10 Agosto 2020 - 20:30:41

Carrara – Sant’Ignazio Under 15: A Massafra risponde Dumitrascu, impresa casalinga

Le più lette

Un enorme balzo verso il futuro: la Pro Sesto presenta un nuovo logo e progetti innovativi

Un enorme balzo verso il futuro, un passo da gigante. La nuova Pro Sesto si è svelata ufficialmente nella...

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

Promozione, La Spezia pronto! Il pres Siani: «Prima la salvezza, poi si vedrà»

Tempo di preparazione, tempo di programmazione. Fasi della stagione che accomunano tutte le compagini in gioco all’interno del campionato,...

Obiettivo PlayOff. Lo dice chiaramente Lino Renga al suo Carrara prima dell’inizio della gara e la grinta per poterli raggiungere è sicuramente quella che si è vista in campo. I padroni di casa riescono a pareggiare la gara con il Sant’Ignazio che si era messa in salita fin da subito, vista l’inferiorità numerica dal 13′ del primo tempo. I giallorossi di Antonio Cinquegrana invece riescono a invertire parzialmente il periodo negativo portando a casa un punto dopo le ultime tre sconfitte, ma rispetto a inizio stagione la carica da pantere che hanno sempre messo in campo sembra un po’ calata. Può bastare anche solo una partita però al Sant’Ignazio per ritrovare la giusta energia e riprendere l’incredibile cammino iniziato a settembre.

Il Carrara parte subito in quinta con un centrocampo tecnico ed esplosivo e i due terminali offensivi, Dacca e Pashja, supportati da Di Cesare sulla trequarti. Il Sant’Ignazio, orfano di Carena squalificato, schiera Latessa a destra e Pilotti a sinistra in fascia, al fianco della rodata coppia di centrali Giannotti-Vinau. Davanti c’è Caragliano supportato da Faiello e Massafra. Le prime occasioni sono del Carrara (con Dacca fermato due volte da due salvifici interventi di Grande) che spinge senza sosta verso la porta ospite, il Sant’Ignazio invece cerca di far male in contropiede. Ed è proprio su una ripartenza che i giallorossi trovano la rete: al 10′ Caragliano recupera palla e parte in contropiede, arrivato sulla trequarti apre per Massafra che dalla sinistra tira in porta e trafigge l’incolpevole Garavina. Tre minuti dopo ecco l’episodio che potrebbe cambiare la partita: Pashja viene espulso per doppio giallo e lascia i suoi in 10. Ed è qui che il Carrara, sotto di un gol e di un uomo, tira fuori tutto il suo carattere. Dopo un primo momento di confusione, tra i ragazzi di Renga torna a regnare l’ordine e si ricomincia ad impostare la manovra. Dacca, su cui ora pesa gran parte dell’attacco casalingo, si rende pericolosissimo e Di Cesare lo serve e smista in mediana senza sbagliare un pallone. Il Sant’Ignazio sembra, per il momento, non riuscire a venire fuori nonostante la superiorità numerica. Sicuramente i giallorossi non si aspettavano una reazione così grintosa. E’ infatti il Carrara ad avere più occasioni da gol sul finale della prima frazione sempre con Dacca al quale prima l’uscita di Grande e poi il salvataggio di Latessa sulla linea negano la gioia del gol. Ma il pareggio del Carrara arriva al 31′: tira ancora Dacca ma viene disinnescato dalla difesa giallorossa, la palla però resta al limite dell’area, Dumitrascu coglie l’occasione, si avventa sulla sfera e con un destro potente sotto l’incrocio supera Grande. Sull’1-1 si va negli spogliatoi.

I primi minuti della ripresa vedono sempre il Carrara in avanti, i padroni di casa hanno un’altra grande occasione con Dumitrascu che però viene ancora una volta neutralizzato dall’intervento di Grande. Poi, verso il 10′, ecco che viene fuori il Sant’Ignazio. La squadra di Cinquegrana inizia a spingere e cercare famelicamente il pareggio. Renga non si fa intimidire e invece di ichiudersi in difesa mette in campo un’altra punta, Capola. Ma il Sant’Ignazio vuole i tre punti e li cerca in tutti i modi con Caragliano e Faiello. Il nove ospite per due volte serve il capitano davanti alla porta, ma Faiello prima scivola sfortunatamente e poi, di testa, spedisce fuori. Per gli ultimi 20′ minuti del secondo tempo quindi si invertono i ruoli: è il Sant’Ignazio a occupare stabilmente il limite dell’area casalinga mentre il Carrara aspetta l’occasione per ripartite in contropiede. Ma le difese svolgono al meglio il loro ruolo e la gara termina sull’1-1. Grande prova per il Carrara che resiste, lotta e sa soffrire in inferiorità numerica; tornano punti per il Sant’Ignazio che però deve tornare a mettere in campo la solita grinta che li ha contraddistinti per tutta la prima parte di stagione.

IL TABELLINO DI CARRARA – SANT’IGNAZIO UNDER 15

CARRARA – SANT’IGNAZIO    1 – 1
RETI (0-1, 1-1): 10′ Massafra (S), 31′ Dumitrascu (C).
CARRARA (4-3-1-2): Gravina 7.5, Mulè 7 (22′ st Spataro 6), Curioso 6.5, Dumitrascu 7, Ponzo 6.5 (1′ st Palumbo 6.5), Budeas 6.5, Fanolla 7 (14′ st Azgoun 6), Mukena 6.5, Pashja 5.5, Di Cesare 7 (20′ st Capola 6), Dacca 7.5 (35′ st Federico sv). A disp. Marangi, Autiero, Palumbo, Vacatello. All. Renga 7.5. Dir. Mulè.
SANT’IGNAZIO (4-3-3): Grande 7, Latessa 6.5, Pilotti 6.5, Celesti 6, Giannotti 6.5, Vinau 6.5, Restini 6, Acsinte 6, Caragliano 7, Faiello 7, Massafra 7 (15′ st Bergantin 6). A disp. Pallavidino, Leotta, D’Adamo, Bonnet. All. Cinquegrana 6.5. Dir. Macorini.
ARBITRO: Ianzano di Torino 5.5 Dopo l’espulsione di Pashja al 13′ per de le redini della gara e va un po’ in affanno.
ESPULSO: 13′ Pashja (C).
AMMONITO: 17′ Dacca (C).
ANGOLI: 8-10

LE PAGELLE DI CARRARA – SANT’IGNAZIO UNDER 15

CARRARA (4-3-1-2)
All. Renga 7.5 partita preparata perfettamente. Anche dopo essere rimasti in inferiorità numerica la squadra continua ad impostare il gioco e non molla. Grinta che fa portare  a casa il risultato al Carrara.
Gravina 7.5 Esce coraggiosamente (di testa, di piedi e in tuffo) salvando in più di un’occasione il risultato. Durante l’assalto finale del Sant’Ignazio è assolutamente determinante.
Mulè 7 Lavora benissimo sia in fase di spinta che in chiusura senza risparmiarsi. Nel primo tempo ha l’Arduo compito di contenere Massafra. 22′ st Spataro 6 Entra in un momento non facile, e aiuta a limitare l’assalto giallorosso.
Curioso 6.5 Sacrifica la spinta per concentrarsi sulla chiusura, e gli riesce più che bene.
Dumitrascu 7 Filtro davanti alla difesa, recupera innumerevoli palloni e fa ripartire l’azione. Aiuta Mulè nel marcare Massafra e all’unica occasione utile che gli si presenta sigla anche il la rete che rimette in partita i suoi con un destro preciso e potente.
Ponzo 6.5 Attento in contenimento, rischia poco. 1′ st Palumbo 6.5 Secondo tempo di spessore, sa soffrire aiutando la retroguardia.
Budeas 6.5 Un muro, sfuggirgli è difficilissimo. Gran senso della posizione.
Fanolla 7 Si sacrifica per recuperare e imposta l’azione, e sa attaccare benissimo lo spazio. Leader dei suoi e del centrocampo. 14′ st Azgoun 6 forze fresche per gli ultimi minuti, tiene duro.
Mukena 6.5 Si impone a centrocampo, recupera e suggerisce per le punte.
Pashja 5.5 Un’ingenuità che lascia la squadra in 10.
Di Cesare 7 Pressa senza sosta, va a recuperare e supporta Dacca. Gran visione di gioco, non sbaglia un passaggio. 20′ st Capola 6 Prova a tenere alta la squadra. E’ la mossa di Renga per provare a vincerla.
Dacca 7.5 E’ un vero combattente. Dopo ‘espulsione di Pahja gran parte del peso dell’attacco grava sulle sue spalle, ma lui questo peso lo sa portare. Pericoloso dal 1′ al 35’ del secondo tempo, quando è costretto a uscire stremato. Si muove benissimo tra le linee. 35′ st Federico sv
DIR: Mulè, Spataro.

SANT’IGNAZIO (4-3-3)

Il Sant'Ignazio di Antonio Cinquegrana
Il Sant’Ignazio di Antonio Cinquegrana

All. Cinquegrana 6.5 Periodo un po’ di crisi per i suoi giallorossi. La sbloccano quasi subito, poi anche se in superiorità numerica, non riescono trovare il vantaggio. La situazione migliora nel secondo tempo, soprattuto sul finire, quando assediano l’area del Carrara e creano anche occasioni molto pericolose. Serve un po’ di cattiveria in più.
Grande 7 Solita personalità tra i pali, almeno tre interventi in avvio che salvano il risultato. Poi è sempre attento e guida i suoi da dietro, spesso e volentieri esce, anche di piede. Sul gol non ha colpe.
Latessa 6.5 Gran lavoro in fase difensiva, compie un intervento salvifico sulla linea su Dacca che tiene momentaneamente vivo il vantaggio. Nella ripresa suggerisce anche lanci interessanti per gli attaccanti.
Pilotti 6.5 Sacrifica la fase di spinta per aiutare i centrali in copertura.
Giannotti 6.5 Ottima coppia con Vinau, sa sempre dove deve andare. Se può esce palla al piede e in un’occasione arriva anche al tiro.
Vinau 6.5 Chiude con tranquillità, quasi mai in affanno. Fa valere il fisico.
Restini 6 Porta palla per servire gli attaccanti al limite dell’area e smista a centrocampo.
Acsinte 6 Svolge un importante lavoro senza palla e si fa sempre trovare pronto. I piazzati sono suoi.
Caragliano 7 Velocissimo, quando parte è un treno. Dialoga bene con Massafra e mette in mezzo per Faiello almeno due palle interessantissime.
Faiello 7 Dà del tu al pallone. Molto tecnico. Nel primo tempo forse un po’ troppo indietro per partecipare sempre attivamente alla manovra offensiva, infatti tira da fuori, ma lancia i compagni. Nel secondo tempo entra molto più spesso in area, infatti sfiora il gol in due occasioni.
Massafra 7 Va via in dribbling sulla fascia ed è imprendibile, dà più di un grattacapo alla difesa casalinga. Il più pericoloso dei suoi finché è in campo. 15′ st Bergantin 6 Forze fresche per partecipare all’assalto finale.
DIR: Macorini.

Le parole a fine gara:
Lino Renga: «Devo fare i complimenti ai ragazzi perché hanno creduto nell’obiettivo e hanno lottato fino alla fine. nel primo tempo anche se in inferiorità numerica abbiamo creato tantissimo, poi verso la fine per forza di cose abbiamo dovuto resistere un po’ di più»
Antonio Cinquegrana: «Anche se avevamo l’uomo in più nel primo tempo la loro inferiorità numerica non si è proprio vista. Siamo venuti fuori meglio nel secondo tempo quando abbiamo creato. Continua la striscia psicologicamente non positiva, c’è un po’ di malumore, non riusciamo a uscire da questa situazione. Dobbiamo lavorare e metterci sotto con pazienza e ritrovare la cattiveria giusta. Io credo nei ragazzi, la stagione è ancora lunga».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli