Valenzana Mado
L'undici iniziale di Greco

Un passo da giganti per la salvezza quello compiuto dalla Valenzana Mado sul campo del Cenisia, 1-3 firmato dalla coppia SavinoBoscaro; il bomber tornato a dicembre infila D’Angiullo due volte ed esulta alla Piatek. Girone di ritorno positivo per la squadra di Greco che con ancora quattro partite da disputare ha già fatto più punti di tutta l’andata. Le violette accorciano le distanze con Malfatto, gran serpentina, nel finale e protestano con l’arbitro specialmente per il suo atteggiamento e sulla convalida della prima rete ospite poiché ci sarebbe una carica sul portiere di Savino; risultato che sa di condanna verso la Prima Categoria. I rossoblù giocano molto di ripartenza e sono più pericolosi lasciando ai viola il pallino del gioco, palla a terra per entrambe; a metà tempo Magone svirgola, prende palla Boscaro che serve Francesco Bennardo con un passaggio no-look ma quest’ultimo apre troppo il destro. Nel finale si invertono i ruoli con Bennardo che lanciato a sinistra alza un campanile in mezzo, Boscaro elude un difensore con una finta e calcia trovando l’opposizione di D’Angiullo; risposta dei padroni di casa con Fathi che insiste sulla destra e calcia forte con deviazione di Capra. Un minuto dopo ci prova Caracausi a giro ma c’é ancora Capra a rispondere presente. Dopo lo spavento gli ospiti passano in vantaggio al quarto d’ora in modo rocambolesco: cross da sinistra, Savino inciampa sul pallone, D’Angiullo non trattiene e l’attaccante finisce in porta con la palla tra le mille proteste delle violette. Il raddoppio arriva qualche minuto dopo con Boscaro che, lanciato sulla sinistra, supera D’Angiullo con un diagonale e tira fuori le pistole. Dopo la mezz’ora il Cenisia si fa vedere dalle parti di Capra: prima De Sousa con una punizione dal limite va vicino alla rete con la palla alta sopra la traversa di un niente, poi il gol arriva con Malfatto che si inserisce da sinistra tra le maglie delle Valenzana Mado e infila Capra sul primo palo; uno slalom che ricorda Alberto Tomba nei tempi d’oro. I ragazzi di Riccetti tornano a credere nel pari ma è ancora Boscaro a spezzare ogni speranza.

Cenisia-4-3-3
D’Angiullo 6 Chiude bene il proprio palo, non ha paura di uscire quando serve.
Rossi M. 5 Davide Bennardo e Boscaro vanno via facilmente dalla sua parte.
Malfatto 6.5 Ridà la speranza al Cenisia con un gol da discesista, da applausi.
Maccari 6 Lotta a centrocampo.
Magone 6 Tiene alta la concentrazione.
Rossi D. 6 Non fa male ma tre gol subiti.
Marzano 5.5 Non garantisce l’apporto.
1′ st De Sousa 6 Ci prova con dei tiri.
Pamato 6.5 Fa girare la mediana.
Agnino 5 Non punge praticamente mai.
27′ st Polizzi 6 Tocca pochi palloni.
Caracausi 6.5 Bei lanci sulle fasce.
Fathi 6.5 Il giocatore con più fantasia e velocità di gambe, si conferma la stella.
All. Riccetti 6 Punito da super Boscaro.

Valenzana Mado-4-4-2
Capra 6.5 Attento sui tiri del Cenisia.
Bennardo F. 6.5 Ottime cose sull’out.
Casalone 6.5 Oscura Agnino e compagni, la linea difensiva funziona bene.
Massa S. 6 Un po’ inerme in mezzo.
1′ st Beltrame 6.5 Qualità nei piedi.
Dinica 6.5 Il leader difensivo, guida bene i propri compagni davanti a Capra.
Gramaglia 6.5 Grande spinta e sovrapposizioni sulla destra, uno dei migliori.
Bennardo D. 7 Fa ammattire Rossi, un po’ esterno un po’ ala; molto duttile.
Savino 7 Apre il match, una spina.
Boscaro 7.5 Sempre e solo lui, letale.
Pasino 6.5 Personalità a centrocampo.
Lenti 6.5 Grande prova sulla corsia destra.
7′ st Loja 6.5 Giovane interessante.
All. Greco 7 Partita preparata bene.