25 Gennaio 2021

Simone Sorrentino, la gold card del Dorina

Le più lette

Serie D, Saluzzo – PHDAE: Bedino all’ultimo respiro regala i tre punti ai granata

Una vittoria che vale oro in ottica salvezza per il Saluzzo di Boschetto, che supera in casa il Pont...

Candiolo 2007: Paolo Biolatto, con la giusta mentalità possiamo vincere il campionato

Un inizio di stagione incredibile per il Candiolo 2007 di Paolo Biolatto, che si sta confermando una delle pretendenti...

Giuseppe Dell’Aquila e quell’audio che sta facendo il giro dei Social contro il governo del calcio: Vergogna, state distruggendo le società

Dalla Calabria con furore, in questo caso dalla provincia di Alessandria, ma senza dimenticare le sue origini di calabrese...

E se mettessimo sotto la lente d’ingrandimento le statistiche di Simone Sorrentino? Sarebbe semplicemente impressionante. E una carta d’oro se la meriterebbe. L’esterno offensivo della capolista Dorina ha incantato il Girone C dell’Under 14 di Torino con le sue giocate e, soprattutto, i suoi gol.

Trentuno centri sono tanti, Sorrentino è indiscusso capocannoniere del suo gruppo e terzo migliore della sua categoria nel comitato di Torino (dietro solo ad Alessio Ferrero e Francesco Fava del Collegno Paradiso, entrambi con 33 reti all’attivo). Non è un caso che il Dorina Varano sia leader indiscusso in classifica, con nove punti di distacco dal KL Pertusa in seconda posizione.

L’allenatore del Dorina, Enrico Fuggetta, non può che confermare le doti di Sorrentino: «L’attaccante perfetto per il gioco a undici, di sfondamento e che fa la differenza. È una punta pura, da area. Personalmente mi ricorda Pippo Inzaghi».

Sorrentino e Gamboa, assi del Dorina Under 14

Parlando di statistiche e numeri, rapportati alla categoria in cui gioca (Under 14 Provinciali), Simone si conferma tra gli attaccanti top. Fisicità e tiro le sue doti migliori e dove si porta a casa il punteggio più alto: 93 in fisicità e 90 nel tiro. Sorrentino è una sentenza quando tira da fuori, e lo spiega anche Fuggetta: «Da quando gli ho spiegato che può anche usare il tiro da fuori, ora segna ancora di più».

Ma anche un gran senso del gol che gli permette di essere un vero rapace d’area di rigore. Se a tutto questo unisci una fisicità impressionante, hai ottenuto l’attaccante perfetto. Certo, potrebbe sfruttare meglio la sua velocità (l’80 non deve trarre in inganno), ma con tutte queste doti diventa uno dei pericoli principali delle difese avversarie.

In recupero palloni è un maestro (il 70 in difesa lo conferma, non male per un bomber), merito anche del suo allenatore che da attaccante statico lo sta trasformando in una punta dinamica e capace di mettere in difficoltà le giocate degli avversari.

Per questo motivo, la prossima volta che apriremo un pacchetto potremmo sperare che esca la carta di Sorrentino, tra le altre. Perché è semplicemente impressionante e, onestamente, chi non lo vorrebbe uno così in attacco?

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli