17 Maggio 2021

Don Bosco Alessandria 2005: il tiro infallibile di Sam Usai

Le più lette

Cologno: L’orgoglio del Presidente Patera e l’affiliazione Milan Academy, quella gialloverde è «ripartenza col botto»

«Orgogliosi, speranzosi, motivati»: questi i tre aggettivi scelti dall’ufficio stampa del Cologno per raccontare un nuovo tassello importante legato...

Tritium-Villa Valle Serie D: altro rinvio, ora il calendario si ingolfa ancora di più

Doveva essere il ritorno in campo della Tritium dopo quattro giornate non disputate per il focolaio Covid scoppiato nel...

Fanfulla-NibionnOggiono Serie D: Tremolada stoppa la corsa dei bianconeri e consegna a Commisso il terzo posto

Si interrompe a nove la striscia di vittorie del Fanfulla, che a Lodi cade per 3-2 contro il NibionnOggiono...

Samuele Usai sforna gol come pastiere in tempo di Pasqua. Con 26 reti realizzate con la maglia della Don Bosco 2005, occupa il secondo nella classifica marcatori nel campionato Under 15 di Alessandria, alle spalle di Giacomo Sega della Valenzana Mado, primo a quota 28. L’attaccante gialloverde, specializzato nell’uno contro uno col portiere, si racconta in un’intervista a domicilio.

A che età hai iniziato a giocare a calcio?
E’ da quando ho 5 anni e mezzo che gioco in una società sportiva

Come sei approdato in società?
Era appena finito il campionato, giocavo nel Derthona, facevamo il primo anno di regionali, però non mi trovavo a mio agio e ho avuto questa “offerta” dalla Don Bosco e ho deciso di proseguire la mia carriera in questa società.

Derthona, Don Bosco… Racconta la tua carriera calcistica dagli esordi.
Ho iniziato a giocare a calcio nel Cabanette, una società di Alessandria dove ho iniziato come portiere, 2 anni dopo entrai a far parte dell’X-five, squadra con cui ho avuto la possibilità di fare un provino per Juventus, Genoa, Alessandria e molte altre… però senza successo. Essendo fallita quella società, sono andato a giocare nella Frugarolese per 4 anni, poi arrivò la richiesta dal mister Gotta del SG Derthona. Abbiamo fatto il primo anno ai provinciali e il secondo regionali. Infine non essendomi ambientato, scelsi la Don Bosco dove tuttora gioco.

Qual è, secondo te, l’avversaria più temibile in campionato?
Quest’anno è stata la Valenzana Mado con cui abbiamo fatto il risultato peggiore, cioè 4-0 per loro.

E il rivale numero 1?
Il mio rivale per ora è Giacomo Sega, sempre della Valenzana Mado, dato che abbiamo due gol di differenza.

Il gol per cui hai ricevuto più complimenti?
Il gol più bello che abbia fatto è stato in Derthona-Pozzolese, un’amichevole in cui un mio compagno arrivato al limite del campo mi fece un lancio che arrivò dall’altra parte del campo e io senza stopparla l’ho calciata al volo sotto l’incrocio.

A proposito di gol, che cosa pensi della tua posizione nella classifica marcatori?
Penso che sia una bella classifica con tanti gol, me la sto giocando punto a punto con Giacomo Sega.

Se si dovesse tornare in campo, pensi di riuscire a raggiungerlo?
Io metto tutto me stesso in ogni partita, sta a me e al campo vedere se posso farcela.

Se invece il campionato non potesse procedere, ti piacerebbe trovare un modo alternativo (challange, video rigori da casa, gara social…) per sfidarvi in streaming e decretare il capocannoniere virtuale della stagione?
Penso sia una cosa bella, però il capocannoniere si può vedere solo in un campo in erba a parere mio.

La tua squadra del cuore.
Milan❤️🖤.

Idolo a cui ti ispiri.
Robert Lewandowski.

Se non fossi calciatore… saresti?
Mi piacerebbe fare il poliziotto, però fin quando posso giocare a calcio lo faccio.

La prima parola che ti viene in mente se dico allenamento.
Squadra.

Come ti chiamano in squadra?
Sam, l’ha deciso il mister al primo giorno di allenamento, a me è piaciuto molto.

Ti stai allenando anche da casa?
Certo, ogni giorno costantemente. I miei allenamenti sono basati su flessioni, addominali, uso della corda, palleggi, corsa e passaggi con muro.

Qual è l’ultimo bel ricordo sul rettangolo verde?
Vedere i miei compagni e il mister.

Immaginati tra 10 anni.
Tra 10 anni mi piacerebbe essere un calciatore di fama mondiale.

Don Bosco 2005
La Don Bosco 2005


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli