Ivrea Banchette
I campioni 2004 di Clemente Pesce

Tensione palpabile, poco prima del fischio di inizio, unita alla consapevolezza di non potersi concedere passi falsi, nemmeno dopo un ruolino di marcia così tanto vicino alla perfezione. Basterebbe un pari ma, si sa, i forti hanno sempre fame. Ed ecco che, dopo appena 8’, l’Ivrea Banchette scaccia i fantasmi e infila tre volte un Aygreville intontito dai colpi subiti e messo definitivamente al tappeto un quarto d’ora più tardi, con il sigillo del definitivo 4-0. Una successione di gol così rapida da non lasciare dubbi sul fatto che la squadra di Pesce abbia messo la firma sul campionato in virtù della propria feroce determinazione. Il primo a gonfiare la rete è Miled, al 4’, grazie a un’incertezza della difesa valdostana che spiana la strada alla conclusione vincente dell’esterno sinistro. Passano 120’’ e tocca anche a Pitti: sinistro all’incrocio su punizione, esultanza a braccia aperte e raddoppio immediato per i padroni di casa. Il numero 9, poi, si mette in luce ancora 2’ più tardi, con un intelligente velo, su punizione battuta da Dimino, che consente a Benso di piazzare un facile tris. Non contento, il pistolero eporediese decide di inventarsi un altro modo per segnare, saltando il portiere e calciando da posizione defilatissima, con un tiro a giro che trova la fortunata deviazione di un difensore e la via della rete. Messi in ginocchio, gli ospiti provano ad accorciarla dagli 11 metri, al 29’, ma Mammoliti si fa ipnotizzare da Ippolito, bravo a respingere in angolo. È una sfida che non sorride ai rigori perché, al 6’st, anche Pitti non riesce a trasformare dal dischetto, sparando alle stelle. Poco o nient’altro da segnalare, poi, in una ripresa in cui l’unica protagonista è l’attesa per il fischio finale, che sancisce il trionfo definitivo della capolista. Festa in campo, sorrisi sui volti, per l’Ivrea Banchette, in un campionato dominato dall’inizio alla fine.

Ivrea Banchette 4
Aygreville 0

RETI: 4′ Miled Jihed (I), 6′ Pitti (I), 8′ Benso (I), 22′ Pitti (I).

ARBITRO: Ferrante di Ivrea 6.5. Svista sul primo rigore, si riscatta con il secondo. Il tempo è dalla sua parte.

Ivrea Banchette (4-2-3-1)
All. Pesce 9 Stagione da incorniciare.
Ippolito 8 Indossa il mantello sul penalty.
Corgnati 6.5 Attento e preciso. 8’st Primon 6.5 Non corre rischi.
Villa Vercella 6.5 Raramente si fa sorprendere.
Miled 7.5 Un martello sulla sinistra. 1’st Alpignano 6.5 Pulito.
Bagalà 7 Chiude le linee.
Benso 7.5 Produttivo in avanti.
Dimino 7 Bene tra le linee. 19’st Mosca 6.5 Sostanza in mediana.
Poma Vargas 6.5 Preciso. 1’st Gassino 6.5 Affianca Pitti.
Pitti 9 Chiude segnando, come sempre.
Bracco Erede 6.5 Una vera guida. 27’st Madaro 6.5 Scampoli di gara.
Colonna 6.5 Spunti sulla destra. 17’st Bovio 6.5 Si fa vedere.
DIR: Bracco Erede.

Aygreville
Il gruppo 2004 di Massimo Anania

Aygreville (4-4-2)
All. Anania 5.5 Avvio da incubo, giornata no.
Ceriolo 6.5 Meglio nella ripresa.
Gillo 5.5 In difficoltà con Miled. 1’st Dovigo 6 Limita i danni.
Nobile 6 Uno dei pochi superstiti della girandola di cambi.
Aghfour 5.5 Non ingrana. 1’st Scali 6 Sbaglia poco.
Laino 5.5 In affanno su Pitti. 1’st Cortes 6.5 Spigliato.
Raffa 5.5 Traballante in difesa. 15’st Bosonin 6 Ordinato.
Dago Tchagou 6 Lottatore.
Ciarmoli 6 Gara di quantità sacrificio. 17’st Soldano 6 Non sfigura.
Brunelli 5.5 Troppo intermittente. 13’st Xeka 6 Spende molto.
Mammoliti 7 Unica luce autentica. 21’st Foriglio 6 Minuti di gloria.
Florio 5.5 Non sfonda sulla sinistra. 21’st Dalla Valle 6 Fugace apparizione.
Dir: Florio.

 

 

 

LE PAROLE A FINE GARA DI CLEMENTE PESCE