12 Agosto 2020 - 23:40:46

Arquatese Under 17: Lorenzo De Vito dribbla tra il calcio e la boxe

Le più lette

Valcalepio, Eccellenza: a tu per tu con il presidente Gianfranco Lochis

Miglior attacco del girone C di Eccellenza insieme al Lumezzane, terza miglior difesa e quarto posto in campionato, oltre...

Riunione Consiglio CRL: quattro ripescaggi in Eccellenza e Promozione a 96 squadre

Finalmente è arrivato il giorno in cui le società lombarde hanno conosciuto i format dei campionati. Come era ampiamente...

Novara, è ufficiale: Sergio Zanetti nuovo allenatore della Berretti

Mancava solo l'ufficialità per l'approdo di Sergio Zanetti al Novara. L'argentino allenerà la Berretti prendendo il posto di Giacomo...

Intervista Smart con Lorenzo De Vito, classe 2003, fulmine dell’Arquatese Under 17, attualmente seconda in classifica nel girone di Alessandria. Il punto di forza di Lorenzo è il dribbling e nessuno lo ferma sul fronte d’attacco.

Qual è il primo ricordo calcistico che hai?
Il primo ricordo calcistico che ho è la mia prima tripletta… Ero ancora un pulcino e giocavamo a 7.

Da quanto giochi nell’Arquatese?
Nell’Arquatese ci gioco da settembre 2011 mi pare, ho fatto praticamente tutte le categorie.

Hai sempre giocato lì o anche in altre società?
Prima di approdare all’Arquatese, ho fatto un anno a Novi Ligure nell’Aquanera.

Qual è stata la prima cosa che hai pensato quando sei entrato in squadra?
La prima cosa che ho pensato mi ricordo che fu: ”Devo cercare di giocare bene per essere al loro livello”.

Hai trovato un’alternativa smart agli allenamenti in quarantena?
La mia pigrizia mi ha sopraffatto, raramente faccio due allenamenti da un’ora ciascuno alla settimana.

Racconta una tua giornata tipo: una in quarantena e una in regolare svolgimento di campionato.
Allora in quarantena la mia giornata tipo è abbastanza noiosa, mi sveglio a mezzogiorno e mezza ogni giorno, mangio e poi tutto il pomeriggio guardo calcio oppure serie tv o film di Netflix, mentre altre volte mi diverto un po’ con la play 4, per arrivare alla sera in cui faccio le stesse identiche cose del pomeriggio. Invece per quanto riguarda nella mia vita normale… Diciamo che mi sveglio per le 6 per prendere il pullman e andare a scuola, torno a casa mangio e poi mi vedo con gli amici o con la mia fidanzata (i compiti non sono il mio forte) e alla sera resto a casa spesso perché sono stanco dagli allenamenti oppure perché devo studiare.

Tornando al calcio, l’SG Derthona è a quota 37 punti, l’Arqua a 34: se si dovesse tornare in campo, il ribaltone sarebbe possibile?
Il ribaltone è molto difficile, poiché abbiamo due partite molto toste con Audax e Derthona e dobbiamo vincerle tutte fino alla fine del campionato. Per ribaltare la classifica dovremo vincerle tutte, compreso lo scontro diretto con il Derthona e sperare che essa faccia un passo falso… Altrimenti se non fosse così arriveremmo a pari punti e onestamente non so poi quali saranno i criteri con cui decreteranno il vincitore.

Che cosa pensi di Casagrande e Akouah del Derthona?
Casagrande è un buon attaccante, molto forte nel finalizzare le occasioni, ma penso che la vera punta di diamante del Derthona sia Akouah, è un grande giocatore, molto rapido e veloce nel dribbling… è molto pericoloso con il pallone tra i piedi.

Qual è il momento che più ti manca di una partita?
Non c’è un momento che mi manca di più…mi manca accarezzare il pallone in quel rettangolo verde che tanto mi ha fatto sognare sin da piccolo, mi manca tutto, il mister che prepara la partita, gli allenamenti, le grida dei tifosi, la mia ragazza che mi chiede di farle un gol, mi manca tutto.

A proposito di gol, la rete di cui vai più fiero: quando, contro chi e una dedica speciale.
Il gol di cui vado più fiero è quello dell’anno scorso, alla penultima giornata mi sembra. Vincendo quella partita, avremmo vinto il campionato e, dopo 10 minuti, mi ricordo che segnai l’1-0 e ci fu un boato incredibile e in quell’occasione dedicai alla mia ragazza una frase scritta nella canottiera sotto la maglietta, per questo per me è stato il gol più speciale di tutti (contro il Don Bosco mi sembra).

Che piani hai per il futuro?
Da grande ho sempre sognato di diventare un calciatore professionista… ma ora che l’età avanza, mi sembra sempre più lontano questo sogno… ma non smetterò di crederci fino a che non mi ritirerò.

Oltre al calcio, hai altre passioni?
Si mi piace molto la boxe, tanto che avevo pensato di smettere di giocare quest’anno per dedicarmi a questo sport, solamente che poi non ho concluso nulla.

Dato che durante questa quarantena hai ceduto alla combo Netflix e divano, quale film/serie tv consiglieresti?
Serie tv consigliate: La casa di carta, Riverdale, Baby e El chapo
Film: Qua la zampa!

Lorenzo De Vito, dedica del gol alla fidanzata
La dolce dedica di Lorenzo De Vito alla fidanzata Sofia

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli