lunedì 1 Giugno 2020 - 03:49:09

Esperanza in crisi: questa volta sembra davvero finita, si va verso il ritiro dal campionato

Le più lette

Enotria Under 16: alla scoperta di Andrea Saracino, giovane rossoblù dal mancino fatato sulle orme di Messi

Sbarchiamo quest'oggi in casa Enotria per conoscere meglio Andrea Saracino. Il giovane attaccante rossoblù è stato autore di una...

Villa Valle, ora è ufficiale: Marco Bolis è il nuovo allenatore della prima squadra

Era nell'aria da giorni, adesso c'è anche l'ufficialità: Marco Bolis è il nuovo allenatore del Villa Valle in Serie...

Mantova, Serie C sempre più vicina e il presidente Ettore Masiello è raggiante: «La promozione sarebbe assolutamente meritata»

L'esito del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, che ha proposto la promozione delle prime classificate di ogni girone...

La cosa che stupisce è che non si parla di risultati, l’Esperanza è in crisi ma non sul campo. Il peccato originale, stando alle parole del presidente Gennaro Galizia “è stato farsi tirare nel tranello dei soldi nel mondo del calcio”. Questione di rimborsi, promessi e a stento arrivati ai giocatori, che a questo punto della stagione han fatto fronte comune decidendo di non concedere più le loro prestazioni sportive alla società. La pentola aveva iniziato a bollire con vigore già nel mese di dicembre, ma un buon lavoro di mediazione aveva scongiurato la diaspora in periodo natalizio. La squadra stava rispondendo presente sul campo e il tutto poteva sembrare risolto, ma l’Esperanza è in crisi e la mano sapiente dell’allenatore Cavaliere con la volontà dei giocatori stavano mettendo una pezza alla situazione, definitivamente esplosa negli ultimi giorni, quando si è preso atto che le promesse di inizio anno non sarebbero mai state mantenute, Esperanza in crisi.

La decisione dei calciatori è quella di dire basta e Giancarlo Cavaliere non può fare altro che prenderne atto: «É la rottura finale, c’è molto rammarico perché ero convinto che ci saremmo salvati. I compensi pattuiti non sono arrivati e i ragazzi hanno deciso così, dal momento che non ci saranno loro non ci sarò più nemmeno io. Ci fosse stata la juniores l’avrei allenata, ma nel caso remoto si riuscisse a mettere su una squadra per terminare la stagione non sarò io ad allenarla perché non sarebbero i miei ragazzi. Mi sento come se mi avessero rubato la famiglia, è dura rimanere a casa a guardare le partite dopo che ci si trovava quattro volte a settimana».

Scoramento e rassegnazione per l’Esperanza in crisi da parte del presidente Gennaro Galizia che spiega così l’accaduto: «Sto uscendo con le ossa rotte da questa situazione. Sono mancati degli sponsor esterni che avevano promesso di investire per una grande Esperanza, ci siamo fidati e questo è il risultato, ci siamo fatti tirare nel tranello dei soldi nel calcio. Con i ragazzi siamo dalla parte del torto, perché non possiamo mantenere le promesse, ma loro non fanno un bel gesto, avrebbero potuto metterci un po’ di cuore e portare a termine la stagione salvando l’Esperanza per orgoglio e giocando per passione».

Si aprono alcune strade ora, il ritiro dal campionato al momento sembra la più concreta, non avendo un settore giovanile dal quale attingere. Mettere in piede un’Esperanza d’emergenza per terminare il campionato, un’ipotesi che manca di spinta emotiva, così Galizia: «Siamo in una fase d’abbandono, nessuno gioca più per passione, in questo momento non ho la forza per pensare a delle soluzioni, si è fatto il possibile per ricomporre lo strappo e non è bastato. Non mi resta che aspettare un evento positivo, questa sosta forzata ci viene incontro, posso solo sperare che i ragazzi facciano un passo indietro e decidano si giocare a calcio in nome della passione».

Il passo indietro sembra impossibile, anche se l’Esperanza ha abituato ai miracoli, ma i tempi del campionato vinto di Prima Categoria in faccia all’Ivrea e la salvezza contro pronostico al primo anno di Promozione sembrano lontani, anche se sul campo, i presupposti per una grande impresa c’erano tutti anche questa volta.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy