7 Marzo 2021

Sexadium Prima Categoria: Siro punta sui ritorni di Valente e Barbato per sognare la Promozione

Le più lette

Villa Under 19, Siliotto: «Importante tornare a giocare almeno le amichevoli. Serve il blocco delle annate»

La stagione del Villa Under 19 era cominciata con luci ed ombre, con due vittorie e altrettante sconfitte prima...

Giocatrice positiva, Juventus Women Primavera in isolamento fiduciario domiciliare

La Primavera della Juventus Women è da oggi, 2 marzo 2021, in isolamento fiduciario domiciliare. Un provvedimento reso necessario...

Serie D: Pellegrini si sfoga, al Derthona arriva Zichella; Masitto alla Lavagnese

In queste ore dovrebbe arrivare l'ufficialità. Giovanni Zichella si siede sulla panchina dell'HSL Derthona. Nella giornata di ieri è arrivato...

A inizio anno noi della redazione avevamo inserito il Sexadium nel novero delle favorite nel girone G di Prima Categoria. I gialloblù infatti, nella stagione 2019/2020, si erano piazzati al terzo posto dietro a Luese e Novese, che quest’anno disputano il campionato di Promozione. Sembrava tutto apparecchiato per il gruppo di Marco Siro, che ha iniziato sicuramente bene (due vittorie e due pareggi) ma senza ancora fare quel salto di qualità che in molti si aspettavano. Il processo di crescita della squadra è comunque sotto gli occhi di tutti, e con le qualità che ha questo gruppo il sogno chiamato Promozione può sicuramente diventare realtà. Qualità che il tecnico Marco Siro riconosce, anche se non nasconde che qualche problemino di troppo c’è stato in questo inizio di stagione: «Temo che gli ottimi risultati raggiunti l’anno scorso ci abbiano fatto perdere un po’ di contatto con la realtà. Ci siamo sentiti favoriti e abbiamo sottovalutato i nostri avversari, un errore da non commettere in nessuna categoria. Si è visto fin dalla prima giornata co il Cassano che non eravamo sul pezzo, e in quell’occasione siamo stati anche fortunati a pareggiarla». La squadra si è poi ripresa, andando a vincere con Cortemilia e San Giuliano Nuovo e cogliendo un buon pareggio su un campo difficile come quello della Fulvius. Una ripresa lenta ma concreta, a cui il tecnico spera di dare un’ulteriore spinta con i ritorni di giovani promettenti, su cui la società ha puntato in maniera decisa, come Salvatore Vitale e Alessio Barbato, entrambi classe 1999. Vitale già l’anno scorso aveva fatto vedere cose importanti ma ha avuto un’ernia inguinale che non gli ha dato tregua per parecchio tempo, mentre Barbato, arrivato in estate dall’Ovadese, si è rotto un dito in amichevole con la Luese a settembre e proprio quando era in procinto di rientrare il campionato è stato stoppato. Una doppia mancanza determinante per il 4-3-3 marchio di fabbrica di Siro, che non ha potuto contare sulla freschezza e sull’atletismo di questi due esterni offensivi, che possono risultare fondamentali sia da titolari che a gara in corso. «Purtroppo da questo punto di vista siamo stati molto sfortunati – commenta Siro – Vitale si era dimostrato sempre affidabile e in Barbato crediamo molto, ma sono sicuro che sapranno riprendersi e dare quel contributo che tutti ci aspettiamo da loro. Abbiamo chiesto a Meta (anche lui nuovo innesto in arrivo dalla Novese) di sacrificarsi arretrando di qualche metro il suo raggio d’azione, e devo dire che il ragazzo ha risposto bene alla richiesta con grande spirito di abnegazione». Come sempre però, la vera anima di una squadra risiede a centrocampo, ed è proprio in quella zona che la squadra ha fatto vedere le maggiori lacune, soprattutto in fase di costruzione. «La partenza di Pergolini è stata un brutto colpo – analizza sempre Siro – Era l’unico vero e proprio regista della squadra. Per sopperire alla sua assenza abbiamo puntato forte su Vercellino (classe 2000), che l’anno scorso aveva stupito tutti con le sue qualità ma quest’anno sta faticando più del previsto a ritrovare il ritmo giusto. Penso che comunque quando si riprenderà a giocare proveremo a prendere un regista: giocatori come Randazzo, Limone e Belkassiouia sono più di rottura che di impostazione, e faticherebbero troppo in quella posizione». Al netto di tutte queste difficoltà comunque la fiducia nel gruppo rimane invariata, dato che il gruppo è sicuramente competitivo: «Come dicevo prima – conclude Siro – qualche problema c’è stato e c’è tuttora, ma sono certo che le nostre qualità alla lunga verranno fuori. Dobbiamo solo essere bravi a non commettere gli errori iniziali e potremo senza dubbio toglierci numerose soddisfazioni».

LA ROSA DEL SEXADIUM 2020/2021

PORTIERI: Andrea Gallisai (1991) e Emanuele Gandini (1985)

DIFENSORI: Federico Capuana (1991), Alberto Cipollina (1996), Marco Fava (1998), Oussama Hina (1998), Remo Marchelli (1972), Lorenzo Marcon (1989), Luca Mighetti (1992).

CENTROCAMPISTI: Abdelkebir Belkassiouia (1989), Valerio Bronchi (1998), Manuel Hysa (2000), Kastriot Llojku (1992), Michele Limone (1997), Davide Randazzo (1994), Giulio Vercellino (2000).

ATTACCANTI: Alessio Barbato (1999), Matteo Barone (1987), Simone Giusio (1990), Silvio Meta (1993), Salvatore Vitale (1999).

ALLENATORE: Marco Siro.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli