Santa Rita: «Se ci vogliono far retrocedere lo dicano»

396
Santa Rita
Il Santa Rita prima del match contro la Valenzana Mado

Santa Rita-arbitri, un amore mai nato e che probabilmente non nascerà mai. Durante la riunione tra le squadre di Promozione per il Premio Giovani e incontro con i direttori di gara di qualche settimana fa, la società neopromossa è stata protagonista nelle parole del presidente Felice Gialanella e del figlio-allenatore Camillo Gialanella, i due tra l’altro hanno denunciato il fatto che gli arbitri prima di andare a dirigere il Santa Rita segnalano su Whatsapp a loro i giocatori da tenere d’occhio in quanto rei di scorrettezze in campo.

I biancoblù da diverso tempo denunciano delle situazioni a loro sfavore e il finale di Acqui-Santa Rita di domenica scorsa è la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso; i torinesi, passati in vantaggio ad inizio ripresa con la rete siglata da Roberto Di Lucia, si vedono assegnare un rigore contro al nono minuto di recupero per un presunto contatto tra Cerrato e un attaccante termale ma quest’ultimo sembra cadere da solo; il penalty poi trasformato da Innocenti ha vanificato quella che sarebbe stata un’impresa per i biancoblù, invischiati nella lotta per non retrocedere.

Invece la squadra di Gialanella è tornata da Acqui con due punti in meno e una grande rabbia come si evince dalle parole del tecnico: «Mi hanno rubato la partita, nove minuti di recupero e all’ultimo l’arbitro si è inventato un rigore, mai vista una cosa del genere a questi livelli, tra l’altro so che quest’arbitro insegna ai più giovani pure; anche quelli dell’Acqui hanno detto che è stato clamoroso. Già giovedì nel recupero contro la Pro Villafranca mi sono visto dare contro due gol in netto fuorigioco ma questo è ancora peggio».

Anche il presidente ha voluto dire la sua esprimendo tutto il rammarico: «Da quando sono presidente non ho mai visto cose del genere, persino la presidentessa dell’Acqui ci ha dato ragione e tutto il pubblico ci è rimasto; ci tolgono punti perché siamo una matricola forse ma se vogliono farci scendere ce lo dicano e retrocediamo. Telefonerò a Stella perché per me è uno scandalo, facciamo tutti sacrifici da me ai giocatori e poi vengono vanificati così».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Al servizio dei giovani e dello sport dal 1957, è il nostro motto. Abbiamo l’ambizione di formare e informare, intanto contribuendo a migliorare la cultura sportiva. Abbiamo introdotto alcune importanti novità sull’edizione multimediale: le interviste a fine gare dei protagonisti le potete ascoltare integralmente attraverso i file originali, lo stesso dicasi per le reti da palla inattiva o le fotogallery. Vogliamo proporre il calcio sotto una nuova forma, attraverso il filtro dei numeri, delle statistiche e allora ecco un’ampia sezione dedicata alle prove individuali. Focus portieri con le classifiche dei meno battuti, spazio ai bomber e al minutaggio / gol. Infine, per difensori e centrocampisti, tutte le medie voto compilate seguendo le indicazioni degli addetti ai lavori e dei nostri inviati.