità sul gol subito.
Casamassima 6.5 Lotta in mezzo al campo e offre ottimi tempi d’inserimento.
Gullo 6.5 Una velocità incredibile a seminare tutti. 41′ st Deandreis sv.
M. Petrillo 7.5 Una prodezza su punizione per sbloccare la partita, poi l’assist per Curci.
Accornero 6 Si è sacrificato giocando di sponda e allargandosi sulle fasce favorendo gli inserimenti. 24′ st Gargano 6 Rinforza la fase centrale del campo.
Ottavis 6 Una conclusione importante a sfiorare il 2 a 0.
Perazzo 6 Il bello e il cattivo tempo della squadra. Sua la serpentina che ha portato alla punizione dell’1 a 0. Nel finale di prima frazione sbaglia un gol fatto. 33′ st Curci: 7 Segna il classico gol dell’ex con una mezza rovesciata da incorniciare.
All. Fiorentino 6.5 La sua squadra mostra una grande capacità di soffrire e portare a casa tre punti è grande segno di maturità.

Virtus Vercelli
L’organico di Michele Lepore

VIRTUS VERCELLI
Bernaudo 6 Incolpevole sui gol, anzi riesce anche a sfiorare la parabola di Petrillo.
Iato 6 Propositivo nel secondo tempo andando più volte in sovrapposizione. 40′ st Bilotta: 7 Un recupero davvero importante.
G. Maggiolo 6,5 Veramente difficile da superare. Tanti interventi puliti. 46′ st Tosatti sv.
A. Paiola 6 Non nel suo ruolo comunque diligente in ambo le fasi. 26′ st Caccavo 7.5 Tocca tre palloni: un gol e due tiri sulla quale trova un super Pinato di fronte.
Ruocco 6 Sui gol non ha commesso errori.
Olmo 6 Bene in fase difensiva e sfiora il gol di testa nella ripresa.
Finati 6 Controlla bene in mezzo al campo.
E. Maggiolo 6.5 Pericoloso con le sue parabole da palla da fermo.
Lamine 6 Non ancora al massimo della condizione ma nella ripresa lotta e sfiora anche il gol in spaccata. 40′ st Palumbo 6.5 Finalmente in campo e il suo peso si sente.
Mrheti 6.5 Mostra personalità e offre a Caccavo l’assist vincente.
Migliardi 5.5 E’ l’ex, ha voglia di strafare ma non combina molto. 26′ st Abate 6 Va a dare man forte alla fascia sinistra.
All. Lepore 6.5 Sconfitta immeritata. Forse tardivi i cambi ma una bella risposta.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli