candiolo
L'undici iniziale del Candiolo

Passa il Candiolo, ma che fatica! Al termine di una battaglia durata 120 minuti, un pareggio che ha permesso ai ragazzi di casa di accedere alla finale per il passaggio in Prima Categoria, ma che ha anche esaltato la voglia e il carattere dei giovani del Fila Moncalieri. Il match, in fin dei conti, ha premiato l’esperienza della squadra di Grippo, rispetto all’esuberanza, ma anche all’ingenuità dei moncalieresi. Ma andiamo con ordine nel raccontare, che, seppur non entusiasmante sul piano del gioco, ha saputo riservare, specie nel finale, occasioni ed emozioni. Nella prima parte di gara sono i padroni di casa a gestire il gioco con Bresciani in mezzo al campo e Martucci e La Morte in attacco. Palle gol non se ne vedono, solo al 30′ su cross di Filip, Morra incorna bene di testa, palla fuori di poco. La risposta del Candiolo è nel sinistro a giro di Ruggia al 35′, ma la mira non è precisa. Come nel primo tempo, il match è spesso spezzettato da falli e interruzioni. Anche sugli spalti il clima è caldo con cori, striscioni e fumogeni. L’ingresso di Citterio dà nuova linfa all’attacco biancazzurrro, proprio lui al 10′ va vicino al gol. I cambi trasformano le due squadre, e anche il match. Al 38′ Rizzo si accentra dalla destra e con un sinistro a giro trova l’incrocio dei pali. Sembra il gol partita, ma proprio quando ormai il taccuino sta per essere chiuso, sull’ennesima mischia in area candiolese, Citterio trova la zampata vincente, che manda il match ai supplementari. Nell’esultanza s’infortuna Falcone, così che il Fila Moncalieri gioca con un uomo in meno. Dopo 4 minuti di supplementari, su calcio d’angolo, Devis Martucci la gira in rete da due passi, ma non è ancora finita, perché al 13′ è ancora Citterio, con una punizione magistrale, a riportare il risultato in parità. Nel secondo tempo supplementare, però, agli ospiti mancano le forze, e il Candiolo non rischia più nulla.

Candiolo
Vannozzi 6 Qualche uscita così così, qualche buona parata.
Avattaneo 6 Battaglia fino all’ultimo sangue e non è una metafora 24’st Mariotti 6 Combatte con la solita grinta.
Martucci J. 6.5 Guida la difesa.
Giordano 6 Roccioso.
Brucoli 6 Se la cava, pur con qualche ingenuità.
Bresciani 6.5 Sfrutta bene i calci piazzati, unica arma in un match ricco di punizioni.
Ruggia 6 Prova a rendersi pericoloso. 34’st Rizzo 6.5 Eurogol.
Chiaramello 6 Lottatore in mezzo.
Santafata 6 Incide poco tra centrocampo e attacco. 21′ st Alladio 6.5 Da una sua giocata arriva il primo gol.
La Morte 6 Tante sponde, pochi tiri.
Martucci D. 6.5 Si muove bene, segna, a volte egoista.
All. Grippo 6 Squadra solida, però poco incisiva.

Fila Moncalieri
Pavia 6 Più gol che parate per lui…
Ravello 6 Controlla la fascia senza azzardare avanzate.
Palushaj 6 Soffre un po’ l’ingresso di Alladio. 42′ st Olivieri 6 Partecipa al forcing finale. Valente 6 Si fa sentire in mezzo al campo. 45′ st Pezzuto 6 Anche lui entra per cercare il pari.
Perrotta 6 Sua la prima occasione.
Rosano 6 Cerca di coprire su Martucci.
Rosso 5.5 Un tempo senza lasciare troppe tracce 1’st Citterio 7 Oltre ai due gol, è sempre al posto giusto.
Filip 6 Sempre nel cuore del gioco.
Morra 5.5 Un tiro al 9′, poi scompare.
Arrigo 6.5 Il più pericoloso dei suoi con i suoi movimenti 20’st Falcone 5 S’infortuna ingenuamente e non aveva combinato granché.
Ravizza 5.5 Qualche incursione senza effetti 11’st Bollattino A. 5.5 Raramente incisivo quando entra.
All. Grieco 6 Squadra caparbia, manca però un pizzico d’esperienza.

moncalieri
L’undici iniziale del Fila Moncalieri