10 Agosto 2020 - 21:23:20

Alpignano – Quincitava Under 14, Cambria toro scatenato, Chiribau centrale goleador

Le più lette

Telenovela Aloia, la spunta il Fossano

Come anticipato stamattina, il Fossano non ha mollato l'osso Aloia neanche dopo la notizia dell'allenamento tenuto in casa del...

Calcio femminile, un bagno di sangue: cadono Biellese, Femminile Juventus, Novese, Canelli, Sedriano e Luserna

Per fortuna che l'obiettivo dovrebbe essere il professionismo, ma senza una base, senza il calcio dilettantistico, può esserci il...

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Una marcia in più. Ma anche due o tre. L’Alpignano di Maurizio Manganiello sforna una prestazione perfetta alla ripresa del campionato e riscatta la sconfitta dell’andata (4-2), la partenza lanciatissima dei biancazzurri stordisce il Quincitava, presentatosi in via Migliarone con il nuovo tecnico Stefano Balbi.

Bastano 30 secondi ai biancazzurri per mettere in chiaro che tipo di partita sarà, la bomba di Toscano chiama Monetta a un intervento da campione. Subito dopo Andrea Cambria (si legge Cambrìa con l’accento sulla i, ci tengono a sottolinearlo in nella piccola tribuna del sintetico) sforna un vero gioiello: parabola “illegale” dalla trequarti sinistra e palla che scavalca Monetta per l’1-0. L’Alpignano spinge come se non ci fosse un domani, i tiri dalla bandierina di Saverio Di Prisco mettono sempre in difficoltà la retroguardia del Quincitava che capitola per la seconda volta quando il centrale Stefano Chiribau sbuca sul secondo palo per il gol del radoppio. Cristian Monetta, portiere ospite, non può distrarsi nemmeno per un secondo, anzi deve volare a togliere la palla dall’angolino basso sulla punizione al veleno di Federico Ricco. Doppio sussulto giallonero, Matteo Grieco per due volte deve opporsi, prima in uscita bassa, poi a difesa del primo palo, sulle incursioni di Tommaso Suquet, sfuggito alla marcatura di capitan Scalise su assist Aresca. Ancora un corner di Di Prisco, batti e ribatti la palla resta lì alla portata di Ricco che con una zampata la spinge dentro, 3-0. Prima del riposo ancora un’occasione per l’Alpignano, Monetti devia oltre la line di fondocampo il rasoterra di Busceti.

Nella ripresa il Quincitava cambia, dentro Giovanetti in mediana, il gigante Clemente fa la punta centrale nel ridisegnato 4-3-3 di Balbi. L’Alpignano non si intimorisce, fa giropalla a due tocchi aspettando le imbucate delle punte, il gol però arriva ancora una volta da un calcio piazzato. Chiribau non ha pura di provare la conclusione su calcio di punizione e col destro la mette nel sette alle spalle di Monetta per la quarta volta. Arriva anche il primo e unico corner della giornata per il Quincitava quando Samuel Crescenzo deve volare sulla punizione di Pietro Mongiat. Da qui in poi è caccia al gol per gli attaccanti dell’Alpignano: azione tutta in velocità, Chessa crossa alto sul palo opposto, arriva Pistone in spaccata e la manda fuori di pochissimo. Lo stesso Pistone serve poi Di Prisco, la sua sberla da limite è respinta corta da Monetti, Cambria si avventa sul pallone come un falco è fa 5-0. Ancora Pistoncino scatta sul filo del fuorigioco su lancio di Busceti, tentativo di pallonetto alto, sulla rimessa in gioco del Quincitava Cambria di rapina realizza la sua tripletta e va a esultare vicino alla sua piccola curva personale che lo reclama a gran voce. Di Prisco non si dà pace, vuole il suo nome nel tabellino dei marcatori, riesce a scriverlo con pieno merito all’ultimo minuto con un tocco di punta a infilare Nerean in uscita.

Andrea Cambria, quando hai la curva personale e fai pure tripletta

IL TABELLINO DI ALPIGNANO QUINCITAVA UNDER 14

ALPIGNANO-QUINCITAVA 7-0
RETI: 2′ Cambria, 4′ Chiribau, 25′ Ricco, 9′ st Chiribau, 23′ st Cambria, 34′ st Di Prisco, 36′ st Cambria.
ALPIGNANO (4-3-3): Grieco 6.5 (1′ st Crescenzo 6.5), Cavana 7, Angotti 7, Scalise 6.5, Rota 6.5, Chiribau 8, Toscano 6.5 (7′ st Chessa 7), Busceti 7.5, Cambria 9, Di Prisco 8, Ricco 7 (11′ st Pistone 7). All. Manganiello 7. Dir. Cavana.
QUINCITAVA (4-4-2): Monetta 7 (24′ st Nerean 6), Sereno Regis 6, Ardissone 6 (10′ st Dorato 6), Mongiat 6, Celoria 6, Aresta 6 (2′ st Clemente 6), Per 6.5, Pascarella 6 (12′ st Mavilia 6), Zottino 6, Suquet 6.5 (20′ st Royas Rosas 6), Shaba 6 (1′ st Giovanetto 6). All. Balbi 6. Dir. Giovanetto.
ARBITRO: Christian Mandalà di Collegno 7: Gara perfetta, le dimensioni del campo aiutano a stare sempre vicino all’azione, giusto l’unico cartellino dispensato.
AMMONITO: 36′ Scalise (A).
ANGOLI: 6-1

LE PAGELLE DELL’ALPIGNANO UNDER 14

All. Manganiello 7 Partenza determinata, la squadra mette subito in cassaforte il risultato e in fiducia inizia anche a giocare a uno-due tocchi.
Grieco 6.5 Onora i guantoni con due efficaci e belle parate su Suquet.
1′ st Crescenzo 6.5 Paratona sulla punizione di Mongiat con la punta delle dita.
Cavana 7 Terzino tecnico, alimenta l’azione coi cross.
Angotti 7 Vertice basso dei tre di centrocampo, senso della posizione, anticipa e partecipa alla manovra.
Scalise 6.5 Capitano, bravo in marcatura su Suquet nel primo tempo, a volte deve usare le maniere forti (sua l’unica ammonizione della partita), nel secondo tempo oltre a rintuzzare i rari attacchi del Quincitava si sgancia con più frequenza.
Rota 6.5 Attento a sinistra, chiude con tranquillità l’avversario di turno.
Chiribau 8 Concede pochissimo a Zottino, spettacolare quando esce palla al piede e quando mette dentro la punizione. Segna anche in avvio, ben appostato sul corner di Di Prisco.
Toscano 6.5 Butta palloni in mezzo dalla destra, quando esce presta gli scarpini a Cambria che poi segna altri due gol.
7′ st Chessa 7 Si ritaglia le sue occasioni proponendosi con puntualità sull’esterno offensivo destro. Mette anche dei bei traversoni.
Busceti 7.5 Un caterpillar in mezzo al campo, fa filtro sfruttando la sua stazza, cerca la prodezza balistica e mette in difficoltà la mediana eporediese.
Cambria 9 «Siam venuti fin qua, per vedere segnare Cambriaaa» è il coro che intona la sua mini curva personale. Schioda la partita dopo una manciata di secondi, nel finale da bomber insaziabile, non si ferma finché non arriva la tripletta personale.
Di Prisco 8 Mezzala dinamica e creativa, dai sui calci d’angolo nasce sempre qualche pericolo. Cerca la rete personale fino alla fine e la trova, se la merita tutta.
Ricco 7 Sfonda sull’out mancino, trova la zampata in mischia e si fa valere per tutti i 46 minuti in cui resta in campo.
11′ st Pistone 7 Bravo ad appostarsi sui cross, specialmente quelli di Chessa. Va vicinissimo al gol e avvia tante azioni pericolose.

LE PAGELLE DEL QUINCITAVA UNDER 14

All. Balbi 6 Dopo la lunga sosta e il cambio tecnico, la squadra sembra un po’ disorientata. Work in progress.
Monetta 7 Pronti via, inizia con un grandissimo intervento, incassa cinque gol, ma evitandone anche altri.
24′ st Nerean 6 Due gol subiti, in un finale di gara dove i giocatori dell’Alpignano spingono per cercare la gloria personale.
Sereno Regis 6 Difende come può sulla corsia di destra, nella mezz’ora finale fa anche il centrale difensivo.
Ardissone 6 Bloccato sulla fascia sinistra, non riesce a spingere come vorrebbe.
10′ st Dorato 6 Si mette dietro e cerca di arginare.
Mongiat 6 Tantissimo lavoro dalla sue parti, impossibile contenere la furia realizzativa di Cambria.
Celoria 6 Costantemente sotto pressione, vede spuntare giocatori biancazzurri da ogni lato.
Aresta 6 Taglio di capelli epocale colore incluso (vedi foto), sulla fascia destra aiuta Sereno Regis e appoggia le punte.
2′ st Clemente 6 Si piazza davanti e dà fastidio ai centrali dell’Alpignano.
Per 6.5 In campo per tutti i 70 minuti più recupero, agisce in mezzo al campo e si fa vedere anche in zona offensiva anche quando il risultato è ormai andato.
Pascarella 6 Tra i più lucidi nella fase centrale del primo tempo. Cala come tutta la squadra in balia dell’onda biancazzurra.
12′ st Mavilia 6 Supporto a centrocampo, entra a gara già compromessa.
Zottino 6 Prova lo sfondamento, tuttavia non è facile arrivare al tiro.
Suquet 6.5 Partecipa all’azione con sponde e dai e vai, perde qualche pallone, resta tra i più intraprendenti.
20′ st Royas Rosas 6 Poche occasioni per lui.
Shaba 6 Una sola volata, per il resto è chiuso bene da Rota.
1′ st Giovanetto 6 Recupera qualche pallone e cerca di ripartire.

CLICCA QUI PER LE INTERVISTE A STEFANO BALBI E MAURIZIO MANGANIELLO

LA FOTOGALLERY DI MARCO FERRERO

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli