10 Aprile 2021

Promozione, la provocazione di Fermanelli: «Al sud si parla di ripresa, perché qua no?»

Le più lette

Celadina Under 15: l’efficacia tattica del 4-2-3-1 in fase difensiva e conclusiva spiegata dal tecnico Enrico Minotti

Il Celadina Under 15, una squadra formata da una rosa di ben ventisei giocatori, proveniente dal campionato CSI e...

Vianney Under 16: Francesco Costanzo, capitano alla Cannavaro

Ad indossare la fascia nel Vianney Under 16 c'è Francesco Costanzo che, oltre al gruppo 2005, guida anche tutta la...

Alcione, arriva la prima conferma: Emilio Fontana resta in via Olivieri

Emilio Fontana e l’Alcione: un binomio nato due estati fa, destinato a continuare insieme anche la prossima annata. Siamo...
Avatar
Daniele Moccia
Responsabile Eccellenza - Promozione Piemonte Promozione Girone B

Con l’Eccellenza pronta a riprendere il calcio giocato, si andrebbe a chiudere il cerchio che connette la Serie D al massimo campionato regionale. Per le altre categorie risulta sempre più impensabile portare a termine la stagione, salvo colpi di scena. L’idea del torneo volontario per l’Eccellenza, tuttavia, lascia un grande quesito aperto: perché non proporlo anche in Promozione? Con il blocco delle retrocessioni in Eccellenza la promozione di altre società dalla categoria inferiore andrebbe ad infoltire ulteriormente l’organico della categoria (che, ricordiamo, è già sopra di 4 società rispetto alla prassi), ma se così non fosse perché non coinvolgere anche la Promozione nel meccanismo? Perché non considerare l’idea di aumentare i gironi di Eccellenza a 3 e di promuovere delle squadre per completare gli organici?

Il Piemonte e le altre regioni • Domande più che lecite, soprattutto per il fronte compatto delle società della categoria che tanto vorrebbero ritornare a giocare. Tra questi si è eretto a portavoce Claudio Fermanelli, allenatore dello Charvensod e primo promotore del ritorno in campo per tutti: «Al momento noi della Promozione non abbiamo la minima idea di quello che accadrà. Stiamo seguendo alla lettera tutti i protocolli, non smettiamo di allenarci per una ripresa che sembra un miraggio. Aspetteremo le elezioni in FIGC per capire qualcosa in più, ma mi chiedo perché non fare un format di campionato volontario anche in Promozione? Vorrei che noi società facessimo fronte comune». La richiesta di Fermanelli fa forza su quello che sta accadendo nelle altre regioni, soprattutto al sud: nel comitato della Campania le società di Promozione sono quasi tutte a favore della ripartenza, mentre in Sicilia il Presidente Morgana ha aperto alla possibilità della ripresa dei campionati di tutte le categorie. Nei comitati regionali di Sicilia, Campania e Puglia c’è stata un’apertura verso la ripresa della categoria e le società sono quasi tutte a favore del ritorno sui campi, però è ben noto che ogni regione avrà la facoltà di scegliere il proprio percorso in base a cosa si farà con l’Eccellenza. Infatti nei comitati del nord e del centro le squadre sono quasi tutte unite verso il no, da come è emerso nelle riunioni già effettuate.

Spazio alle big della categoria • «Sono convinto che ci siano società meritevoli di essere promosse in Eccellenza – continua Fermanelli – soprattutto per i risultati che stanno ottenendo sul campo. Penso al girone B: perché una squadra come l’Ivrea, che al momento è prima, ha meno diritti a disputare l’Eccellenza rispetto a una società che si salverebbe senza giocare? A questo punto se vogliono riprendere davvero l’Eccellenza devono farlo come si deve, con tutte le squadre in campo e le retrocessioni annesse». Il punto chiave sembra quindi essere chiaro: le retrocessioni sono la chiave di volta di un discorso a cascata che coinvolgerebbe le altre categorie. Viste le sensazioni che emergono dalla Prima Categoria in giù (dove la ripresa è voluta da pochissimi) l’unico vero punto interrogativo resta la Promozione. Il primo passo che potrebbe fare il comitato regionale è organizzare una riunione con le squadre dei 4 gironi, ma per fare ciò bisogna prima avere la certezza che la ripresa dell’Eccellenza (e con tutte le questioni legate) vada in porto. Serve ancora del tempo, ma la richiesta di figure come Fermanelli è chiara: fare fronte comune per chi, come lo Charvensod, ha voglia di tornare a giocare in Promozione.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0