12 Agosto 2020 - 12:10:26

Consiglio Federale: dalla Serie A alla D confermate le retrocessioni

Le più lette

Novara, è ufficiale: Sergio Zanetti nuovo allenatore della Berretti

Mancava solo l'ufficialità per l'approdo di Sergio Zanetti al Novara. L'argentino allenerà la Berretti prendendo il posto di Giacomo...

Federico Albisetti, dalla cantera dell’Alpignano all’Under 18 del Torino

Non c'è ancora la firma, ma è solo una questione di giorni, a settembre Federico Albisetti sarà un giocatore...

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

Oltre ai dibattiti sui piani A, B e C per la chiusura della stagione della massima serie, il mondo dilettante aspettava risposte sulla chiusura della stagione.

In prima battuta l’assemblea ha decretato la retrocessione delle ultime classificate della Serie C (Gozzano, Rimini e Rieti) in Serie D e delle perdenti dei futuri scontri playout. In secondo luogo è arrivata anche l’ufficialità della promozione delle prime in classifica dalla Serie D al professionismo: Lucchese, Pro Sesto, Mantova, Palermo Campodarsego, Grosseto, Matelica, Turris, Bitonto.

A vuoto ogni tentativo del gruppo “Serie D salviamoci” che vede ratificate le retrocessioni ai campionati di Eccellenza delle ultime 4 classificate di ogni girone di Serie D. Verdetti dilettantistici rinviati dunque a giovedì al consiglio della Lega Nazionale Dilettanti dove si ufficializzeranno, o comunque si dovrebbero esprimere i criteri per decretare le 36 promosse dall’Eccellenza alla Serie D (28 vincitrici di campionato + 8 seconde con l’opzione sulle due prime a pari merito).

Campionati regionali – Nell’ultimo consiglio di LND si era deciso di chiedere al consiglio federale l’indipendenza dei presidenti regionali per ogni decisione su promozioni o retrocessioni. La richiesta non è stata né respinta, né accettata, solo delegata. Già, perché ogni decisione in merito è stata delegata a Sibilia che dovrà dunque esprimersi in settimana per scrivere la parola fine sul balletto delle possibili conclusioni dei campionati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli