E’ un Pizzorno raggiante che si presenta a fine gara: «E’ un gruppo giovane, e nei momenti di difficoltà dimostra personalità nonostante l’età, qualsiasi allenatore con un gruppo del genere può fare bene», sembra quasi volersi sfilare dal merito e lasciare la ribalta ai suoi giocatori. Una vittoria che ha un sapore ancora più frizzante e beverino, da assaporare con calma nei giorni a seguire essendo maturata in inferiorità numerica nel secondo tempo. Sono punti importantissimi in un campionato che vede molte squadre compresse in una manciata di punti, punti che non sono arrivati per lo Sciolze di Arena, < < ci è mancata la lucidità, in undici contro dieci basta un po’ di lucidità per vincere la partita, c’è da lavorare molto>>, le parole di Arena in questo passaggio fotografano bene la gara, lo Sciolze poteva fare di più, ma vede sfumare i tre punti e la possibilità di superare il Ciriè.
La partenza è lenta, i padroni di casa sulla sinistra sembrano più pungenti e riescono a rimanere per buona parte del primo tempo nella metà campo avversaria, con un maggior attacco e fraseggio sulle corsie laterali. Al 10’ ci prova Manzi di sinistro, è bravo Chiartano a toglierla dall’angolino basso sinistro in allungo. Pochi minuti dopo una bella manovra avvolgente porta Longo in trequarti a servizio di Di Vincenzo che si propone a sinistra, riceve palla e prova a incrociare sul secondo palo, palla di poco a lato e brivido per gli arancioneri di Arena. Non riesce a uscire bene lo Sciolze e ci prova con una conclusione da distanza siderale Magnesi, troppo poco per impensierire Chiodo che culla il pallone tra le braccia con la sicurezza di un padre con il figlio. Al 22’ una buona fiammata di Ruscone che scarica su Di Vincenzo a rimorchio, il numero 7 calcia forte ma troppo angolato. Al 26’ rischia grosso ancora lo Sciolze con la bordata da fuori di Ruscone, Chiartano risponde ma non trattiene, palla che skizza fuori dall’area rischiando di finire tra le grinfie di Paone che era a pochi passi dalla porta, da li non avrebbe che dovuto depositare a rete. L’ultima azione del primo tempo è degli ospiti che quasi beffano il buon Ciriè visto fino a questo momento: Cavazzi in slalom si apre una finestra nella difesa ciriacese e scarica un ottimo tiro, palla deviata diventa insidiosissima, ma la risposta di Chiodo è eccezionale e schiaffeggia il pallone che vola alto fuori dallo specchio. Al rientro in campo non ci sono sostanziali cambiamenti tattici, si riparte con gli stessi calciatori in campo. Le emozioni non tardano ad arrivare, due minuti appena e Di Vincenzo dalla sinistra serve Longo che batte a rete per il vantaggio azzurro dei padroni di casa, scatenando la festa fuori e dentro il campo, con i compagni in panchina euforici che quasi entrano in campo a festeggiare il puntero numero 9. L’euforia dura pochissimo, il tempo di scaldare una tazza di latte al microonde e tre minuti dopo al 5’, dalla trequarti una punizione che sembrerebbe innocua diventa l’assist per Di Bernardo che preme il tasto rewind, anticipa tutti sul primo palo e insacca ristabilendo la parità. 11’ Longo si fa ingenuamente espellere, dopo aver ricevuto una gomitata non vista dall’arbitro che era girato, reagisce, l’arbitro lo vede e lo sanziona. Ciriè in dieci che però non molla un centimetro e trova persino il raddoppio su calcio di rigore al 19’: il solito Di Vincenzo si incunea in area, lo atterra Fenoglio, dagli undici metri è Solazzo a battere Chiartano per il 2-1. La partita diventa nervosa e volano cartellini gialli da ambo le parti. Sciolze non approfitta della superiorità numerica, e rischia addirittura il colpo del ko del subentrato Nicolosi al 38’ che cerca di scavalcare il portiere arancionero e per poco ci riesce ma è bravo l’estremo difensore a sventare in due tempi. Sul finale lo Sciolze reclama un tocco di mani in area ciriacese ma l’arbitro non lontano fa segno di proseguire. Ciriè in festa per una vittoria pesantissima, ma sicuramente meritata, Sciolze poco cinico e determinato spreca la ghiotta occasione di ribaltare la gara in superiorità numerica per buona parte della ripresa.

Ciriè-Sciolze 2-1
Reti (1-0, 1-1, 2-1): 2’st Longo (C), 5’st Di Bernardo (S), 19’st Solazzo (rig.)
Ammoniti: Solazzo (C), Betemps (C), Chiodo (C), Rettegno (S), Fenoglio (S), Bini (S), Orlando (S)
Espulsi: 11’st Longo A. (C)
Arbitro: De Cristofaro 5.5: Gara difficile, non aiutato dai giocatori in campo, non perfetta la gestione dei cartellini e di alcuni falli.

CIRIE’ 4-3-3
All. Pizzorno 7 Ottima gara, i cambi non sono un semplice correre ai ripari in inferiorità, ma portano addirittura pressione offensiva.
Chiodo 6.5 Uscite sicure in presa alta importante, sempre attento
Naretto 6.5 difficile penetrare dalla sua parte 32’st Fornero 6.5 un grande aiuto nel mantenere ordine
Manzi 6.5 Ottima gara, sempre propositivo sulla sinistra.
Carlini 6 Qualche errore di troppo nel primo tempo, meglio nel secondo
Longo M. 6 Bene la posizione, qualche sbavatura nel secondo tempo ma ci sta
Pierobon 7 Cresce nel secondo tempo e da una mano a tutta la squadra
Di Vincenzo 7.5 Determinante in tutti i gol c’è il suo zampino
Solazzo 7 rigore perfetto e decisivo, buone trame al centro 21’st Betemps 6 buon ingresso ha voglia e si vede
Longo A. 6 apre la gara con il gol ma troppo ingenuo, col rosso rischia di rovinare tutto
Paone 6.5 scappa parecchie volte nel primo tempo sulla fascia 34’st Micheletta 6 Ci mette gran entusiasmo, e lavora bene alcuni palloni
Ruscone 6.5 Pericoloso e molto presente in fase offensiva incide bene 29’st Nicolosi 6.5 Molto positivo, si propone subito e va vicino al gol
DIR: Amorese

SCIOLZE 4-3-1-2
All Arena 6 alcuni cambi sono giusti ma forse un po’ in ritardo
Chiartano 6.5 alcune buone parate tengono in gioco la squadra
Arcaro 6 Tiene bene la posizione non da grande spazio
Rosso 5.5 si fa superare a volte sulla fascia
Fenoglio 5.5 non benissimo e provoca il rigore della disfatta 40’st Balasso sv.
Orlando 6 grintoso, l’arbitro lo ammonisce tardi per sua fortuna
Rettegno 6 alti e bassi ma spesso in fascia frena il Ciriè 40’st Pasquero sv.
Casalegno 6.5 nel mezzo alcune giocate sono discrete 26’st Gastaldi 5.5 gestisce male alcuni palloni
Magnesi 6 non malissimo, ma può fare di più.
Cavazzi 6.5 servito poco, ma lavora bene.
Bini 6.5 gara discreta la sua fatica nel secondo tempo 16’st Audino 5.5 non incide molto.
Di Bernardo 6.5 la riprende subito a inizio primo tempo, ma poi cala.
DIR: Croveri