Succede tutto nei cinque minuti finali. Il solito Gabriele Tucci segna lanciando l’Alpignano verso la fuga in solitaria, ma non ha nemmeno il tempo di esultare che nell’azione successiva un’impavida e temeraria Rivarolese gli rompe le uova nel paniere con Borin, tenendo in corsa Pro Eureka e Lucento. La partita pare sin dalle prime battute tattica e bloccata. A compiere la prima patata è Macrì, chiamato a sventare una conclusione insidiosa – direttamente da corner – targata Patruno (14’). Successivamente, al 15’, è ancora il portiere canavesano a rendersi protagonista, deviando in out una punizione al bacio di Spina, degna… del suo nome! Ma la possibile svolta ha soltanto luogo intorno allo scadere: 33’. Fabio Roscio atterra Tucci in piena area di rigore; penalty per i biancazzurri! Dal dischetto si presenta Franco, che tuttavia colpisce maldestramente la traversa, facendo rientrare negli spogliatoi l’Alpignano con l’amaro in bocca. Nel secondo tempo Rivarolese subito costretta a fronteggiare un imprevisto non indifferente: Macrì, causa infortunio al dito (l’ennesimo stop per l’estremo difensore granata), è costretto infatti a seguire la ripresa dalla tribuna. Al suo posto subentra Costa, prodigioso nell’immediato nel chiudere lo specchio della porta in faccia a Patruno a tu per tu. In seguito la gara si appiattisce, senza particolari occasioni degne di nota, sino al colpo di scena del 29’: lancio in profondità per “Matador” Tucci che resiste alla carica fisica dei due centrali canavesani e insacca lestamente Costa in uscita; la curva biancazzurra esplode di gioia; intesa, seppur… breve. Già, perché la Rivarolese – ferita nell’orgoglio – trova subito il gol dell’1-1 con Borin, abile nel sorprendere la retroguardia di Genovesio sull’immediato ribaltamento di fronte. I padroni di casa non ci stanno, e rispettivamente al 32’ e al 35’ colpiscono per ben due volte il palo con Cipullo in mischia, ma alla fine gli sforzi si rileveranno soltanto vani.

Alpignano 1
Rivarolese 1
RETI (1-0, 1-1): 29′ st Tucci (A), 31′ st Borin (R).
AMMONITI: 13′ Caldieri (R), 23′ st Baudino (R), 36′ st Franco (A).
ARBITRO: Yanou Yigang di Collegno  6 Talvolta titubante, ma la scelta dei cartellini è sempre corretta.

ALPIGNANO 4-3-1-2
All. Genovesio 6.5 La squadra domina, ma è poco cinica.
Martino 7 Certezza assoluta.
Franco 5 Sbaglia il rigore in un momento decisivo.
Seminerio 6 Fa la lotta con Lauriola.
De Bilio 6.5 Contiene discretamente Borin.
Germano 6 Ruvido, ma efficace.
D’Introno 6.5 Fa la lotta in mezzo.
Spina 7 Pericoloso su punizione. 25’ st Antoniazzi 6 Buon impatto.
Cliberti 6.5 Quando c’è da mettere il piede non si tira indietro. 12’ st Benigno 6 Tenace.
Tucci 8 Il Piatek della squadra. Una sentenza.
Patruno 7 Tecnica sopraffina.
Rottino 5.5 Poco dinamico. 3’ st Cipullo 7 Sfiora due volte il gol.
A disp.: Casalegno, Martinetto, Zanella, Chiappinelli, Petruzzo, Ferrarese.
Dir: D’Introno

RIVAROLESE 4-3-3
All. Uranio 7 Tatticamente impeccabile.
Macrì 8 Mostruoso nel primo tempo. 1’ st Costa 7 Subito super su Patruno.
Baudino 6.5 Limita Rottino.
Braghette 6.5 Vende cara la pelle.
Bruna 5 Poco deciso. Patruno lo toglie. 1’ st Roscio A. 6 Discreto.
Gioanino 6.5 Bel duello con Tucci.
Roscio F. 6.5 Sempre attento.
Peverati 6.5 Fisico e esperto.
Caldieri 6 Efficace contro D’Introno. 21’ st Ruggiero 6 Giusto approccio.
Lauriola 8 È ovunque: difesa o attacco lui c’è.
Borin 8.5 Pilone ringrazia per il gol che tiene ancora in corsa i biancocerchiati.
Garofalo 6.5 Speedy. 25’ st Tarricone 6 Determianto.
A disp.: Benetti, Amato, Peraglie.
Dir: Marino.

LE PAROLE A FINE GARA: GENOVESIO (ALPIGNANO)

LE PAROLE A FINE GARA: URANIO (RIVAROLESE)