26 Novembre 2020 - 22:36:08

Promozione C, mini crisi delle inseguitrici Cavour e Villafranca

Le più lette

Sprint e Sport Podcast: intervista ad Arturo Di Napoli, trascinatore di Messina e Salernitana e ora tecnico del Cologno

È ora online il quarto appuntamento con "Le Interviste di Sprint e Sport" che vede come protagonista Arturo Di...

Il calcio etico di Grazia Bugatti, responsabile del settore femminile del Lumezzane, si racconta tra successi e ambizioni

Grazia Bugatti è la responsabile del settore femminile del Lumezzane, storica squadra della zona del bresciano. La dirigente delle rossoblù ha...

Era la sosta natalizia e nonostante un gruppo corposo di squadre appostate nelle posizioni playoff, Cavour e Villafranca, insieme ad Albese e Busca, guidavano la testa della classifica. Poi la pausa, il mercato (che poco ha influito per queste squadre) e la ripresa delle operazioni, ma qualcosa è cambiato.
Non in casa Albese sicuramente, perchè la squadra di Perlo, nonostante il pari di oggi a Carmagnola (pareggi che non fanno storcere il naso contro squadre che hanno fame di punti salvezza) ha preso il largo sulle altre, con solo più il Busca a tallonare la capolista.
Anche la squadra di Zabena inciampa in questa giornata, contro l’ormai carismatica Cheraschese di Mascarello, ma può ancora godersi un consolidato vantaggio sulle inseguitrici, dal momento che le inseguitrici sono cambiate.
Dove prima trovavamo Villafranca e Cavour ora ci sono Pedona e Pancalieri, nonostante le new entry si siano scontrate in questa domenica, con la squadra di Zappatore che riesce a superare quella di Melchionda, alla seconda sconfitta consecutiva. Cos’è successo quindi alle due squadre che, gli addetti ai lavori, davano come favorite per spodestare l’Albese Campione d’Inverno?
Partendo dal Cavour, l’analisi di Vittorio Zaino, allenatore dei giallorossi, della scorsa settimana fa emergere un aspetto importante dei problemi della squadra: in cinque partite, delle diciannove totali, Cretazzo e compagni non sono riusciti a trovare la via del gol, troppe anche secondo Zaino: «In un campionato sarebbero troppe anche a fine stagione -queste le parole dell’allenatore della scorsa settimana- e noi abbiamo appena superato la metà delle partite a disposizione».
Una defezione offensiva che inizia a pesare e che comincia anche a mettere in ombra la straordinaria solidità difensiva (i giallorossi hanno infatti la seconda miglior difesa del campionato). Terzo pareggio consecutivo, quello di questa settimana, una sorta di “influenza”.
Il Villafranca di Caputo invece da dopo la sosta è riuscito a superare solo la Piscinese Riva (2-1), cadendo contro Pedona e Cheraschese (due dirette contendenti). Gli altri tre risultati sono pareggi per 1-1 contro Infernotto, Azzurra e Valle Varaita, tutte e tre ora in scia (più o meno vicina) della squadra giallorossa. A salvare il risultato in questa diciannovesima giornata è bomber Barison, con una punizione dal limite a tempo ormai scaduto. La squadra di Caputo, a differenza di quella di Zaino, non eccelle per impeccabilità difensiva: appena tre le gare terminate con la porta inviolata per Simonetta, che comunque può contare su un reparto formato perlopiù da giocatori esperti e di un certo valore.
Se la parola “crisi” farà storcere il naso ai tifosi più appassionati, è giusto precisare che la stagione per entrambe le squadre non è per niente compromessa, anzi. Le posizioni si sono mischiate e altre contendenti si aggiunte alla corsa, ma sia Cavour che Villafranca sono e rimarranno compagini organizzate e di alto livello, ancora in lizza per la corsa al playoff.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli