12 Aprile 2021

PDHAE Under 17, Il gioco unico di Davide Piotto e gli obiettivi del campionato

Le più lette

Ceresium Bisustum, la filosofia di crescita della società raccontata dalla responsabile del settore giovanile Paola Florio

Mettersi continuamente alla prova al fine di migliorarsi: è questa la strada tracciata dal Ceresium Bisustum, società varesina che...

Oleggio-Borgovercelli Eccellenza: il «Toro» Pinelli porta i primi 3 punti per il sogno D

Torna alle buone abitudini il Borgovercelli, che nel campionato di Eccellenza «Covid-19 edition» trova subito il modo di far...

Torino-SPAL Primavera 1: doppio Campagna e una follia di Horvath condannano i granata alla quinta sconfitta consecutiva

E sono cinque sconfitte consecutive per il Torino Primavera. Senza appello, con poche idee e in totale balia di...

Dalla scorsa stagione allena il PDHAE Under 17, Davide Piotto, che nella vita è impiegato, ha da sempre giocato a calcio, ha esordito nel Fenusma, che all’epoca era in Promozione e in Eccellenza ed il suo ruolo è sempre stato la difesa, che porta come perno fondamentale nei suoi schemi di gioco.

Davide Piotto

Si definisce uno che “non vuole copiare nessuno”, predilige vedere i ragazzi effettuare un gioco di palleggio e possesso palla, Davide Piotto, schietto e coinciso ci racconta che come allenatore professionista di riferimento si ispira ad Antonio Conte dell’Inter, che secondo lui ha un metodo di allenamento buono ed efficace. Il suo schema di gioco prediletto è il 4-3-1-2, che tende ad adottare ogni qualvolta ci siano le condizioni adatte per poter effettuare questo schema. Le aspettative erano e continuano ad essere alte per questa stagione, come lui stesso tiene a sottolineare «arriviamo da uno scorso campionato in cui eravamo secondi in classifica, quindi eravamo e siamo tutt’ora motivati per un altro anno di alto livello».

I suoi ragazzi sono come lui stesso conferma “di qualità”, hanno buone potenzialità anche di crescita importanti, tra questi cita il capitano Manuel Bosonin, un ragazzo che lo stesso allenatore del PDHAE definisce «con molta voglia di lavorare, uno che si impegna sempre, composto, mai una parola fuori posto, è uno tra quelli che trascinano il gruppo e gli infondono la carica giusta per fare bene», Davide Piotto, però tiene a sottolineare che tutti i ragazzi sono in gamba, definisce la sua squadra «attrezzata su tutti i fronti, con qualità forti sia in attacco, centrocampo, sia in difesa”. Inoltre, il tecnico della squadra valdostana può contare oltre che sul gruppo 2004 anche su un 2005, il portiere Filippo Colliard, ragazzo con molta voglia di migliorarsi e lavorare, molto bravo. Il punto di forza del PDHAE è la coesione, «i ragazzi sono uniti sia dentro che fuori dal campo, prima di essere giocatori di una stessa squadra sono anche amici all’infuori dal calcio e questo è un punto a nostro vantaggio, in quanto il loro legame e la loro coesione sono autentici e naturali».

Impegnato con la sua squadra nel campionato Under 17 di Ivrea, Davide Piotto, ci confida, inoltre, che se potessero mai poter rivivere una partita per sovvertirne le sorti, sarebbe senza dubbio quella contro l’Ivrea Banchette, partita giocata in casa nella seconda giornata dello scorso campionato, persa 4-2, come lo stesso tecnico della squadra valdostana ci tiene a ribadire: «Se avessimo le possibilità di poter replicare la stessa identica partita, sicuramente le sorti sarebbero diverse»; invece, una partita che ricorda con molto piacere riguarda sempre lo scorso campionato, la volta in cui si sono scontrati con il La Chivasso e hanno vinto 1-0 (gol di Neyvoz), partita che il tecnico del PDHAE definisce «sofferta, i ragazzi hanno giocato coesi, da squadra, portando a casa un risultato buono su un campo molto arduo».

Oltre che per i giocatori, il tecnico della squadra valdostana si definisce contento di tutto lo staff che gravita attorno alla società, ci tiene lui stesso a definirli “all’altezza e completi”, il vice allenatore Paolo Pajaro, il dirigente accompagnatore Bruno Bosonin, il massaggiatore e preparatore atletico Domenico D’Imperio, il preparatore dei portieri Gini e medici o fisioterapisti che la prima squadra mette loro a disposizione in caso di necessità.

LA ROSA DEL PONT DONNAZ HONE ARNAD EVANCON UNDER 17

PORTIERI: Filippo Colliard
DIFENSORI: Girard Cornaz, Mattia Borrelli, Manuel Bosonin, Francesco Cerana, Liam Ducly, Fabio La Pica, Manuele Zola
CENTROCAMPISTI: Oussama Ezznady, Karim Ahmed, Alex Bianco, Federico Festagallo, Sebastiano Calliera, Nicolò Caridi, Andrew Colicchio, Giulio Gaglione
ATTACCANTI: Enrico Moretti, Gabriele Neyvoz, Laurent Nicod, Ilyass Smouni, Francesco Yoccoz
ALLENATORE: Davide Piotto, Paolo Pajaro (vice)


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0