Bollengo Albiano under 14
I 2005 di Domenico castellano, campioni d'Ivrea

«Ringrazio il mio vice Andrea Vitale». Le prime parole di Domenico Castellano, allenatore del Bollengo, a pochi minuti dal termine del match e della vittoria del campionato. Perché alla corte biancoverde tutti sono importanti, nessuno è indispensabile; filosofia che ha portato questo gruppo, passo dopo passo, a conquistare il titolo di campioni di Ivrea, all’insegna del tandem da cineteca Mosca-Moschetta (entrambi 23 gol complessivi). Venendo alla partita passano 3’ e il gol è servito! Spunto prodigioso di Moschetta e cross, sul quale si avventa Capillo, che apre le danze. La squadra di Castellano continua a insistere e 4’ più tardi sforna il 2-0, questa volta con Stratta con un tiro dalla distanza. Il monologo della banda Castellano prosegue, con “Matador” Mosca che al 9’ sfiora il sigillo personale, resistendo alla carica fisica di Kercuku e calciando; il suo tiro termina di un soffio alto. L’attaccante biancoverde si rifà tuttavia dell’errore 3’ dopo, capitalizzando – dopo aver saltato Di Giovanni – un autentico cioccolatino del gregario Capillo. La rete del poker è servito al 23’, nuovamente con Capillo – assist-man di giornata – che serve Moschetta tutto solo in area, chiamato soltanto a spingere il pallone in rete. Leso nell’orgoglio, il Leinì timbra il gol della bandiera al 26’, con una potente punizione a due di Mascolo che, complice una deviazione della barriera, sorprende il portiere di Castellano Provenzano. 4-1. Tuttavia il momento di gloria ha vita breve: al 31’ infatti Moschetta riceve palla, sovrasta fisicamente Nevone e insacca spietatamente Di Giovanni. Nel secondo tempo, complice il consistente gap, la partita pare appiattirsi, senza alcuna occasione degna di nota almeno sino al 18’, quando sugli sviluppi di un corner Garavet riceve palla dal limite dell’area e calcia, trovando una traiettoria a giro da annali che si infila all’incrocio dei pali.

BOLLENGO ALBIANO 6
LEINì 1
Reti (4-0; 4-1; 6-1): 3’ Capillo (B), 7’ Stratta (B), 18’ Mosca (B), 23’ e 31’ Moschetta (B), 26’ Mascolo (L), 18’ st Garavet (B).
Ammonito: 31’ Nevone (L).
Arbitro: Getto di Ivrea 6 Lascia correre su qualche contatto quantomeno sospetto, ma nel complesso buona prova.

BOLLENGO ALBIANO 4-3-3
All. Castellano 10 Motivatore straordinario.
Provenzano 8 Una certezza. 31’ st Savino 7 Riserva di lusso.
Pradoroux 8 Quante discese nel corso di una stagione!
Perino 8 Anno da incorniciare. 12’ st Bellissimo 7 Sempre presente.
Cuciurean 7 Totem per Castellano. 5’ st Capello 7 Ausiliare.
Colmuto 8 Classe e personalità.
Bevolo 7 Si sacrifica. 8’ st Pastorello 7 Una garanzia.
Moschetta 10 23 gol come il compagno Mosca.
Garavet 8 Gol da cineteca. 21’ st Regruto 7 Leader carismatico.
Mosca 10 Con Moschetta… ronzano intorno ai difensori avversari.
Stratta 9.5 Capitano con la “C” maiuscola.
Capillo 9.5 Assist-man. 16’ st Mordenti 7 Tenace.
Dir: Pasquato.

LEINI’ 4-4-2

Leinì under 14

All. Sacco 6 Avversario fuori portata.
Di Giovanni 6 Preso a pallonate. Qualche intervento. 19’ st Negro 6 Grintoso tra i pali.
Ragona 6 Qualche percussione. 1’ st Di Battista 6 Generoso.
Nevone 6.5 Prova ad arginare Moschetta.
Tinnirello 6 Perlomeno si impegna. 20’ st Ritucci 6 Entra bene.
Oria 6 Efficace.
Kercuku 6 Fa la guerra con Mosca. 16’ st Ucini 6 Determinato.
Bordigoni 6 Discreto. 1’ st Amodio 6 Fa come può.
Germano 6 Non facile, ci prova.
Mascolo 8 Gol della bandiera che vale come mille. Esce a testa alta.
Nocera 6.5 Buone giocate. 1’ st Vaccino 6.5 Qualche guizzo.
Minafra 6.5 Mai arrendevole. 1’ st Rizza 6.5 Arrembante.
Dir: Muto.

CLICCA QUI per ascoltare l’intervista a fine gara di Domenico Castellano