14 Agosto 2020 - 17:03:23

Valdruento – Colleretto Prima Categoria: capitan Gaudino all’ultimo respiro regala il pareggio ai gialloblù

Le più lette

Novara, è ufficiale: Sergio Zanetti nuovo allenatore della Berretti

Mancava solo l'ufficialità per l'approdo di Sergio Zanetti al Novara. L'argentino allenerà la Berretti prendendo il posto di Giacomo...

Rivoli: Granieri vince il ricorso e torna presidente, Scozzaro out

Se non vi siete portati il romanzo da ombrellone in spiaggia, potete facilmente rileggere l’anno tormentato del Rivoli del...

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Arriva un’altra beffa per il Valdruento di Michele Bonafede, che dopo aver visto volare via i tre punti a ridosso del 90′ con la Mathi Lanzese lo scorso weekend, rivive lo stesso incubo anche con il Colleretto di Massimo Maggio, che trova il pareggio all’ultimo respiro con capitan Gaudino, bravo a risolvere una mischia in area. Pareggio che comunque è tutt’altro che immeritato per la compagine gialloblù, in grado di mettere in difficoltà la capolista come forse nessuno era riuscito a fare in questa prima parte di stagione. Il bicchiere però può essere visto mezzo pieno da entrambe le squadre: il Colleretto si conferma realtà solida e tosta da affrontare per chiunque, cogliendo un pareggio su un campo in cui finora avevano perso tutti; mentre il Valdruento nonostante il pari guadagna comunque un punto nei confronti del Quart secondo, sconfitto in casa dal River Leinì per 0-3.

LA PARTITA

Prima parte di gara giocata in modo gagliardo dagli ospiti, che si schierano con un coraggioso 4-3-3 con Zenerino da mezzala sinistra con licenza di offendere. Bonafede risponde con il suo solito 4-4-2, cercando di sfruttare la vena offensiva della super coppia d’attacco Mastrorosa-D’Agostino. La prime occasione porta la firma di Gaudino: il capitano gialloblù prima non trova l’impatto con il pallone di un soffio su angolo di Pentimalli. Ma le chances più ghiotte se le procura Alfano: prima sfiora l’eurogol con un colpo di tacco volante dal limite dell’area che avrebbe fatto venire giù gli spalti, poi al 22′ da 25 metri stoppa di petto e calcia senza pensarci due volte al volo, trovando però la traversa. Ci pensa però il capitano druentino Senatore a dare la sveglia ai padroni di casa, mandando a lato di un soffio una staffilata di destro dal limite dell’area. E la sveglia funziona: al 24′ infatti i suoi trovano il vantaggio: Vassallo lavora un bel pallone al limite dell’area, per poi servire D’Agostino in area (forse in fuorigioco), che con micidiale freddezza di punta supera Peirano. Dura poco però la gioia druentina, strozzata dal pareggio ospite che arriva solamente 5 minuti dopo: Maranta crossa dalla sinistra un pallone che sembra innocuo, Losacco però liscia e la palla arriva a Sabolo, che da due passi può solo appoggiare in rete il più facile dei gol, chiudendo il primo tempo sull’1-1. Ripresa che inizia con il botto: dopo neanche un minuto il direttore di gara punisce un braccio largo di Avenatti in area di rigore e indica il dischetto, su cui si presenta Mastorosa che spiazza Peirano e riporta in vantaggio il Valdruento. Il gruppo di Maggio però non demorde e, complice il frizzante ingresso di Gazzetta, classe 2000 in arrivo dalla Rivarolese, continua a crederci e a spingere alla ricerca del pari. I padroni di casa avrebbero le occasioni per chiuderla, e anche ghiottissime, ma a sprecarle sono proprio i due capocannonieri del campionato: prima Mastrorosa, servito da Chiodi, calcia a lato dopo un’ubriacante serpentina in area, poi D’Agostino, tutto solo in contropiede, calcia debole addosso a Peirano, regalando un’ultima speranza agli ospiti. E il calcio si sa, quando vuole ti punisce: all’ultimo respiro su un calcio d’angolo, prima Losacco si immola su Gazzetta, ma non può nulla sul tap-in di capitan Gaudino, che fa esplodere di gioia la tifoseria gialloblù.

IL TABELLINO DI VALDRUENTO-COLLERETTO

VALDRUENTO-COLLERETTO 2-2

RETI (1-0, 1-1, 2-1, 2-2): 24′ D’Agostino (V), 29′ Sabolo (C), 1’st rig. Mastrorosa (V), 48’st Gaudino (C).

VALDRUENTO (4-4-2): Losacco 5.5, Senatore 6, Giuliani 6, Zappalà 6, Amaro Iatanderson 7, Macario 6 (19′ st Tornabene 6), Vassallo 6.5 (31′ st Armao 5), Battaglia M. 5.5, Mastrorosa 6, Chiodi 6 (35′ st Raimondo sv), D’Agostino V. 6.5 (43′ st Garzia sv). A disp. Chiodi, Bettineschi, Camaggio, Riva, Furgato. All. Bonafede.

