12 Agosto 2020 - 00:42:09

River Leinì – Montanaro Prima Categoria: Un guizzo di Patrono all’ultimo respiro regala 3 punti a Negro; leinicesi secondi

Le più lette

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Elezioni Federcalcio, schiaffo (politico) di Gabriele Gravina a Cosimo Sibilia

La Lega Nazionale Dilettanti stava cercando con un blitz di organizzare tutte le assemblee elettive regionali il 15 settembre...

Fossano, Sangare saluta e continua l’intrigo Aloia

La telenovela Aloia continua. L'attaccante 2000 della Giovanile Centallo ha fatto parlare di sé andando a fare il primo...

È una fiammata di Patrono, al primo gol con la nuova casacca biancorossoblù, all’ultimo respiro a scaldare i cuori degli infreddoliti tifosi leinicesi, che festeggiano giustamente i loro beniamini, ora momentaneamente al secondo posto a pari merito con il Quart a quota 24 punti. I padroni di casa approfittano dunque dei numerosi rinvii di giornata (ben 6 partite su 8 non vengono giocate per impraticabilità del campo), facendosi un bel regalo di Natale anticipato. Il Montanaro di Gianmarco Morisi si porta a casa una buona prestazione, ma ora attenderà con ancora più ansia i recuperi delle varie partite rinviate, che potrebbero ricacciarlo in piena zona playout.

LA PARTITA

Alessio Negro propone il suo classico 4-3-3, con Rognetta e Pelle ad agire da mezzali libere di svariare a tuttocampo, per non dare punti di riferimento alla mediana del Montanaro; il terminale offensivo è il classe 1998 Alessio Patrono, desideroso più che mai di cominciare a segnare con la sua nuova maglia. Solito 4-4-2 anche per Morisi, che attende compatto dietro le occasioni giuste per ripartire in contropiede. Nei primi minuti le due compagini si studiano e chiudono sul nascere qualsiasi potenziale occasione da gol. Bisogna attendere il 22′ per il primo squillo: é Pelle ad illuminare il proscenio, pennellando una sciabolata di prima a tagliare tutto il campo che trova Patrono sulla destra, palla dentro sempre di prima per Zarantonello che non ci arriva per un nonnulla. Al 32′ è invece Faulisi a farsi trovare pronto, deviando di pungo una palla insidiosa carambolatagli davanti dopo una mischia su calcio d’angolo. Ripresa decisamente più tambureggiante, entrambe le squadre provano a vincerla e lo spettacolo è assolutamente godibile. La prima occasione capita sulla testa di Postiglione, che cerca il gol dell’ex incornando un cross di Pelle, sfiorando però la traversa. È l’unico guizzo della partita del numero 11 leinicese, che poco dopo lascia il posto a Elkas. Ancora una volta è a metà del parziale che arrivano le occasioni migliori: al 21′ Cirilli, appena entrato al posto di Bafunno, viene servito bene da Piovesan ma calcia male di sinistro da buona posizione. Al 26′ Montanino lancia Patrono, che calcia alto di poco dal limite dell’area, mentre al 31′ è clamorosa la chance si costruiscono i padroni di casa: è sempre Pelle a servire in profondità Zarantonello con un preciso filtrante, la palla arriva poi a Elkas che però dal limite dell’area piccola calcia incredibilmente addosso a Mautino. Al 35′ rispondono gli ospiti con Capirone, che prova invano a bucare Faulisi con il suo sinistro, trovando però la risposta del numero 1 biancorossoblù. Quando la stanchezza sembra avere la meglio sulla volontà di vincere delle due formazioni, ecco il gol che decide la gara: a recupero inoltrato, Trotta insegue caparbiamente un pallone sulla destra, crossando poi per Patrono, che con un bel destro al volo trafigge Mautino, facendo impazzire di gioia compagni e tifosi, mettendo la parola fine alla contesa.

IL TABELLINO DI RIVER LEINÌ-MONTANARO PRIMA CATEGORIA

RIVER LEINÌ-MONTANARO 1-0
RETI: 47′ st Patrono (R).

RIVER LEINÌ (4-3-3): Faulisi 6, Misserianni 6.5, Montanino 6, Valente 6, Armato 6.5, Ortalda 5.5 (7′ st Trotta 6.5), Zarantonello 6 (36′ st Altieri sv), Pelle 6.5, Patrono 7 (49′ st Talamo sv), Rognetta 6, Postiglione 5.5 (22′ st Elkas 6). A disp. Denzio, Tartara, Paletto, Kalow. All. Negro. Dir. D’apice – Di Lecce.

MONTANARO (4-4-2): Mautino 6, Bertone 7, Capirone 6, Zorzi 6 (35′ st Cascio sv), Porneala 6.5, Castrogiovanni Andrea 6.5, Vercellio 5.5 (6′ st Satta 5.5, 44′ st Spilla sv), Piovesan 5.5, Barbaro 6, Gottardo 6, Bafunno 5.5 (20′ st Cirilli 6). A disp. Ronco, Miele, Gravina. All. Morisi. Dir. Castrogiovanni – Vercellio.

AMMONITI: 33′ Capirone (M).

ARBITRO: Papadopoli di Torino 6 Qualche errore di valutazione lo commette, ma nel complesso la direzione di gara è sufficiente.

PAGELLE RIVER LEINÌ
All. Negro 6.5 I nuovi acquisti gli danno una mano, dando alla squadra quella qualità in più che forse mancava.
Faulisi 6 Attento su Capirone nella ripresa, in partite così la disattenzione è dietro l’angolo.
Misserianni 6.5 Nel primo tempo si prodiga in un paio di chiusure niente male.
Montanino 6 Gara ordinata, bada alla fase difensiva bloccando le iniziative di Vercellio.
Valente 6 Cerca spesso di impostare l’azione da dietro.
Armato 6.5 La solita precisione nelle chiusure, abbinata ad un paio di uscite palla al piede tipiche del suo repertorio.
Ortalda 5.5 Vertice basso del centrocampo, perde palloni sanguinosi che per sua fortuna i suoi avversari non trasformano in rete. 7′ st Trotta 6.5 Entra con il piglio giusto, caparbio nell’inseguire il pallone che trasforma in un assist al bacio per Patrono.
Zarantonello 6 Non nella sua versione migliore, ma trova comunque il modo di mettere Elkas davanti alla porta. 36′ st Altieri sv
Pelle 6.5 La qualità è superiore e si vede, i compagni lo cercano e lui li ripaga trovando quasi sempre il passaggio giusto.
Patrono 7 Alla seconda partita con la nuova maglia trova il primo gol, di importanza fondamentale, per lui e per la classifica. 49′ st Talamo sv
Rognetta 6 Nel primo tempo sembra avere una fonte di energia inesauribile, nella ripresa cala e va leggermente in apnea.
Postiglione 5.5 Poco ispirato e poco servito, l’unica occasione che ha la spedisce sopra la traversa. 22′ st Elkas 6 Vivace, cerca il modo di incidere sulla partita. Mezzo voto in meno per il gol mangiato.
Dir: D’apice – Di Lecce.

Montanaro
Il gruppo di Gianmarco Morisi

PAGELLE MONTANARO
All. Morisi 6.5 I suoi giocano una gara gagliarda, chiudendosi in maniera compatta e agendo di rimessa. Porta a casa la prestazione ma non i punti che servirebbero a togliersi dalla zona calda della classifica.
Mautino 6 Si fa trovare pronto in uscita bassa e cerca di lanciare i suoi con rinvii profondissimi.
Bertone 7 Che partita del classe 1999: tarpa le ali a Zarantonello dimostrando ottime doti sia nelle chiusure che negli anticipi.
Capirone 6 Un paio di lanci precisi che i suoi compagni non concretizzano.
Zorzi 6 Tignoso, dalle sue parti difficilmente si passa. Potrebbe e dovrebbe verticalizzare di più.35′ st Cascio sv
Porneala 6.5 Mette la sua immensa esperienza al servizio della squadra, mettendo toppe quando serve e rendendosi pericoloso da calcio piazzato.
Castrogiovanni 6.5 Sale in cattedra nel secondo tempo, dominando sui palloni aerei.
Vercellio 5.5 Fumoso, non trova quasi mai il varco giusto. Sostituito a inizio ripresa. 6′ st Satta 5.5 Anche lui fatica ad entrare in partita, giocando solo una mezz’ora abbondante. 44′ st Spilla sv
Piovesan 5.5 Schierato largo a sinistra, trova raramente il modo di servire le due punte.
Barbaro 6 Usa il fisico per tenere su la squadra, i lanci dei compagni sono rivolti esclusivamente a lui.
Gottardo 6 Si produce in una fulminea ripartenza condita da un tunnel su Armato, ma l’azione sfuma nel nulla.
Bafunno 5.5 Sbatte sul muro formato da Armato e Misserianni, e finisce per eclissarsi. 20′ st Cirilli 6 Pimpante, spreca una buona occasione ma se non altro trova la maniera di rendersi pericoloso.
Dir: Castrogiovanni – Vercellio.

Le parole a fine partita di Alessio Negro e Gianmarco Morisi

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli