16 Maggio 2021

Casale, le proposte di Marco Berton: nuova Under 18 indispensabile per i ragazzi

Le più lette

Borgaro, Orofino tira le somme dopo metà campionato: «Non dobbiamo perdere l’entusiasmo»

La domenica nera passata contro l'Oleggio è già alle spalle, certo, il riposo e la squalifica da scontare nel...

Sassuolo-Juventus Primavera 1: Saccani riacciuffa i bianconeri nel finale, la magia di Sekulov illude

Il gran gol di Nikola Sekulov non basta alla Juventus per vincere in casa del Sassuolo che con una...

Se da un lato l’amarezza per l’ormai impossibile ripresa dei campionati giovanili è ancora fresca, dall’altra si fa sempre più strada la volontà di istituire una categoria Under 18: apparentemente studiata appositamente per i classe 2004, i benefici di un’ipotetica Under 18 andrebbero in realtà a toccare anche le altre categorie del Settore giovanile nonché la Juniores, che rimarrebbe composta per un’altra stagione da 2002, 2003 e fuori quota 2001.

 

Sulla questione si è espresso favorevolmente anche Marco Berton; arrivato al Casale nella stagione 2017-18, dopo due stagioni con i 2005 e una con i 2003, ora Berton è istruttore degli Esordienti 2008 nerostellati e spera in una svolta: «Non voglio sindacare sui provvedimenti presi dal governo, né sul fatto che alcuni sport o alcuni comitati godano dell’interesse nazionale che permette di svolgere allenamenti o partite; penso che in questo momento sia opportuno guardare avanti pensando soprattutto ai ragazzi, che rappresentano il futuro. Durante i corsi federali che ho frequentato mi è rimasto impresso un concetto, ovvero “si deve saper far fare”; dunque la mia domanda è: cosa pensiamo di far fare a quelle annate che sono state così tanto danneggiate dalla pandemia? Penso che il nostro compito sia quello di dare a questi ragazzi qualcosa che non abbiamo potuto fornire loro in queste due stagioni, non possiamo fare finta che non sia successo nulla, che saltino due categorie e si trovino a competere in un calcio per il quale, per forza di cose, non possono essere pronti. Detto questo, una delle opzioni potrebbe essere il cosiddetto “congelamento” delle categorie, ma è una strada difficilmente percorribile in quanto comporterebbe modifiche sostanziali alle NOIF. Di conseguenza la via più percorribile è quella della creazione della categoria Under 18 per i 2004: si tratterebbe di una categoria che esiste già a livello professionistico, e sarebbe un’annata di transizione in cui si andrebbe a recuperare almeno in parte ciò che si è perso in questo biennio. Nel frattempo, dove sarà consentito, si potrebbe riprendere a pieno regime gli allenamenti e, se le condizioni lo consentiranno, organizzare nei mesi di maggio e giugno dei tornei, anche tra categorie regionali e provinciali, senza vincoli, solo per far riprendere ai ragazzi la forma e la confidenza con pallone e campo».

 

Argomento, questo, che Berton ha avuto modo di analizzare durante una diretta del Casale chiamata “Nerostellando”, che è andata in onda sulla pagina Facebook e sul canale YouTube ufficiale della società: «Lunedì 29 marzo ho avuto modo di parlare dell’Under 18 all’interno della diretta a cui hanno partecipato anche il Direttore sportivo del Settore giovanile del Casale Vittorio Turino, l’addetto stampa nerostellato Maurizio Barberis, il Responsabile dell’Attività di base dell’Alessandria Marco De Francisci e Dario Calemme, team manager del Canelli. La puntata era incentrata sull’interruzione delle attività, e questo mi ha dato l’opportunità di proporre la categoria intermedia per i 2004: al momento non sappiamo ancora cosa ci riserverà il futuro, e la prima speranza è quella di poter tornare ad allenare, ma la proposta Under 18 deve essere presa in considerazione; ovviamente per essere messa in atto ci vorrà un iter burocratico importante, e le situazioni varieranno da società a società, ma per costruire qualcosa e ripartire non si può prescindere da una programmazione accurata. Ho avuto modo di leggere un report sul calcio dilettantistico in Italia, e i numeri dicono che nel periodo pre-pandemia venivano disputate circa 370.000 partite all’anno: questo dato da un lato legittima la scelta di dichiarare conclusa la stagione, ma dall’altro ci deve anche fare riflettere sulla quantità di elementi coinvolti, e le decisioni devono essere prese nella tutela degli interessi di tutti. Non dimentichiamo anche che c’è il rischio che molti abbandonino il mondo del calcio, in molti lo hanno già fatto e questo è un risvolto molto triste a cui si deve porre rimedio il prima possibile, onde evitare che il fenomeno peggiori ulteriormente e coinvolga un numero sempre maggiore di giovani».

 

di Francesco Abbona

 

LE PROPOSTE

Congelamento di tutte le annate o nuova Under 18
L’analisi e le proposte dalla base. Riflessioni e ipotesi di Marco Berton

 

Buongiorno a tutti, sono un istruttore di giovani calciatori, mi risulta difficile continuare a rimanere silente vedendo dove rischia di andare a finire lo sport in generale e più nello specifico il calcio giovanile. Non voglio sindacare sui DPCM, su che cosa hanno costituito per chi fa calcio, se fossero giusti o sbagliati. Non voglio sindacare sul fatto che alcuni sport o alcuni comitati godano dell’interesse nazionale che permette loro di svolgere allenamenti o addirittura partite, non mi voglio addentrare in polemiche, a questo punto credo sia opportuno solo guardare avanti e per farlo dobbiamo pensare esclusivamente ai ragazzi, che nello sport come nel resto, sono il futuro di questo paese, trattarli male e non pensare a loro in maniera costruttiva ci restituirà solo odio e indifferenza nei confronti dello sport e di chi fa fare sport. Ai corsi federali che ho frequentato mi è rimasta impressa una brevissima frase “Si deve SAPER FAR FARE” ecco quindi: “Cosa pensiamo di far fare a quelle annate che sono state così tanto danneggiate da questa pandemia?”.

 

Quando ho iniziato a cavalcare questa mia passione la benzina che alimentava il mio motore è sempre stato l’entusiasmo dei ragazzi, ritengo che noi istruttori/allenatori non saremmo nulla senza di loro e la nostra missione non può essere unicamente quella di insegnare loro un controllo orientato o un contro movimento, ma insegnare passo dopo passo, categoria dopo categoria sia come si gioca a calcio ma anche come ci si rapporta con ciò che ci circonda, ed in questo momento così difficile non lo abbiamo fatto se non con allenamenti individuali o addirittura con allenamenti/lezioni online. Ma dove sono finiti lo spirito di gruppo che si creava nello spogliatoio, il confronto tra i ragazzi, gli imprevisti, le difficoltà, i sorrisi, la goliardia, le urla le arrabbiatura, abbiamo perso tutto in queste 2 stagioni, non abbiamo vissuto il calcio nella sua complessità, ed è proprio questa complessità che crea il calciatore, l’uomo , lo sportivo.

 

Personalmente mi sento in dovere di pensare a loro più che a me e ve lo dice una persona molto ambiziosa. Noi dobbiamo a questi ragazzi qualcosa che non abbiamo potuto dar loro in queste due stagioni, non possiamo far finta che non sia successo nulla, che saltino 2 categorie e si trovino a giocare un calcio a loro sconosciuto, perché a differenza di parecchi anni fa dove si imparava a giocare a calcio per strada, i ragazzi di oggi per strada non ci giocano più, a maggior ragione negli ultimi 2 anni. Pertanto propongo, per salvaguardare la crescita dei nostri ragazzi queste due ipotesi.

 

Ipotesi 1: ’Congelamento annate’

In questa opzione si salvaguarderebbero tutte le annate

JUNIORES: 2003 e 2002 e Fuoriquota 2001
UNDER 17: 2004 con fasi finali nazionali
UNDER 16: 2005
UNDER 15: 2006 con fasi finali nazionali
UNDER 14: 2007
Esordienti 2° anno: 2008 a 9 giocatori
Esordienti 1° anno: 2009 a 7 giocatori
Pulcini 2° Anno: 2010 a 7 giocatori
Pulcini 1° Anno: 2011 a 7 giocatori

 

Ipotesi 2: ‘Creazione Under 18’

 

In questa seconda opzione si salvaguarderebbero le annate più colpite come i 2004 e i 2008. Si tratterebbe di creare una categoria a livello dilettantistico che esiste già a livello professionistico. Non si tratterebbe di un anno perso, ma di un anno che si andrebbe a guadagnare nei confronti di ciò che è stato tolto a tutti

 

JUNIORES: 2003 + 2002 e Fuoriquota 2001
UNDER 18: 2004 con finali nazionali
UNDER 17: 2005
UNDER 16: 2006 con finali nazionali

UNDER 15: 2007
UNDER 14: 2008 a 9 giocatori
Esordienti 2° Anno: 2009 a 9 giocatori
Esordienti 1° Anno: 2010 a 9 giocatori
Pulcini 2° Anno: 2011 a 7 giocatori
Pulcini 1° Anno: 2012 a 7 giocatori

 

Ripresa a maggio e giugno Nel frattempo dove è consentito si potrebbe riprendere a pieno regime gli allenamenti e se la salute ci accompagna organizzare nei mesi di maggio e giugno dei tornei zonali, anche tra categorie provinciali e regionali senza vincoli e senza problemi, ma solo per far giocare i ragazzi.

 

Facciamoci sentire per il bene dei calciatori che dobbiamo ritrovare sui campi domani, sui campi di Terza categoria così come su quelli di Serie A, rispettiamo i nostri figli, rispettiamo i nostri ragazzi, diamo loro una formazione che si possa chiamare tale. E’ un loro diritto! Se non erro citato anche nella carta dei diritti del giovane sportivo all’art. 8: “Diritto di partecipare a competizioni adeguate alle varie età, seguendo allenamenti che corrispondano a giusti ritmi d’apprendimento”.

Marco Berton
Istruttore giovani calciatori
FBC Casale

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli