L'Eventi Sport 2004 di Maurizio Fazio
L'Eventi Sport 2004 di Maurizio Fazio

Questa stagione ci ha insegnato che Alfredo Gentileschi, per l’Eventi Sport Academy, è un po’ come Mr. Wolf in Pulp Fiction: risolve i problemi. È lui l’uomo in più del blues; o, almeno, così dicono i numeri (perché 38 gol in 23 partite non possono essere frutto del caso). Proprio per questo, la sua indisponibilità per l’infortunio rimediato nell’allenamento del giorno prima, proprio alla vigilia di una partita delicatissima come questa, non deve aver fatto passare il migliore dei venerdì sera al tecnico Maurizio Fazio. L’assenza della punta di diamante, senza dubbio, si è sentita, ma l’Eventi è riuscita a cavarsela lo stesso: la compagine di Via Servais la spunta con la temibile Olympic Collegno di Emanuele Carotenuto, che ha dimostrato sin dai primissimi minuti di essere una squadra capace di rendere la vita difficile a chiunque: non a caso, nel primo tempo, gli ospiti sembravano aver assunto le forme di un vero e proprio schiacciasassi, col tridente Magnasco-Carotenuto-Drogo bravo a costringere agli straordinari il muro difensivo casalingo (Carrera-Napolitano); al 14’, Magnasco porta gli arancioneri sul vantaggio, propiziando un quarto d’ora di assoluto dominio collegnese. Orfani del loro Mr. Wolf, gli uomini di Fazio si trovano costretti a risolverseli da soli i problemi, vestendo a turno i panni della prima punta; e ci riescono egregiamente, ribaltando in 35’ una partita che sembrava persa: il pareggio dell’ESA, però, non arriva dagli uomini addetti all’artiglieria pesante (Sferlazza, Guarena e Maestrini), ma da quelli che non ti aspetti: al 15’ della ripresa, infatti, è l’imbucata di Schena a riaccendere la voglia di Regionali dei propri compagni; ma l’apoteosi, come nei film migliori, arriva nel finale, al 38’, quando Reggio raccoglie l’assist di Rollero, piazzando nel sette la rete del 2-1 e confermando i numeri di una stagione straordinaria: 20 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta. Le grandi squadre, da che mondo è mondo, vincono soffrendo. E l’ESA non ha fatto eccezione: Eventi esplosivi, la coppa è vicina!

Eventi Sport A. 2
Olympic Collegno 1
RETI (0-1, 2-1): 14′ Magnasco (O), 15′ st Schena (E), 38′ st Reggio (E).
ESPULSI: 16′ st Drogo (O), 16′ st Restagno (E). AMMONITI: 30′ Consoli (O).
Arbitro: Andrea Emanuele Brecciaroli di Torino 6 Qualche decisione rivedibile e alcune sviste di troppo, ma nel complesso non male.

 

L’Olympic Collegno 2004 di Emanuele Carotenuto
Federico Reggio (Eventi Sport Academy)
Federico Reggio (Eventi Sport Academy)

EVENTI SPORT ACADEMY 4-3-3
All. Fazio 8 Ribalta una gara ostica: che carattere i suoi!
Sandi Andrea 7.5 Un gran paratone sulla conclusione di Magnasco al 5’ della ripresa: ottimo.
Bigotti 6 Non la sua domenica.
23′ Restagno 6 Rosso evitabile.
Sandi Gabriele 7.5 Chiusura chirurgica su Carotenuto al 30’.
Hegab 7 Agisce sotto traccia.
Schena 8 Problem solver: pareggia i conti e spezza il gioco.
21′ st Rollero 7.5 L’assist per il 2-1 è una sua invenzione.
Carrera 8 Fa buona guardia.
Napolitano S. 7.5 Salvifico.
Striano 7.5 Stoico in mediana.
14′ st Reggio 8.5 La decide lui.
Sferlazza 7.5 Arrembante.
Guarena 7.5 Tenta di sfondare.
34′ st Collu sv
Maestrini 8 Velocista nato: Bolt.
39′ st Napolitano D. sv
DIR: Fazio, Carrera, Napolitano.

OLYMPIC COLLEGNO 4-3-3
All. Carotenuto 7 La sua squadra sa come far male.
Patrizi 7 Bravo nelle uscite e sempre attento quando chiamato in causa: una buona prova.
35′ st Misotti sv
Accardi 6.5 Contiene gli affondi di Maestrini e Guarena.
Serlenga 6.5 Sempre diligente sulla fascia sinistra, quando ha metri prova anche a pungere.
Petrozzino 7 Gladiatorio a centrocampo: morde le caviglie e crea degli spunti interessanti.
Consoli 6.5 Limita i danni.
Cariglia 6.5 Buoni anticipi.
Rovoletto 7 Muscolare.
Lauretta 7 Sempre sul pezzo.
Magnasco 7.5 Segna lo 0-1 e crea scompiglio in area piccola.
Carotenuto 7.5 Un vero incubo per la difesa avversaria.
Drogo 8 Esterno devastante.
DIR: Rovoletto, Cariglia.