21 Settembre 2020 - 15:28:38
sprint-logo

Il presidente del comitato regionale piemontese Mossino rivendica grandi risultati, e ringrazia tutti coloro che non rompono le scatole

Le più lette

Carrara – Torinese 1894, Coppa Piemonte Promozione: Sorrentino porta a casa risultato e passaggio del turno.

La Torinese porta a casa la qualificazione, giocando dal 5' in dieci uomini, con tenacia e tanto cuore oro-nero. I...

Alicese Orizzonti – Settimo Coppa Eccellenza: doppio Cabrini, Peritore vola

Bum-bum Cabrini e una brillante Alicese Orizzonti batte 2 a 0 il neo promosso Settimo e avanza al turno...

Lumezzane-Ciliverghe Eccellenza: X factor fra Lume e Cili, prima Caracciolo poi Valotti

Il volo dell’Airone, la variante impazzita di bomber Valotti: una copertina per due. A dividersi la posta in palio...
Claudio Verretto
Claudio Verretto
Direttore irResponsabile, bastian contrario, sempre dalla parte degli indiani

“Una squadra che sono orgoglioso di presiedere e che ringrazio profondamente – commenta il Presidente Mossino – dai Consiglieri, ai Delegati Provinciali e Distrettuali, al Segretario e tutti i dipendenti, dirigenti e collaboratori del Comitato Regionale e delle strutture periferiche, che lavorano assiduamente sul territorio per offrire un servizio sempre più adeguato e strutturato a tutte le nostre società. Hanno lavorato senza sosta, anche nella pausa estiva e i risultati non si sono fatti attendere. Senza questo lavoro di squadra sono certo che non avremmo sostenuto questo particolare momento di difficoltà e non avremmo registrato un trend positivo come quello che si è palesato alla chiusura delle iscrizioni della nuova stagione sportiva”.

A sostegno dell’operato di tutte le figure che ruotano attorno al Comitato, strumenti innovativi di comunicazione integrata (Facebook, Instagram, sito internet, magazine, applicazione per smartphone, spazi dedicati sui quotidiani), voluti fortemente dal Presidente Mossino, hanno giornalmente permesso di dialogare in maniera diretta ed efficace con l’utenza che ha beneficiato di costanti aggiornamenti in un periodo in cui l’immediatezza di risposta diventa strumento fondamentale per una puntuale organizzazione societaria.

Riportiamo integralmente i primi due capoversi (se volete leggere la versione integrale andate a questo link) del messaggio trasmesso dal presidente del Comitato regionale Piemonte Valle d’Aosta  (qui in foto con i consiglieri regionali Eudo Giachetti, Gianni Ventura e Elisa Candido). Ringrazia tutti, tranne i vice presidenti (che potrebbero però essere compresi nei consiglieri) e i delegati assembleari (perché hanno preso le distanze dal protocollo?). In realtà il tentativo di mostrare al mondo che il comitato è coeso e francamente ce n’è bisogno. Anche quello di ringraziare i dipendenti che in questi mesi hanno lavorato tra mille difficoltà è sicuramente un bel messaggio e in questo va riconosciuto al presidente di essersi sempre battuto per (quasi) tutti i dipendenti. Anche quando, nel corso di un consiglio direttivo si è alzato e ha sbattuto la porta in aperto contrasto con il segretario, Roberto Scrofani, per una diversità di vedute sulla gestione. Capita nelle migliori famiglie, frizione subito rientrata.

Sui “grandi risultati raggiunti” non troviamo però traccia di quattrini, o perlomeno in maniera molto marginale. Perché non si fa un bel prospetto e si spiega alle società che per quanto riguarda la stagione scorsa avreste dovuto avere un rimborso di tot in realtà avete ricevuto solo tot e perché? Perché non si parla della polizza di assicurazione da 9 milioni di euro sottoscritta dalla Lega dilettanti per tutti gli infortuni dei calciatori che non avendo disputato un terzo della stagione si sarebbe dovuto ricevere un rimborso? Non si dica dello sconto da 2 euro, parliamoci chiaro, di quella polizza una trattativa normale doveva avere un ristorno sulla stagione di 6/7 euro. Ma soprattutto, quanti soldi sono tornati indietro? I presidenti regionali fanno parte del consiglio direttivo della LND, lo sanno e quindi lo dicano.

Infine, scorrendo il messaggio, saltano agli occhi altre due cose: abbiamo attivato diversi canali di comunicazione (bene), spazi dedicati sui quotidiani. Bene, ma a pagamento? Infine, visto che è stato attivato un bazooka per l’informazione, forse bisogna trovare il sistema di perfezionare la comunicazione che arriva alle società. Perché i messaggi che arrivano a noi sono: «Non abbiamo i soldi per sostenere tutte queste spese, secondo te è sufficiente fare così oppure dobbiamo proprio …». Ecco, trovate il sistema di trasmettere il messaggio «Sui grandi risultati ottenuti» anche a queste società perché mica l’hanno ancora capito che le avete riempite di soldi. Vi fanno fare brutta figura.

Poi comprendiamo l’euforia del numero delle nuove società squadre eccetera, tutto giusto. Anche perché se le società non si iscrivono poi come fate a prendere i vostri lauti rimborsi spese? E anche qui andrebbe aperta una parentesi, perché da quando è iniziata la pandemia noi abbiamo sentito solo due dirigenti dire che i rimborsi spese per questa stagione dovevano essere azzerati e, semmai, le somme non corrisposte sarebbero dovute andare alle società in qualche modo. Solo due però, c’è traccia di questo argomento nei vostri verbali? Oppure, anche qui, finirà come la polizza di assicurazione, le spese arbitrali, gli stipendi non pagati perché i dipendenti sono stati messi in cassa integrazione, i rimborsi spese ai collaboratori cioè tutta una serie di soldi che si sono risparmiati ma non sono mai stati restituiti ai club?

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli