12 Agosto 2020 - 01:09:21

Mappanese: salta l’accordo con Negro, panchina a Brando

Le più lette

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Sui format il Comitato Regionale Lombardia ha preso la strada giusta. Anche se in ritardo

È servito tempo, tanto tempo, ma alla fine il Comitato Regionale Lombardia ha preso la decisione giusta riguardo i...

Caso Golee, ma la Cassetti e Scrofani hanno letto le condizioni generali di fornitura del servizio?

Ieri abbiamo ricevuto una segnalazione da parte di una società piemontese che non citiamo perché nulla toglie o aggiunge...

Sembrava tutto fatto. Dopo l’addio al River Leinì, Alessio Negro era pronto a sedersi sulla panchina della Mappanese. Le parti sono state molto vicine in queste ultime settimane, ma proprio quando mancava solamente l’ufficialità, la società biancorossa ha invece deciso di virare su Paolo Brando. Il giovane allenatore ex Juniores del Caselle avrà così una nuova opportunità alla guida di una prima squadra, dopo l’esperienza al Ciriè nella passata stagione. Alessio Negro non nasconde un po’ di delusione per com’è andata a finire la trattativa: «Sono amareggiato, è inutile fare finta di nulla. Pensavo di aver trovato il contesto giusto dove poter ripartire, ma evidentemente la società ha fatto altre valutazioni». Dopo l’ottima stagione al River Leinì, in cui i biancorossoblù hanno proposto per buona parte dell’anno forse il calcio più spumeggiante nel girone C di Prima Categoria, ora Negro torna sul mercato con rinnovata fiducia: «Bisogna sempre guardare avanti. Questo episodio non mi scoraggia anzi, sono ancora più motivato e deciso».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli