Eventi Sport Academy Sant Ignazio Under 15
l Sant'Ignazio di Cinquegrana

Porto di mare per ESA-Sant’Ignazio: ritorno per Mario Bizzoco, mister dell’ESA che si risiede in panchina dopo due anni trascorsi in Sudafrica, partenza per Santiago Osisnaldi, che saluta il Bel Paese per la sua Argentina. All’ingresso in campo entrambe le squadre invocano la vittoria, la squadra di Bizzoco esclama «1, 2, 3 forza ESA olé», i ragazzi di Antonio Cinquegrana gridano «Vinciamo sempre, dai!». Sul campo, però, la prima a partire all’attacco è il Sant’Ignazio con un passaggio di Antonio Celesti al numero 7, Simone Faiello, che tenta un tiro in porta al secondo giro di lancette, ma il pallone finisce nelle mani di Simone Borinato con una tempestiva parata in due tempi. Il minuto seguente Faiello tira in porta su punizione, ma il pallone sorvola la traversa. Primi minuti di gioco in attacco per la squadra di Cinquegrana, che continua a cercare il gol attraverso una serie di passaggi ben studiati: Emanuele Massafra contende la palla con gli avversari e, visto il pressing dell’ESA, decide di passarla a Simone Rosso, che a sua volta la tira ad Antonio Celesti, il quale, però, prova un lancio eccessivamente lungo. Al 4′ è la volta di Luca Cassandro, che tira in porta, ma Grande para senza troppe difficoltà. Ci riprova Alessio Restagno, passa il pallone a Gabriele Verzini, che perde palla, Alessandro Carena allora la tira a Faiello, ma la palla finisce fuori. Nei minuti che seguono non si registrano azioni di grande rilevanza, il gioco si ferma al 12′ in seguito ad un’ammonizione di Emanuele Massafra per un fallo su Stefano Pellegrino, che si rialza zoppicando, ma riprende a giocare senza problemi. Al 13′ Massafra cerca di redimersi dall’ammonizione tentando un tiro, prontamente parato da Borinato. 4 minuti dopo il Sant’Ignazio torna all’attacco con  Santiago, che lancia il pallone al compagno Emanuele Pilotti, si avventano due su di lui, l’azione si interrompe grazie all’intervento difensivo dell’ESA e del contributo di Luca Cassandro. Al 20′ Tommaso Gianotti si trova davanti alla porta, passa la palla a Pilotti, che offre un bell’assist a Nicholas Caragliano, autore del primo gol della partita. Nonostante il vantaggio appena raggiunto, il Sant’Ignazio cerca il secondo gol con una punizione di Faiello, che però si rivela troppo alta. Non finisce qui, Pilotti tenta due tiri in porta grazie al passaggio di Santiago, ma non riesce nel suo intento. L’ESA reagisce con Cassandro, che la passa a Verzini, interviene però Alexandru Vinau, che spazza via una palla pericolosa. Al 24′ Faiello prova il tiro, ma becca in pieno la traversa. Pochi secondi dopo l’arbitro fischia un fallo di Santiago su Pellegrino, che si rialza claudicante da terra. A questo punto della partita, la panchina di Cinquegrana si infiamma nei confronti dell’arbitro, che si fa trovare disattento in più occasioni. I suoi ragazzi, però, continuano a dare il massimo senza demordere, Antonio Celesti perde palla due volte, ma va a recuperarsela in entrambe le giocate. Dalla porta del Sant’Ignazio Grande esorta i suoi e consiglia loro di salire nell’azione.  La determinazione della squadra di Cinquegrana sfocia nel secondo gol di vantaggio, firmato sempre da Caragliano al 30′. Manca ormai poco alla fine del primo tempo e il Sant’Ignazio continua a spingere con i tentativi di Caragliano e Faiello. A un minuto dalla fine arriva fischio dell’arbitro, che concede una punizione all’ESA: batte Alessio Restagno, para Grande.

I rispettivi mister, Bizzoco e Cinquegrana, adottano due strategie diverse per affrontare il secondo tempo, il primo mantiene la formazione iniziale, il secondo predilige i cambi. Al secondo minuto l’ESA cerca il gol, tiene bene palla fino all’intervento di Santiago, che soffia il pallone ad Alessandro D’Amato, mostrando a tutti l’intento di segnare l’ultimo gol prima di salire sull’aereo per l’Argentina. L’ESA percepisce il pericolo degli avversari e non molla, cerca di recuperare palla e di tener testa ai ragazzi di Cinquegrana. Un fuorigioco fischiato a Verzini non permette ai ragazzi di Bizzoco di portare avanti un’azione promettente e porta un po’ di sconforto nella squadra. Ne approfitta dunque la fame di gol di Santiago, che tira in porta, Borinato sfiora il pallone, ma indietreggia e la palla gonfia la tanto ambita rete. Santiago corona così il suo sogno e segna tra la gioia e l’amarezza di chi sa di aver lasciato il segno in un ambiente che ama: tutta la squadra corre ad abbracciare il compagno, la tribuna esplode in cori elogiativi dell’argentino, che, in occasione dell’ultima partita, indossa la maglia numero 10. I ragazzi di Cinquegrana manifestano tutta la loro euforia, ma il mister conosce le dinamiche di gioco e richiama i suoi all’ordine, consigliando loro di mantenere la calma e di giocare sempre usando la testa. Una direttiva che ha il sapore di una premonizione dal momento che gli animi dei ragazzi iniziano a scaldarsi dinnanzi al lavoro non gradito dell’arbitro. Sia in campo sia in tribuna si percepisce un malcontento comune nei confronti della gestione arbitrale, gli equilibri iniziano a traballare e l’ESA ottiene un calcio di rigore, battuto da Restagno, che segna al 12′ un gol che spacca l’equilibrio della partita come il suono di un Vuvuzela nel silenzio della notte. Il minuto seguente Cassandro batte una punizione e la palla esce di poco. L’ESA vuole la rimonta, reagisce bene al gioco, Giuseppe Demarie spazza via un angolo pericoloso, che però si dovrà ribattere: è in quest’occasione che Simone Borinato, il numero 1 dell’ESA, para, sbatte la mano contro il palo e cade a terra dolorante. Attimi di paura si diffondono in campo e in tribuna, il gioco rimane fermo per 5 minuti, si cercano di capire le condizioni di salute del portiere, costretto ad abbandonare il campo sotto gli occhi preoccupati dei compagni. Alla ripresa, i ragazzi di Bizzoco sono visibilmente scossi per l’accaduto e subiscono, quasi inermi, il gioco duro del Sant’Ignazio. Alessandro Bergantin tira in porta, difesa ora da Jacopo Bertinotti, ma la palla colpisce la traversa.  Faiello ci riprova, ma tira alta la palla, che finisce dietro la porta avversaria. Al 32′ Cinquegrana decide di sostituire il capitano per regalargli un’uscita di scena ricca di applausi dalla tribuna, ma i secondi scorrono troppo velocemente sull’orologio dell’arbitro, che decide di espellere Santiago nella sua ultima partita italiana con la maglia biancorossa. Nessun rancore, il clima è goliardico, il capitano reagisce bene alla scelta dell’arbitro, Cinquegrana sorride e avvia una serie di cambi (non casuali).


I ragazzi del Sant’Ignazio salutano il loro Santiago

IL TABELLINO DI EVENTI SPORT ACADEMY – SANT IGNAZIO UNDER 15

EVENTI SPORT ACADEMY – SANT’IGNAZIO 1-4
RETI (0-3, 1-3, 1-4): 20′ Caragliano (S), 30′ Caragliano (S), 5′ st Osisnaldi (S), 12′ st rig. Restagno (E), 36′ st Faiello (S).
EVENTI SPORT A. (3-5-1-1): Borinato 7 (25′ st Bertinotti 6.5), Demarie 6.5, Sardone 6.5, D’Amato 6.5, Camassa 6 (31′ Placentino 6.5), Scarcella 6, Longo 6.5, Pellegrino 6.5, Verzini 6, Cassandro 6.5, Restagno 6.5. All. Bizzoco 6. Dir. Borinato.
SANT’IGNAZIO (3-5-2): Grande 7, Rosso 6.5 (1′ st Bergantin 6.5), Carena 7, Celesti 6.5 (33′ st Tunno 6.5), Gianotti 6.5 (37′ st Leotta 6.5), Vinau 7, Faiello 7.5, Pilotti 7 (1′ st Acsinte 6.5), Caragliano 7.5 (39′ st Mazzolini 6.5), Osisnaldi 8, Massafra 7 (4′ st Restini 6.5). A disp: Pallavidino. All. Cinquegrana 7.5. Dir. Carena.
ARBITRO: Georges Armel  5.5.
ESPULSO: 33′ st Osisnaldi (S).
ANGOLI: 1-2
EVENTI SPORT A. (3-5-1-1):
All. Bizzoco 6 Visto l’andamento della partita sarebbe servito qualche cambio in più, ma esorta i suoi quando li vede in difficoltà per l’infortunio del compagno.
Borinato 7 Nonostante i gol subiti, si applica in belle parate, peccato l’infortunio al secondo tempo. Auguri di pronta guarigione! 25′ st Bertinotti 6.5 Sostituisce egregiamente il portiere, dimostrando grande sangue freddo.
Demarie 6.5 Pronto a spazzare via palle pericolose.
Sardone 6.5 Difende bene la squadra all’occasione.
D’Amato 6.5 Ci prova sempre, da apprezzare la caparbietà, non teme gli avversari.
Camassa 6 Nessuna azione di rilievo, si rende disponibile alla squadra. 31′ Placentino 6.5 Piccolo di statura, grande nelle giocate.
Scarcella 6 Prestazione debole nel primo tempo per il capitano, si riprende nel secondo. 
Longo 6.5
Mostra un po’ di nervosismo nel secondo tempo, ma si prodiga per la squadra.
Pellegrino 6.5
Zoppica in seguito alle azioni fallose degli avversari, ma non si arrende.
Verzini 6 Non sfrutta bene alcune occasioni, ma sempre pronto a ricever palla. 
Cassandro 6.5
Ci mette il cuore, nonostante la difficoltà della partita, non molla.
Restagno 6.5
 Segna un rigore importante per la squadra.


L’ESA di Mario Bizzoco

SANT’IGNAZIO (3-5-2)
:
All. Cinquegrana 7.5 Porta a casa 3 punti importanti, allena una squadra ben coordinata e ben strutturata, capace di costruire ottime azioni di gioco.
Grande 7 Dalla porta urla ai suoi, non si fa trovare impreparato quando c’è bisogno. Non para il rigore, ma reagisce bene alla momentanea spinta dell’Esa del secondo tempo.
Rosso 6.5 Meno presente di altre volte, ma non fa mancare il sostegno ai compagni. 1′ st Bergantin 6.5 Prestazione senza grandi azioni, ma corre sempre in cerca della palla giusta.
Carena 7 Meritevole qualche iniziativa, molto buoni i passaggi, che risultano ponderati.
Celesti 6.5 E’ attento alle dinamiche di gioco, bella la carica dimostrata all’inizio del secondo tempo. 33′ st Tunno 6.5 Breve la durata in campo, niente da evidenziare.
Gianotti 6.5 Non si fa sorprendere in area di rigore, studia bene i passaggi che possono aprire valide occasioni gol. 37′ st Leotta 6.5 Gioca una manciata di minuti.
Vinau 7 Una garanzia per il Sant’Ignazio, ottima ricezione di testa delle palle alte.
Faiello 7.5  Una presenza immancabile in campo, crea occasioni, pressa, si muove bene in ogni azione.
Pilotti 7 Ha un gioco generoso e attento nei confronti dei compagni. 1′ st Acsinte 6.5 Poca iniziativa rispetto al solito.
Caragliano 7.5 Quando ha occasione, segna, difficilmente sbaglia. Bomber. 39′ st Mazzolini 6.5 In campo per pochi secondi, ma motivato.
Osisnaldi 8  Anche oggi insuperabile. Misurato, preciso, determinato. Lascia il segno anche nella sua ultima partita, nonostante il carico emotivo non perde mai la concentrazione.
Massafra 7 Si mette a disposizione della squadra, quando ha occasione prova il tiro. 4′ st Restini 6.5 Gioca un buon secondo tempo, di supporto ai compagni.

 


Sulla nostra App tutti i risultati delle giovanili, dei dilettanti e della Scuola Calcio

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE


Seguici sulla nostra pagina Instagram: sprint_piemonte
Troverai aggiornamenti e foto sulle partite, anche durante i campionati sia Regionali che Provinciali e durante la settimana