14 Luglio 2020 - 00:19:30

Coronavirus: il Piemonte torna a giocare, il decreto non smentisce

Le più lette

Seregno Serie D, nuovo botto in attacco: ecco Danilo Alessandro

Se si aveva qualche incertezza sulla natura degli obiettai del Seregno, il secondo acquisto del club capitanato da Davide...

Pontogliese, Livio Sporchia confermato alla guida della prima squadra

Livio Sporchia guiderà la prima squadra della Pontogliese, in Seconda categoria, anche nella prossima stagione. La conferma del tecnico...

Palazzolo, il ritorno di Giuseppe Marangoni: classe 1998, arriva dalla Lentatese

Giuseppe Marangoni è un nuovo calciatore del Palazzolo. Secondo innesto ufficiale per la rosa che nella prossima stagione avrà...

É stato pubblicato in giornata il decreto dei consigli dei ministri, il quale dispone le nuove misure sulla gestione del Coronavirus. Tale decreto consente lo svolgimento di manifestazioni sportive a porte chiuse nelle regioni maggiormente colpite (Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna), anche se l’interpretazione di alcuni passaggi del testo non dà certezze, rinviando tutto alle decisioni dei rispettivi Comitati Regionali.

 

Viene dunque esclusa da tali restrizioni la Regione Piemonte dove, in base alle indicazioni, si può tornare ad allenarsi e giocare senza limitazioni: niente porte chiuse e pieno utilizzo di spogliatoi e docce. Per il ritorno alla normalità si resta solo in attesa delle comunicazioni ufficiali da parte della Regione Piemonte, con apposita ordinanza, e del Comitato Regionale LND Piemonte e Valle d’Aosta che dovrà calendarizzare la ripresa. Tutto il dilettantismo (giovanili comprese) e il Girone A di Serie D dovrebbero dunque tornare a giocare a partire dal prossimo weekend.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli