23 Giugno 2021

Resistenza Granata, nuova realtà dilettante nel calcio torinese

Le più lette

Nuova Frontiera, il futuro non fa paura. Il DS Attilio Mapelli: «Stiamo costruendo una realtà solida che punti a valorizzare i giovani sempre di...

Pandemia? Crisi del calcio dilettantistico? Vocaboli e concetti che sembrano non aver sfiorato la Nuova Frontiera, società che si...

LG Trino-La Biellese Eccellenza: Kambo scaccia la paura ma non evita lo spareggio, sarà “finale” con l’RG Ticino

È successo di tutto. Partiamo da ciò che conta di più, ovvero il risultato. Il 2-2 finale tra LG...

Casale-Legnano Serie D: Lewandowski nega i playoff al Legnano all’ultimo respiro

Il calcio a volte sa essere crudele, lo sa bene il Legnano da oggi, che si vede negare l’accesso...

La lontananza dal calcio giocato si fa sentire, ma c’è chi ha usato lo stop forzato per dar vita a nuovi progetti. A Torino una nuova società sta prendendo forma, e, non appena sarà possibile, scenderà anche in campo: Resistenza Granata.

Il Presidente della neonata società, Fabrizio Bo, racconta come è nata l’idea di strutturare un direttivo solido che è pronto per iniziare un nuovo percorso: «Siamo un gruppo informale, Resistenza Granata, nato 10 anni fa durante il primo torneo del Fila, “Pulitori del Fila”, intorno al Filadelfia chiuso. Riuscimmo a mettere insieme più persone e dar vita al torneo. Dopo quella esperienza ci siamo decisi a costruire qualcosa di più organizzato e abbiamo messo insieme una squadra amatoriale di calcio a 8, che è durata per dieci anni. Il tutto si è sempre mosso in un contesto di amicizia, uniti dalla voglia di stare insieme, ma sena mai dimenticare il nostro obiettivo è stato sempre, fin dall’inizio, riuscire a mettere in piedi qualcosa di concreto e raggiungere un risultato. Attualmente intorno al movimento girano circa 60 persone con le quali abbiamo organizzato iniziative di solidarietà e momenti di divertimento». In 10 anni di esperienza però l’obiettivo finale è sempre stato quello di costituire una società a tutti gli effetti che militasse in Federazione, e l’obiettivo è stato raggiunto: «Siamo persone con interessi ed esperienze diverse – continua Fabrizio Bo – ma avevamo un sogno, cioè mettere insieme un’associazione che giocasse in Federazione; una società che portasse il nostro nome con cui impegnarci. Quello che è fondamentale per me e tutti i soci è che questa neonata società si faccia portatrice di valori che per noi sono imprescindibili: portiamo avanti un calcio popolare che presuppone lo stare in campo in modo corretto e la sportività come punto cardine. Finalmente siamo pronti a scendere in campo. Quest’anno, visto anche quanto il calcio manca a tutti noi, abbiamo convenuto che i tempi fossero maturi e ci siamo trovati tutti d’accordo nel momento giusto. Al nostro interno ci sono figure competenti  che ci permettono di affermare che sappiamo di cosa parliamo. Siamo un team di dirigenti, allenatori, tutti con esperienze nel mondo dello sport e nel calcio. Io personalmente ho competenze a livello associativo, ecco il perché del mio ruolo».

La società, A.S.D Resistenza Granata, nascerà inizialmente con una Prima squadra che partirà dalla terza Categoria, ma il progetto è quello di crescere e riuscire in un futuro anche a costruire un Settore giovanile. Chiaramente il primo passo è la Prima squadra.

Fabrizio Zecchi

A guidare in panchina il gruppo dei dilettanti sarà Fabrizio Zecchi, un nome conosciuto nel calcio dilettantistico torinese. Nonostante la sua esperienza sulle categorie dilettanti, l’ultimo incarico di Fabrizio Zecchi lo aveva visto guidare una giovanile, è infatti stato allenatore del Cit Turin 2005 per il biennio Giovanissimi (2018-20), lasciando il Cit e il gruppo all’inizio dell’attuale stagione. «Partiremo da una terza categoria che è il progetto più “semplice” da realizzare nell’immediato – spiega Zecchi – Ma l’obiettivo rimane il piacere di stare insieme a prescindere dalla categoria, almeno all’inizio». Il tecnico continua poi ricollegandosi al discorso del Presidente: «La cosa che ci ha uniti fin da subito  è stato il terzo tempo. Ognuno dei giocatori portava qualcosa e stavamo insieme dopo la partita. Questo aspetto di convivialità lo vorremo ricreare anche con la nuova Terza categoria. È un aspetto che rientra in quei valori di cui ha parlato il Presidente; abbiamo anche fatto una raccolta fondi per spedire a ragazzi del Kenya tutta una serie di materiali sportivi di cui potevano aver bisogno. È questa la linea che vogliamo seguire, usare lo sport per trasmettere solidarietà e coesione».

La nuova società si sta quindi muovendo anche per trovare una sede su cui allenarsi e poi giocare. «Per quanto riguarda gli allenamenti li svolgeremo nel campo a 8 dell’Onnisport – spiega Zecchi – per le gare invece affitteremo un campo. Abbiamo già preso accordo con una società che ci fornirebbe gli spazi. Partiamo così poi l’obiettivo sarà quello di arrivare ad avere una sede nostra».

Nel panorama piemontese ci sarà una nuova realtà quindi, l’A.S.D Resistenza Granata, che non vede l’ora di poter iniziare questa nuova avventura. L’annuncio è stato trasmesso attraverso i canali social della società il 27 marzo (data scelta in memoria dell’anniversario del derby dell’83 Toro – Juve terminato 3-2 in rimonta).
Organigramma societario:
Presidente: Fabrizio Bo
Vice presidente: Luigi Betti
Segretario: Michele Nicola
Responsabile amministrativo: Emilio Romanisio
Allenatore Prima squadra: Fabrizio Zecchi
Soci fondatori: oltre a tutti i precedenti anche Maurizio Piccardo, Francesco Galati, Andrea Davanzo, Emanuele Alecce, Andrea Fazio, Luca Manzini, Marco Agostini.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli