10 Agosto 2020 - 04:47:11

Simone Sorrentino, la gold card del Dorina

Le più lette

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

Castellazzo, Nobili al posto di Adamo in panchina

D'un tratto il Castellazzo diventa l'ultima panchina di Eccellenza a registrare uno scossone. Dopo due anni la strada di...

Verbano, lascia il direttore sportivo Enzo Genco: «Non mi vedevo più in certe situazioni»

Notizia inaspettata da Besozzo dove, nelle scorse ore, il direttore sportivo Enzo Genco ha rassegnato le dimissioni. «Non mi...

E se mettessimo sotto la lente d’ingrandimento le statistiche di Simone Sorrentino? Sarebbe semplicemente impressionante. E una carta d’oro se la meriterebbe. L’esterno offensivo della capolista Dorina ha incantato il Girone C dell’Under 14 di Torino con le sue giocate e, soprattutto, i suoi gol.

Trentuno centri sono tanti, Sorrentino è indiscusso capocannoniere del suo gruppo e terzo migliore della sua categoria nel comitato di Torino (dietro solo ad Alessio Ferrero e Francesco Fava del Collegno Paradiso, entrambi con 33 reti all’attivo). Non è un caso che il Dorina Varano sia leader indiscusso in classifica, con nove punti di distacco dal KL Pertusa in seconda posizione.

L’allenatore del Dorina, Enrico Fuggetta, non può che confermare le doti di Sorrentino: «L’attaccante perfetto per il gioco a undici, di sfondamento e che fa la differenza. È una punta pura, da area. Personalmente mi ricorda Pippo Inzaghi».

Sorrentino e Gamboa, assi del Dorina Under 14

Parlando di statistiche e numeri, rapportati alla categoria in cui gioca (Under 14 Provinciali), Simone si conferma tra gli attaccanti top. Fisicità e tiro le sue doti migliori e dove si porta a casa il punteggio più alto: 93 in fisicità e 90 nel tiro. Sorrentino è una sentenza quando tira da fuori, e lo spiega anche Fuggetta: «Da quando gli ho spiegato che può anche usare il tiro da fuori, ora segna ancora di più».

Ma anche un gran senso del gol che gli permette di essere un vero rapace d’area di rigore. Se a tutto questo unisci una fisicità impressionante, hai ottenuto l’attaccante perfetto. Certo, potrebbe sfruttare meglio la sua velocità (l’80 non deve trarre in inganno), ma con tutte queste doti diventa uno dei pericoli principali delle difese avversarie.

In recupero palloni è un maestro (il 70 in difesa lo conferma, non male per un bomber), merito anche del suo allenatore che da attaccante statico lo sta trasformando in una punta dinamica e capace di mettere in difficoltà le giocate degli avversari.

Per questo motivo, la prossima volta che apriremo un pacchetto potremmo sperare che esca la carta di Sorrentino, tra le altre. Perché è semplicemente impressionante e, onestamente, chi non lo vorrebbe uno così in attacco?

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli