5 Agosto 2020 - 13:08:38

Borgata Cit Turin – Crocetta Under 16, Musso a catinelle, Spider Pastore

Le più lette

Un enorme balzo verso il futuro: la Pro Sesto presenta un nuovo logo e progetti innovativi

Un enorme balzo verso il futuro, un passo da gigante. La nuova Pro Sesto si è svelata ufficialmente nella...

Vincolo sportivo, il comunicato dei presidenti dell’Area Nord: «Contrari all’eliminazione»

«No all'abolizione del vincolo sportivo». Si chiude così il comunicato dei presidenti dei Comitati Regionali dell'Area Nord, riunitisi lunedì...

Serie D, scaduto il termine per i ricorsi sulle bocciature della CoViSoD: salta il Savona

È scaduto oggi alle 17:00 il termine per i ricorsi sulle bocciature della Co.Vi.So.D. al prossimo campionato di Serie...

Per il Borgata di Roberto Tavola, la gara casalinga con il Crocetta rappresentava una vera e propria prova del nove, l’occasione d’oro per riaccendere l’entusiasmo, rianimando un campionato che, fino a questo momento, ha visto più ombre che luci. Dopo la bella vittoria esterna della scorsa settimana col Vianney, l’obiettivo principale della compagine di Corso Ferrucci era quello di dimostrare di aver finalmente acquisito un’identità, riuscendo in tal modo a compiere il passo finale: non più dei personaggi in cerca d’autore, ma dei protagonisti ben caratterizzati. Che dire: esame superato a pienissimi voti! Il lavoro di Roberto Tavola ha prodotto dei frutti un po’ tardivi ma di ottima qualità: abbiamo assistito a un gioco frizzante, esteticamente piacevole ed efficace. Il vantaggio arriva fulmineo, dopo appena 120′; neanche il tempo di digerire le tagliatelle che il pubblico di casa è già costretto ad affrettare la digestione: Notaro trova il corridoio libero, pesca Musso nel mezzo e gli apparecchia la tavola per la rete che vale l’1-0. La sceneggiatura della prima frazione di gioco è sempre la stessa, con una trama pesantemente sbilanciata dalla parte dei biancoblù e due attori protagonisti (Giacovelli e Musso) iper performanti: dominio assoluto di campo, fraseggio corto, buon possesso palla e assetto arrembante, con undici giocatori pronti a sacrificare tutto per la causa del gol. La qualità del gioco prodotto viene premiata col gol del raddoppio, che arriva al 12′, con la sassata di Giacovelli. Doverosa precisazione: i ragazzi di Gambuzzi arrivavano a questa gara pesantemente rimaneggiati dal punto di vista numerico, senza poter contare sulle sostituzioni; malgrado questa condizione di precarietà, hanno sudato la maglia senza mollare neppure per un secondo, ed è un dettaglio di non poco conto; riescono addirittura a riaccendere la fiamella della speranza sul finale del primo tempo, mettendo a profitto il loro unico tiro in porta (punizione di Armitano, narcolessia del muro difensivo ospite, assist di Clara per il destro di lito e rete del 2 a 1). Nella seconda frazione, il Borgata mette il turbo, ribadendo il proprio dominio e aumentando il parziale con le reti di Giacovelli (18′) e Qotbi (27′). Menzione d’onore per l’ultimo uomo del Crocetta, Luca “Spiderman” Pastore, bravo a sporcarsi i guantoni in almeno tre circostanze (come il volo pirotecnico al 32′ del primo tempo sul tiro al volo di un Notaro sfortunatissimo, che avrebbe meritato la marcatura per quanto dimostrato in campo; o, ancora, al 28′ della ripresa, quando intercetta la sfera velenosa di Juan Gallon con la mano di richiamo), evitando un parziale ancora più ampio. Ottimo lavoro per un Borgata in piena rivalutazione, sempre più sicuro dei propri mezzi e pronto ad affrontare la seconda parte di stagione con un piglio differente. In occasione della notte degli Oscar, comunque, tributiamo ambedue le squadre con una statuetta: per il Borgata, quella degli effetti speciali (alcune giocate erano da strabuzzarsi gli occhi); al Crocetta, invece, quella per il miglior attore protagonista (perché sì, Pastore è stato il Di Caprio di questo Saturday Match).

Crocetta Under 16
Il Crocetta 2004 di Gambuzzi

TABELLINO DELLA PARTITA BORGATA CIT TURIN – CROCETTA

B.TA CIT TURIN-CROCETTA 4-1
RETI (2-0, 2-1, 4-1): 2′ Musso (B), 12′ Giacovelli (B), 34′ Lito (C), 18′ st Giacovelli (B), 27′ st Qotbi (B).
B.TA CIT TURIN: Bertolino, Macchi (30′ st Cimino), Pecoraro, Memoli, Lupo, Dascanio, Giacovelli (26′ st Lo Certo), Istoc, Notaro (16′ st Qotbi), Musso (33′ st Baggetta), Gallon (33′ st Zucchino). A disp. Brovida, Speranza. All. Tavola. Dir. Pecoraro.
CROCETTA: Pastore, Brunetto Nicolò, Crut, Timeo Fabio, Armitano, Refaei Ahmed, Lampitelli, Lito, Clara Alberto, Cebrario, Vaglini. All. Gambuzzi.
ARBITRO: Russo di Torino 10

Matteo Musso, l’MVP della gara

PAGELLE DELLA PARTITA BORGATA CIT TURIN – CROCETTA

BORGATA CIT TURIN (3-5-2)
All. Tavola 9.5 La squadra si diverte e fa divertire.
Bertolino 7.5 Non troppo impegnato oggi, ma sempre pronto quando necessario.
Macchi 7.5 Straordinario lavoro di ripiegamento.
30′ st Cimino 6.5 Pochi minuti di grande qualità e abnegazione.
Pecoraro 8 Tenta una stupenda incursione personale sul finire del secondo tempo che, purtroppo, non viene impreziosita dal gol.
Memoli 7.5 Fa buonissima guardia,
Lupo 7.5 Capitano vero: carisma, personalità, coraggio.
Dascanio 7.5 Il cervello pensante della squadra.
Giacovelli 8.5 Una prestazione da spellarsi le mani a suon di applausi.
26′ st Lo Certo 7 Ottimo ingresso in gara, ha fatto vedere spunti interessanti.
Istoc 7.5 Gladiatorio in mezzo.
Notaro 7.5 Avrebbe meritato un gol, ottimo lavoro da ariete.
16′ st Qotbi 7.5 Entra, segna e macina chilometri.
Musso 9 Il Lukaku della situazione.
33′ st Baggetta 6.5 Diligente e propositivo.
Gallon 8 Prova da fuoriclasse, peccato per la mancata iscrizione al tabellino dei marcatori.
33′ st Zucchino 6.5 Più che bene da subentrante
Dir: Pecoraro.

CROCETTA (4-3-3)
All. Gambuzzi 7 Con gli uomini contati fa il possibile.
Pastore 7.5 Chiamatelo “acchiappasogni”: l’eroe del sabato pomeriggio
Brunetto 6.5 Sacrificio e grinta.
Crut 6 Fa valere il suo carattere sulla fascia.
Timeo 6 Prova ad alzare il muro, ma il ritmo degli avversari è forsennato.
Armitano 7 Una delle poche frecce nell’arco di Gambuzzi: prova a pungere in ogni modo possibile.
Refaei Ahmed 6 Prova sufficiente.
Lampitelli 6.5 Robusto in mediana.
Lito 7 Trova il gol della speranza.
Clara 6.5 Assist di razza.
Vaglini 6 Ha poche occasioni per aggredire.
Cebrario 6 Il piglio è quello giusto.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli