La festa del Centallo

Non poteva che essere Eccellenza per il Centallo, dominatore assoluto del campionato dalla prima giornata. Una macchina perfetta quella guidata da Danilo Bianco, il quale ha avuto il merito di imporre un sistema di gioco che si addice alla perfezione ai giocatori a disposizione. La festa però non è sinonimo di tre punti, perché la Piscinese vende cara la pelle e si porta a casa un punto fondamentale per le sue ambizioni salvezza. Lo si capisce subito, quando Colaianni impegna Lucignani con un tiro dalla distanza. Il Centallo però preme di più e passa con il ritrovato Aloia, il quale in torsione di testa su angolo batte Gianni. I padroni di casa spinti dal proprio pubblico cercano di chiudere la pratica ma sono anche sfortunati: Viglione con un lancio da stropicciarsi gli occhi pesca Molardo tutto solo davanti al portiere avversario, ma l’esterno spreca clamorosamente con Gianni che la devia sul palo. Poco dopo è ancora Viglione a trovare sempre Molardo che questa volta segna ma in posizione di fuorigioco. Continua a crescere il Centallo, con il 44’ che si rivela minuto chiave: Aloia libera Racca al limite, che lascia partire una fucilata che si stampa sulla traversa; sulla ripartenza Colaianni lanciato a rete prova a superare Lucignani con un pallonetto, il quale uscendo dall’area per anticipare l’attaccante tocca la palla con la mano venendo di conseguenza espulso. Sulla punizione sempre Colaianni trova una traiettoria imparabile per Isoardi, subentrato all’incolpevole e sfortunato Racca. Nel secondo tempo nonostante l’uomo in meno il Centallo attacca d’orgoglio, con Viglione scatenato che innesca Raspo, con Gianni straordinario nel parare ancora una volta. Il classe 2002 si deve però arrendere sulla punizione di qualche minuto dopo, con la palla calciata da Viglione che termina in rete senza nessuna deviazione. Aleksovski però tira fuori una magia dal cilindro, andando a pescare l’incrocio dei pali con un fendente dalla distanza, ristabilendo nuovamente la parità. Parità che va bene ad entrambe, soprattutto al Centallo che al fischio finale esplode in tutta la sua gioia.

G.Centallo-3-5-2
Lucignani 9.5 Porta inviolata per 15 partite.
Molardo 9.5 Locomotiva a destra.
Olivero 8.5 Sempre buona guardia.
Passerò 9.5 La muraglia rossoblù.
Giordana 10 Crea superiorità numerica.
Tallone S. 10 Solita sicurezza, le 7 reti stagionali coronano una stagione perfetta.
Viglione 10 Vede linee di passaggio impensabili agli altri, il gol è la ciliegina sulla torta.
Bertone 8 Mai domo, instancabile.
Raspo 9 Qualità e quantità nel mezzo.
Aloia 10 Torna dall’infortunio e segna come se nulla fosse, straordinario. 43′ st Magnino 10 Bomber micidiale con 17 centri.
Racca J. 9 Dal legno al cambio in un minuto, sacrificato. Grande stagione. 45′ Isoardi 8
All. Bianco 10 Pilota di una macchina perfetta, l’Eccellenza è il giusto traguardo.

Piscinese Riva-4-3-2-1
Gianni 7 Tantissime parate, molte dall’alto coefficiente di difficoltà. Reattivo.
Aleksovski 6.5 Sbanda sempre su Viglione ma il gol del 2-2 è una perla.
Battaglia 5.5 Fatica nell’arginare Aloia.
Alfurno 6 Giornata non facile dietro.
Shtembari 7 Smista palloni con grande precisione, essenziale in cabina di regia.
Agosta 6.5 Spinge senza paura.
Artuso 6 Può fare meglio a centrocampo. 20′ st Artuso 6 Compitino in avanti.
Mazzone 6.5 Ottima gestione della sfera.
Casciano 6 Usa al meglio la sua velocità.
Colaianni 7.5 Il peso dell’attacco è sulle sue spalle e risponde alla grande, che classe!
Gennari 6 Poco incisivo ma ci prova.
All. Di Leone 7 La sua squadra senza timore mette in serie difficoltà la capolista.