Gli orange al completo

Spirito di abnegazione, qualità ed individualità: c’è questo e tanto altro nei tre punti che l’Oleggio conquista a Bianzè. Una vittoria fondamentale per Sironi e compagni, i quali preservano il vantaggio in quella che ormai è divenuta una vera e propria corsa a due con il Valdengo. Sull’ostico campo di Bianzè, l’avvio di gara si presenta molto equilibrato anche se sono gli orange a farsi vedere con maggiore insistenza dalle parti di Coscia. Zuliani prova la conclusione senza centrare lo specchio, Marco Marteddu mura Asero ad altezza dischetto e Maio non trova la porta da fuori. Dal lato vercellese, ci si affida all’estro di Moreno Marteddu, in grande spolvero. Equilibrio che regna sovrano fino al 29’, quando gli ospiti trovano il vantaggio con Maio che, lasciato colpevolmente solo, trova modo di colpire con uno splendido destro al volo imparabile per Coscia. Il gol è una brutta botta per i vercellesi, i quali faticano a riorganizzarsi e a trovare contromisure agli attacchi novaresi. D’altrocanto, l’Oleggio approfitta del momento e batte un altro colpo al 42’, trovando il raddoppio sull’asse VezzùAsero, con quest’ultimo che chiude a centro area il servizio da destra del numero 10. Nella ripresa è un’altra gara: il Bianzè parte forte e trova subito il pari con una splendida iniziativa di Porcelli che, imbeccato da un’ottima sponda di Micillo, confeziona un cioccolatino per Marteddu Moreno, abile nel freddare Passarelli. Il gol rianima le speranze della truppa di Costanzo, che attacca senza trovare grandi occasioni fino a metà ripresa quando un errore in disimpegno di Budelli regala palla a Micillo, scarico per Parrinello e conclusione a botta sicura del capitano che trova però clamorosamente l’altro capitano, Sironi, ad evitare il pari con un gran tuffo sulla linea di porta. Nel finale inevitabilmente concitato, col Bianzè decisamente sbilanciato grandi occasioni per Budelli e Poletti, ma entrambe le conclusioni terminano fuori dalla porta di Coscia. Si chiude così 1-2: per un Oleggio in festa, un Bianzè che rientra pericolosamente nelle zone basse e che dovrà portare punti nelle prossime “finali”.

Bianzè 4-4-2
Coscia 6.5 Reattivo su Zuliani.
Marteddu Ma. 6.5 Mura due tentativi a botta sicura, contiene Asero a tratti.
Bellinghieri 5.5 Talvolta impreciso.
24′ st Pasini 6 Buon impatto.
Geminardi L. 6.5 Lottatore, arcigno.
8′ st Maffei 5 Entrambi i gol arrivano dal suo lato, in gran difficoltà.
Balocco 5.5 Lascia qualche varco.
Geminardi A. 6 Senza infamia o lode.
1′ st Antiga 6 Se la cava nel mezzo.
Parrinello 6.5 Ripresa degna di nota.
Micillo 6.5 Gran lavoro sporco.
Porcelli 6 Fantasma, poi un super assist.
Marteddu Mo. 7 Da subito il più in palla, una scheggia impazzita: incontenibile.
All. Costanzo 6.5 La prestazione c’è, mettere la capolista in difficoltà non è da tutti.

Oleggio 3-5-2
Passarelli 6 Poco sollecitato.
Facchinetti 6 Non demerita dietro.
Zuliani 6.5 Una furia finchè ne ha, va anche vicino al gol in due occasioni.
Budelli 5 Perde Marteddu sul gol e rischia di propiziarne un altro.
Sironi 7 Il suo tuffo su Parrinello vale un gol, la vittoria ed il primato.
Salvigni 7 Fuoriruolo, gioca in pantofole.
Asero 7 Immarcabile quando punta.
42′ st Poletti N. 5.5 Sbaglia un gol fatto.
Caporale 6.5 Presenza importante.
Maio 7 Gol da attaccante navigato.
Vezzù 6.5 Assist al bacio per Asero.
24′ st Zaro 6.5 Da subito in partita.
Ardizzoia 6 Alti e bassi a destra.
All. Dossena 7 Una vittoria “sporca”, da grande squadra qual è l’Oleggio.

Bianzè
I titolari di Costanzo