1 Ottobre 2020 - 22:25:57
sprint-logo

Promozione D: Acqui e Arquatese, il futuro è adesso

Le più lette

Carignano – Albese Under 19: grande esordio biancorosso, l’autogol di Marasso decide il match

La prima gioia targata regionali è tutta del Carignano, che vince giocando bene e convincendo in tutti i reparti...

Real Torino – Beiborg Coppa 2°- 3°: Pautasso trascina il gruppo di Amore

Tutto pronto per la seconda di Coppa Italia: i padroni di casa del Real Torino per iniziare al meglio...

Base 96 – Vogherese Eccellenza: Becchi giustizia, Annoni silura, la Voghe espugna Seveso con concretezza

La prima storica doppietta in Serie A del prodotto del settore giovanile rossoverde Luca Caldirola in Sampdoria-Benevento poteva essere...
Roberto Bucci
Roberto Bucci
"Chi sa solo di calcio non sa niente di calcio"

Acqui e Arquatese guardano già al futuro che non è così lontano poiché nella prossima stagione i 2002 diventeranno fuoriquota, bisogna muoversi per tempo in modo da fare adattare i ragazzi che quest’anno raggiungono la maggiore età ai ritmi di una prima squadra in Promozione molto differenti rispetto alle categorie giovanili a cui sono abituati.

Le due compagini alessandrine sono le più rappresentate con i termali che schierano abitualmente nell’undici titolare il terzino destro Matteo Cerrone e l’ala sinistra Alessandro Bollino, con il 2003 Matteo Ciberti che ha fatto cinque apparizioni e l’altro 2002 Lorenzo Aresca che fece due reti l’anno scorso.
I biancoazzurri di Vennarucci contano sull’attaccante Davide Guido, sul difensore Tommaso Scolafurru e il centrocampista Matteo Monticone. La squadra di Arturo Merlo è quella con l’età media più alta del campionato, oltre 27 anni, ma accanto ai giocatori di spessore come Innocenti, Massaro, Cimino, Costa, Gilardi, Genocchio, Rondinelli e Rignanese stanno crescendo le due future stelle già citate.
Matteo Cerrone è al suo secondo anno da titolare e anche nel giro della Rappresentativa Regionale Under 19 con forti probabilità di convocazione al Torneo delle Regioni di aprile; sono 12 le presenze stagionali e 31 quelle totali in Promozione. Alessandro Bollino è invece una novità di questa annata che non ha saltato nemmeno una gara ed è il re di questa classifica. Arturo Merlo se li coccola giustamente «Cerrone è al secondo anno da titolare, Bollino invece è una sorpresa anche per noi; tutto merito suo che ha saputo sfruttare le occasioni. Anche contro la Valenzana Mado si è procurato il rigore realizzato da Innocenti, sta migliorando anche a livello muscolare; sono contento perché è una spugna e apprende tutto».
Anche Maurizio Vennarucci, arrivato sulla panchina dell’Arquatese a stagione in corso, ha subito puntato sui suoi 2002 «Guido, Scolafurru e Monticone hanno trovato la giusta collocazione e si sono adattati alla categoria, molto bravi a cogliere l’opportunità. La Juniores è terza nei Provinciali, una buona annata; storicamente una squadra come l’Arquatese è costretta a far uscire fuori dalle giovanili i propri giocatori perché è difficile portare sempre giocatori da fuori ad Arquata».
Ripercorrendo le statistiche sono 13 le presenze per Davide Guido, 12 per Tommaso Scolafurru e 10 per Matteo Monticone; tutti e tre prelevati l’estate scorsa dalla Novese Under 17. Tre i 2003 che hanno avuto il piacere e l’onore di scendere sui campi del girone D, al già nominato Matteo Ciberti si aggiungono Giovanni Biglia della Pro Villafranca e Alessandro Negri della Valenzana Mado. Proprio quest’ultimo è il ragazzo con più minutaggio e il suo tecnico Fabio Nobili lo descrive così «Negri è un ragazzo strepitoso sia dal punto di vista umano che professionale; è dotato di un gran fisico e una tecnica sopraffina. Può giocare in ogni ruolo del centrocampo anche se al momento agisce meglio da vertice basso, ha le qualità per giocare già in Promozione».

LA PARTITA SEGUITA DEL GIRONE È: Lucento – San Giacomo Chieri (Roberto Bucci)

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli