CENISIA NOVESE UNDER 14
La Novese di Davide Balduzzi

Cenisia-Novese ci ha dimostrato ancora una volta che lo sport, da sempre, è una questione di alchimia, di intese, un fatto di chimica. Ci sono coppie che hanno fatto la storia, duetti memorabili il cui incontro sembrava scritto nel destino: Schumacher-Barrichello, Oliver Hutton-Tom Becker, Mancini-Vialli, solo per citarne alcune. Ebbene, a decidere le sorti della gara, incidendo sul risultato in misura davvero mastodontica, è stata proprio la coppia biondo platino della Novese: Qerim Meminaj e  Leonardo Garlando (che da lontano assomiglia a Nedved, ma questa è un’altra storia). Un tandem micidiale, capace di creare scompiglio nella retroguardia viola lungo tutto l’arco dei settanta minuti e di ribaltare una gara che si era messa malissimo, con quello svantaggio rimediato al 4′ della ripresa, messo a referto dal capitanissimo del Cenisia, Luca Barone, che aveva fiaccato il morale della squadra ospite con un’inzuccata da manuale, suonando la carica per i padroni di casa. Eppure, il De Profundis della Novese, alla fine, non è stato intonato: al 18′ del secondo tempo, Nicorelli premia il taglio di Meminaj, che per trasformarsi in Thanos non ha bisogno delle gemme, ma soltanto dello spazio giusto per manovrare: movimento a spiazzare Actis, coordinazione, destro violento e sfera del pareggio che si insacca nel sette, alle spalle di un incolpevole Girardi: dominante. I conti, però, sono chiusi dall’altra metà del duetto delle meraviglie novese, Leonardo “Pavel” Garlando, bravissimo a beffare l’ultimo uomo viola col piattone e a portare a compimento il ribaltone. Nel primo tempo, la Novese ha dimostrato di aver ben rodato i meccanismi, impostando la partita su due direttrici della circolazione del pallone e del pressing altissimo e  asfissiante e creando almeno tre occasioni da gol con Garlando al 16′, Gaion al 18′ e Bona al  19′. Dopo venti minuti di dominio bianco-azzurro, il Cenisia mette la quinta, dando il via alla controffensiva, prima con la bella incursione di Di Chiara al 24′ e poi con l’assist al bacio di un Di Stefano ispiratissimo ancora a liberare Di Chiara che, però, spara alto. Una partita meravigliosa tra due squadre che, nel corso della stagione, conosceranno una crescita esponenziale.

Il Cenisia di Massimo Riccetti

                        IL TABELLINO DI CENISIA NOVESE UNDER 14
CENISIA-NOVESE 1-2
RETI (1-0, 1-2): 4′ st Barone (C), 18′ st Meminaj (N), 25′ st Garlando (N).
CENISIA: Girardi 6.5, Galasso 7, Tripepi 6.5 (22′ st Bisceglia 6.5), Peyron 6.5, Actis 6.5 (1′ st De Marco 6.5), Barone 7.5, Aluisio 7 (23′ st Stefanucci 6), Giacoletto 6.5, Beggi 6.5 (1′ st Corrarati 6.5), Di Stefano 6.5 (15′ st Graffino 6.5), Di Chiara 7. A disp. Scoffone, De Marco F., Camiolo, Mocciola. All. Riccetti Massimo. Dir. Stefanucci – Aluisio.
NOVESE: Cuneo 7, Picollo 7, Bailo 7.5 (27′ st Ferrando 6), Pace 7.5, Giaroli 7.5, Bona 7, Gaion 7.5, Anfosso 7 (12′ st Ricci 6.5), Meminaj 9 (33′ st Jaho sv), Nicorelli 7.5 (22′ st Coppa 6.5), Garlando 8 (29′ st Benini sv). A disp. Brollo, Semino. All. Balduzzi. Dir. Gaion.
ARBITRO: Signorelli di Nichelino 6.

LE PAGELLE DI CENISIA NOVESE UNDER 14

All. Riccetti 7 Squadra coriacea e dura a morire.
Girardi 6.5
Diligente e attento, incolpevole in occasione dei gol.
Galasso 7
Esterno contiano: macina chilometri lungo tutta la fascia.Fa buona guardia.
Tripepi 6.5
Fa buona guardia.
22′ st Bisceglia 6.5
Mastino al centro del campo.
Peyron 6.5
Muscoli e polmoni: uomo necessario.
Actis 6.5
Bravo a contenere Meminaj.
1′ st De Marco 6.5
Una buona prova.
Barone 7.5
Il migliore tra i viola: gol, piede educato e temperamento.
Aluisio 7
Morde le caviglie e non molla neppure per un secondo.
23′ st Stefanucci 6
Bene col poco tempo a disposizione.
Giacoletto 6.5
Crea spunti interessanti.
Beggi 6.5
Fa salire la squadra e crea buone sponde.
1′ st Corrarati 6.5
Fa valere il fisico e spaventa la retroguardia bianco-azzurra.
Di Stefano 6.5
Assist al bacio per Di Chiara sul finire del primo tempo.
15′ st Graffino 6.5
Conferisce imprevedibilità in avanti.
Di Chiara 7
Meritava maggior fortuna: chilometraggio da maratoneta e buoni movimenti senza palla.
Dir:
Stefanucci – Aluisio.

All. Balduzzi 8 Squadra gagliarda, diverta e fa divertire.
Cuneo 7
Il suo guantone, quando necessario, è sempre al posto giusto.
Picollo 7
Bravo a sbarrare la strada all’artiglieria pesante viola.
Bailo 7.5
Quando avanza spaventa e non poco.
27′ st Ferrando 6
Sufficienza piena malgrado i pochi minuti giocati.
Pace 7.5
Animo battagliero.
Giaroli 7.5
Chiude con sicurezza.
Bona 7
The wall: non si passa con lui.
Gaion 7.5
Sfiora il vantaggio colpendo un palo clamoroso.
Anfosso 7
Essenziale: il cervello pensante della squadra.
21′ st Ricci 6.5
Bene da subentrato.
Meminaj 9
L’MVP del sabato pomeriggio: rete da centravanti moderno e energie inesauribili. Un titano.
33′ st Jaho sv
Nicorelli 7.5
Bravo a premiare i tagli degli attaccanti.
22′ st Coppa 6.5
Recupera palloni importanti.
Garlando 8
L’altra metà del duetto delle meraviglie: funambolico.
29′ st Benini sv
Dir: Gaion.


L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE