12 Luglio 2020 - 12:33:23

Gli antipatici, il Piedimulera, i cronisti da salotto e chi cerca visibilità a buon mercato

Le più lette

Tritium Serie D, due innesti dall’Under 19 per Pelati

Un'ottima stagione disputata dall'Under 19 della Tritium ha permesso a diversi ragazzi di mettersi in mostra nell'ultimo anno. E...

Calciomercato Benarzole: Lorenzo Brondino nuovo rinforzo per Merlo

Rinforzo per le fasce in arrivo da Fossano: il Benarzole chiude l'acquisto di Lorenzo Brondino. Dopo una vita passata a...

Vertovese Eccellenza, look rifatto in ottica giovani: ufficializzati 6 nuovi arrivi in un colpo solo

La Vertovese si rifà il trucco e ufficializza, in ottica fuoriquota, ben 6 nuovi innesti. Ecco quali sono i...
Claudio Verretto
Claudio Verretto
Direttore irResponsabile, bastian contrario, sempre dalla parte degli indiani

Quando diamo una notizia, produciamo un approfondimento, proponiamo un argomento e non veniamo compresi, non pensiamo che chi ci ha letto sia uno stupido, semmai che non siamo stati bravi a spiegarci e quindi eccoci con un nuovo passaggio su un argomento che, inutile dire, sta tenendo banco: stagione finita oppure no? Questa settimana, partendo da un’iniziativa del Piedimulera e del suo presidente Beniamino Tomola, abbiamo approfondito sul giornale ora in edicola cercando di capire se la richiesta di una chiusura anticipata dell’attività avesse un senso oppure no. Avendo dedicato quattro pagine pensavamo fosse chiaro a tutti che la risposta è sì. In questo momento non si può e non si deve tralasciare alcuna ipotesi. Dal momento che non stiamo però parlando di fare una scelta banale crediamo che l’approfondimento debba essere fatto a trecentosessanta gradi, che si debba valutare bene ciò che comporta una simile decisione. Purtroppo, almeno da quanto ci è stato segnalato sui Social, l’unica cosa balzata agli occhi è stato il sommario della pagina dove veniva pubblicata l’intervista del presidente. «I calciatori sono Dilettanti, dal momento che non si fa attività, nessun rimborso spese deve essere sostenuto dalle società» riprendendo per altro proprio le parole dello stesso presidente.

Gli antipatici. Siamo noi di Sprint e Sport e lo sappiamo. Abbiamo un brutto difetto, secondo alcuni, e cioè che vogliamo sempre andare a fondo, sentire l’opinione di tutti e addirittura esprimerne una nostra. Eh sì, quelli che vogliono, seppur tra mille difficoltà, fare informazione, questo devono fare. Prendere un argomento di interesse per la comunità, sviscerarlo, cercare di capire le opinioni di tutti, avanzare delle ipotesi, provare ad essere propositivi, infine, perché no, dare anche la propria opinione.

Il Piedimulera Se il Piedimulera ritiene che con quel sommario il nostro giornale abbia voluto intendere che la società è solita non pagare i giocatori ci spiace e se è così ci scusiamo. Ci scusiamo proprio per dimostrare che non abbiamo posizioni preconcette. Siamo invece convinti, e siamo in buona compagnia, che la questione rimborsi non possa essere liquidata in tre righe. E nel giornale, in quattro pagine, siamo stati molto chiari. Non solo, il Decreto del Governo pubblicato ieri assegna un contributo anche a coloro che svolgono attività tra i Dilettanti, e questo significa che in questo momento vi è una sensibilità maggiore. Quindi la nostra proposta è quella di sgombrare il campo dagli equivoci e arrivare alla sostanza.

I cronisti da salotto Ossia quelli che solitamente prendono un comunicatino, lo buttano sul sito e sui canali Social e per loro è tutto finito. Ma siccome pensano sempre di poter insegnare qualcosa a qualcuno provano anche a spiegare che in realtà nel documento del Piedimulera si parla di salute. Va bene, allora anziché spostare la discussione su un piano alto scendiamo nel sottoscala e parliamo di salute. C’è forse qualcuno in questo momento nel mondo che pensa a scendere in campo anche a costo di rimettere la salute? Cioè veramente sono questi i discorsi che dobbiamo fare? Ma i primi a volere avere la certezza che non c’è pericolo di contagio siamo proprio noi di Sprint e Sport che, a differenza dei cronisti da salotto ai quali non fa alcuna differenza essere o non essere in quarantena perché lo sono tutto l’anno, siamo sempre sui campi. Siamo stati i primi come giornale a chiedere di sospendere tutto, siamo quelli che portiamo avanti la campagna #iorestoacasa, chiediamo fin da ora sicurezza per il dopo. Perché quando torneremo sui campi con i nostri taccuini, le macchine fotografiche, le telecamere vorremo avere la certezza di lavorare in sicurezza.

Chi cerca visibilità a buon mercato Il mondo dei Social, come abbiamo avuto modo di sottolineare anche sul giornale, è completamente fuori controllo. Per lo meno per come lo intendiamo noi e non certamente per come lo interpretano le grandi multinazionali a cui non frega niente se circolano notizie fake. Quello che importa è il traffico perché con esso si produce fatturato. Ecco quindi che arriva un utente a specificare con fierezza che non compra il giornale da 5 anni perché tanto i risultati li trova su Internet. Beh sì, giusto, i risultati si trovano in rete, li mettiamo noi, dopo averli controllati uno per uno però perché se dipendesse da altri non ci sarebbe un dato giusto. Forse la classifica ma non è nemmeno detto. Però chi pensa che il nostro giornale sia risultati e classifica forse fa bene a non comprarlo. I nostri utenti sono quelli che una volta chiuso la pagina della loro categoria poi vogliono sapere tutto quello che sta intorno a partire dai regolamenti alle carte federali. Poi ci rendiamo conto che oggi l’informazione, per molti si ferma al risultato, ce ne accorgiamo in estate quando sul comunicato ufficiale compaiono decine di società che non hanno saputo presentare una domanda di ripescaggio. Il che la dice lunga sul grado di lettura e comprensione.

1 COMMENTO

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

×