Omegna - Valdengo, la partita
Andea Romussi, fosforo al servizio della squadra

Omegna – Valdengo è un contenuto PREMIUM e quindi disponibile solo per gli abbonati. In questo caso però lo abbiamo reso disponibile a tutti per spiegare come funziona il servizio.

Omegna - Valdengo, la partita
Grande correttezza in campo

L’Omegna per riprendere terreno sulla vetta, il Valdengo per cercare un’ulteriore conferma al fatto che, se si trova lì davanti, non può essere per caso. Dal verdetto del campo ed il punto che ne consegue, arrivano segnali comunque positivi sia per Pettinaroli che per Modenese: il primo per l’alto ritmo e la grande intensità con cui ha messo a tratti in seria difficoltà la capolista; il secondo proprio per quel punto che consente di preservare la vetta confermando, se mai ci fosse stato bisogno, la grande solidità difensiva. Passando alla cronaca, l’avvio di gara sembra sorridere ai padroni di casa, con Mercandino grande protagonista: il numero 11 prima testa i riflessi di Borella con due girate volanti, poi mette i panni dell’assistman servendo col petto Romussi, abile ad inserirsi tra Bainotti e Iobe a firmare il vantaggio. La rete non cambia quello che era stato fino a quel momento il copione del martch: Omegna che continua nella ricerca del possesso, ma i maggiori pericoli continuano ad arrivare dal Valdengo, con le folate di Romussi e compagni che impensieriscono e non poco la difesa rossonera. Palleggio invano quello dei ragazzi di Pettinaroli almeno fino al 43’ quando il giropalla dei padroni di casa trova finalmente concretizzazione: Elca è chirurgico nel cambiogioco pescando dentro l’area Montani, servizio a rimorchio per il taglio di Cabrini con l’11 che di prima intenzione fredda Lanza e firma il pari. Dopo la pausa si passa alla ripresa dove il Valdengo, complice anche e soprattutto i ritmi forsennati dell’Omegna, abbassa pericolosamente il proprio baricentro rischiando clamorosamente in due occasioni: al 56’ uno spiovente da destra viene girato a centro area da Cabrini che centra la traversa; 2’ dopo Gaio salva sulla linea il diagonale a botta sicura di Elca. Dopo il grande spavento, la Fulgor trova la giusta quadratura del cerchio, soffrendo poco fino al finale e portandosi così a casa un punto decisamente prezioso per il proseguimento del campionato.

Omegna - Valdengo, la partita
Un formidabile duello tra il super bomber dell’Omegna Alessandro Elca e il difensore della Fulgor Mattia Gallo

OMEGNA-FR VALDENGO 1-1
RETI (0-1, 1-1): 18′ Romussi (F), 43′ Cabrini (O).
OMEGNA (4-3-3): Borella, Giani, Racis, Bainotti, Iob, Perini, Elca, Montani, Lipari, Valsesia, Cabrini. A disp. Tosi, Pastorelli, Pontiroli, De Ponti, Spadoni, Corsico, Brunetti, Drogeja, Comparoli. All. Pettinaroli.
FR VALDENGO (4-5-1): Lanza, Zia, Gaio, Ciraulo, Ndiaye, Gallo, Rizzato, Torta (8′ Marazzato), Gagna (14′ st Manzano), Romussi, Mercandino (43′ st Esposto). A disp. Mascarello, Canova, Lavecchia M., Mazzarotto. All. Modenese.
ESPULSI: 44′ st Giani (O).

 

Omegna - Valdengo, la partita
Demetrio Lipari dell’Omegna non ha avuto vita facile

Pagelle dell’Omegna
Borella 6.5 Chiamato in causa dalla girata di Mercandino, risponde presente.
Giani 5.5 Costretto al doppio giallo, forse avrebbe potuto osare di più in avanti.
Racis 6 Non demerita a sinistra.
Bainotti 5.5 Perde contatto visivo col pallone in occasione del gol.
Iob 6 Sfiora il gol, poi non deve compiere grossi interventi limitando Marazzato.
Perini 6 Timido talvolta, si vede a sprazzi.
Elca 7 Quando si accende lui cambia la gara: solo Gaio gli nega il gol.
Montani 6.5 Puntuale nell’assist.
Lipari 6.5 Una traversa,svaria molto.
Valsesia 6 Alti e bassi in cabina di regia.
Cabrini 7 Rapace sul gol, gran taglio.
All. Pettinaroli 7 Opta per non cambiare, da premiare per intensità e ritmo.

Omegna - Valdengo, la partita
Nicolò Bainotti preso in controtempo dalla ripartenza di Ciraulo

Pagelle della Fulgor Valdengo
Lanza 6 Poco su cui intervenire.
Zia 6 Si limita a coprire.
Gaio 6 Media tra l’errore di lettura sul lancio di Elca e il gran salvataggio.
Ciraulo 6 Spreca un buon contropiede, gioca una gara di contenimento.
Ndiaye 7 Padrone del gioco aereo.
Gallo 7 Forma con N’Diaye una cinta a tratti invalicabile, preciso e puntuale.
Rizzato 6 Se la cava con esperienza.
8′ Marazzato 5.5 Qualche spizzata, fatica a rendersi pericoloso davanti.
Gagna 6 Gara di sacrificio.
14′ st Manzano 5.5 Si vede poco.
Romussi 7 Grande inserimento sul gol.
Mercandino 6.5 Crea grattacapi.
All. Modenese 7 Principale artefice di un gran gruppo, la solidità vien da sè.