COLLERETTO (4-3-3): Peirano 6.5, Avenatti 6, Maranta 6, Sartoretto 6, Gaudino 7, Tonello 6.5, Pentimalli 5.5 (18′ st Gazzetta 6.5), Curcelli 5.5 (28′ st Burbatti 6), Alfano 6, Sabolo 6, Zenerino 6.5. A disp. Rovereto, Ferraris, Nardi, Zaltron, Pagliarin. All. Maggio.

AMMONITI: 1’st Avenatti (C), 7’st Sartoretto (C), 11’st Alfano (C), 27’st Zenerino (C), 32’st Tonello (C), 40’st Raimondo (V).

ESPULSI: 48′ st Armao (V).

ARBITRO: Intermite di Chivasso 6 Molti dubbi sul primo gol del Valdruento, ma nel complesso dirige bene.

VALDRUENTO
All. Bonafede 6 Fino a un secondo dalla fine l’aveva vinta, ma la prestazione non è stata del tutto convincente.
Losacco 5.5 Si immola invano su Gazzetta, ma a pesare sul voto è l’errore grave sul gol dell’1-1.
Senatore 6 Dà la scossa ai suoi sfiorando il gol nel primo tempo.
Giuliani 6 La qualità non gli manca, e prova a sfruttarla mettendo in mezzo golosi palloni da calcio piazzato.
Zappalà 6 In qualche modo riesce a reggere l’urto degli attaccanti gialloblù.
Amaro Iatanderson 7 Solita diga, impressionante la facilità con cui domina sui palloni aerei.
Macario 6 Cerca di trasformare palloni sporchi in potenziali occasioni da gol per i compagni. 19′ st Tornabene 6 Finale di gara giocato in maniera ordinata.
Vassallo 6.5 Oggi unisce alla solita grinta anche qualità: bello l’assist per D’Agostino per il gol del momentaneo vantaggio. 31′ st Armao 4.5 Fa in tempo a farsi espellere per proteste un quarto d’ora dopo il suo ingresso in campo.
Battaglia M. 5.5 Perde troppi palloni in mezzo al campo, che per sua fortuna gli avversari non sfruttano.
Mastrorosa 6 Di mestiere si procura e trasforma il rigore del 2-1, ma per il resto combina poco e sbaglia anche un gol non da lui.
Chiodi 6 Nel primo tempo non riesce mai a sfondare, nella ripresa invece spazi più ampi gli consentono di mettere in mostra la sua rapidità e qualità nel dribbling. 35′ st Raimondo sv
D’Agostino 6.5 Segna d’esperienza il gol dell’1-0, per poi spendersi nel classico lavoro sporco. Poteva chiudere la gara in contropiede, ma calcia incredibilmente addosso a Peirano. 43′ st Garzia sv

L’undici di partenza di Michele Bonafede

COLLERETTO
All. Maggio 7 I suoi sono i primi a portare via punti dal “Nido degli Aquilotti”. Azzecca l’ingresso di Gazzetta e il fato gli dà ragione.
Peirano 6.5 Bravo in uscita nel primo tempo e decisivo su D’Agostino nell’occasione che avrebbe potuto chiudere virtualmente il match.
Avenatti 6 In occasione del rigore il braccio è effettivamente troppo largo, ma nel complesso non demerita.
Maranta 6.5 Sforna il cross da cui nasce il gol di Sabolo e contiene bene l’esuberanza di Chiodi.
Sartoretto 6 Tiene bene contro la devastante coppia gol druentina.
Gaudino 7 Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare: quando serve si fa sentire anche con le cattive; nell’ultima mischia in area non può che essere sua la zampata decisiva.
Tonello 6.5 Lucidità al potere: i compagni lo cercano spesso e lui non tradisce, distribuendo palloni con qualità e precisione.
Pentimalli 5.5 Fumoso, non riesce a trovare spazio. 18′ st Gazzetta 6.5 Che ingresso del nuovo acquisto classe 2000: serve una bella palla a Sabolo e solo Losacco gli nega la gioia del pareggio; sarebbe stata la classica ciliegina sulla torta.
Curcelli 5.5 Non riesce proprio ad incidere. 28′ st Burbatti 6 Lotta su ogni pallone senza risparmiarsi.
Alfano 6.5 Scheggia la traversa con un bolide da 25 metri e sfiora un gol di tacco che sarebbe stato da cineteca.
Sabolo 6 Lesto ad approfittare dell’errore di Losacco, appoggiando in rete il gol del momentaneo 1-1.
Zenerino 6.5 Scheggia impazzita sulla fascia sinistra, pericolo costante per la difesa druentina.

Le parole a fine partita di Massimo Maggio e Michele Bonafede

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli