24 Novembre 2020 - 14:05:08

Chieri – Pozzomaina Under 14: due perle di Dylan affossano i collinari

Le più lette

Crema – Breno Serie D: altro 2-2 per i granata di super Triglia contro un Crema imballato dopo lo stop

Altro pareggio per il Breno e altro 2-2 nell'arco di tre giorni. Passo avanti per gli uomini di Tacchinardi,...

L’ultimo saluto a Carlo Ciaccio, uomo del Cit fino alla fine

Calcio dilettantistico senza pace. Dopo l'addio a Ottavio Porta, storico presidente del Pozzomaina, e a Mauro Grieco, presidente del...

Città di Varese-Caronnese Serie D: Banfi fa sorridere Gatti, Varese ancora a zero

Il “Franco Ossola” è ancora amaro per il Città di Varese che, nella seconda uscita casalinga stagionale, non riesce...

L’Anti-Derthona ora ha un nome: è il Pozzomaina di Andrea Mirasola. La vittoria sul campo del Chieri, firmata dalla doppietta di un Dylan Obase straripante, consegna al Pozzo tre punti essenziali per la rincorsa alla capolista, allungando inoltre il distacco sui collinari. Più che la sostanza del risultato, tuttavia, è la forma con cui è maturato a far sorridere Mirasola: il Pozzo, squadra organizzata e sicura del proprio potenziale, ha dispensato bel gioco e concesso poco di fronte ad una diretta concorrente per il titolo. Le due squadre si dispongono con un 4-3-3 speculare, ma l’equilibrio degli schieramenti ci mette poco ad incrinarsi. Gli ospiti partono a spron battuto, riuscendo ad affondare spesso e volentieri sull’out di sinistra. Protagonista delle incursioni è un ispirato Matteo Sanna, che alla prima occasione utile, all 11’, riesce a far breccia sulla fascia e a guadagnare un buon calcio di punizione sulla trequarti. Il traversone tagliato di Arcadi è invitante per l’incornata di Dylan, ma la deviazione non ha fortuna e s’infrange tra i corpi della mischia: la difesa collinare, tuttavia, non spazza, il bomber del Pozzo ne approfitta e scaglia in rete di potenza. I ragazzi di Mirasola, consci di aver trovato una falla sulla corsia mancina, ne approfittano e dopo 5’ trovano il raddoppio. Sanna, scappato ancora una volta a Cavuoto, appoggia per Odello, che da posizione defilata serve Dylan al limite dell’area: il gigante in rosso controlla e protegge magistralmente spalle alla porta, si gira e piazza il pallone a fil di palo. Il margine dato dalla perla del centravanti del Pozzomaina dà fiducia alla squadra, ampiamente padrona del pallino del gioco: sicuro dei propri concetti, il Pozzo macina e controlla, mentre il Chieri, poco lucido e meno brillante del solito, prova a riprendere il match rubando palla a metà campo per poi verticalizzare in maniera repentina. I collinari si affidano alle iniziative di Manfredi, che a destra, combinando dribbling ubriacanti al suo scatto bruciante, mette talvolta alle strette il duo Chiapusso-Iovino. Se il primo tempo è quasi a senso unico, non può dirsi la stessa cosa della ripresa: i collinari escono dal torpore dei primi 35’, provando a riprendere in mano le redini del gioco e a raddrizzare la gara. Il primo a suonare la carica è un ringalluzzito Romano, che per un soffio non trova il palo lontano con un delicato destro a giro dal limite dell’area. La marcia in più al secondo tempo del Chieri la dà anche l’ingresso di Lanzafame, il cui contributo sembra rivitalizzare anche i colleghi di reparto: nonostante i pericoli creati da Guida e compagni, tuttavia, la rete del 2-1 tarda ad arrivare. Ci pensano allora i ragazzi di Mirasola a servire ai collinari l’occasione per riaprire il match: un banale errore su una rimessa laterale consegna la sfera sui piedi di Guida, che vede l’inserimento di Manfredi servendogli sulla testa il gol che accorcia le distanze. L’inerzia, a questo punto, sembrerebbe essere tutto dalla parte degli azzurri, che però cominciano ad avvertire la stanchezza: solo un paio di timidi squilli di Manfredi e Romano provano a impensierire la difesa ospite. Il secondo round tra le due favorite designate per la vittoria del girone se lo aggiudica il Pozzomaina, sempre più lanciato per la corsa al titolo; per il Chieri di Marzullo, invece, la sensazione è  di aver perso l’ultimo treno valido per il primato.

 

IL TABELLINO DI CHIERI POZZOMAINA UNDER 14

CHIERI-POZZOMAINA 1-2
RETI (0-2, 1-2): 10′ Edwin Obase (P), 16′ Edwin Obase (P), 28′ st Manfredi (C).
CHIERI (4-3-3): Spinella 6.5, Cavuoto 6.5, Rihi 6 (17′ st Bertoli 6.5), Mastrototaro 6.5, Pacconi 6.5, Cafà 6, Romano 6.5, Lorini 6 (23′ Bove 6.5), Di Filippo 6 (1′ st Lanzafame 6.5), Guida 6.5, Manfredi 7. A disp. Losanno, Valentini, Castagna, Macrì. All. Marzullo – Di Luca. Dir. Lorini – Razzano.
POZZOMAINA (4-3-3): Formato 6.5, Sanna 7.5, Chiapusso 6.5, Iovino 7, Arcadi 7, Ponzano 6.5 (11′ st De Luca 6.5), Nirta 6.5, Simonetti 7.5, Abela 7 (27′ st Rizzo 6.5), Odello 6.5, Edwin Obase 8. A disp. Coman, De Ferdinando, Milan, Cecchetto, Lista. All. Mirasola. Dir. Nirta – De Luca.
ARBITRO: Astuti di Nichelino 5.5. Nel finale va un po’ in confusione, metro discutibile su un paio di calci di punizione.

 

LE PAGELLE DI CHIERI POZZOMAINA UNDER 14

CHIERI 4-3-3

All. Marzullo 6.5 Riesce a smuovere i suoi dall’impasse, ma non riesce a riaprirla subito.
Spinella 6.5 Incolpevole sui gol, evita il colpo del ko con un grande intervento sulla zuccata di Dylan.
Cavuoto 6.5 Difende bene la corsia non lasciando varchi.
Rihi 6 In apnea nel primo tempo, poi ci si mette anche la sfortuna. 17′ st Bertoli 6.5 Reattivo, respinge le incursioni sulla destra.
Mastrototaro 6 Ha un cliente scomodo, contiene quel che può.
Pacconi 6.5 Mostra le sue doti da mediano superandosi con un paio di recuperi notevoli.
Cafà 5.5 Tante incertezze: non spazza il pallone dell’1-0 e rischia regalando una palla-gol a Simonetti.
Romano 6.5 Scheggia tra le linee, mina vagante sulla sinistra.
Lorini 5.5 Non incide a metà campo. 23′ Bove 6.5 Entra bene in gara dando brio alla manovra.
Di Filippo 6 Spesso troppo macchinoso, fa a sportellate ma non riesce a sfondare. 1′ st Lanzafame 6.5 Dà qualità e freschezza al tridente.
Guida 6.5 In crescendo, insidia costante per la difesa.
Manfredi 7 Suona la carica di ogni offensiva, è l’unica luce sempre accesa: il migliore dei suoi.
Dirigenti: Lorini – Razzano.

POZZOMAINA 4-3-3

All. Mirasola 7.5 Il suo Pozzo è una macchina che funziona alla perfezione: vittoria cruciale.
Formato 6.5
Poco impegnato, non si tira indietro quando è chiamato in causa.
Sanna 7.5
Ara tutta la fascia brillando in entrambe le fasi: impeccabile.
Chiapusso 6.5
Attento, concede poco o nulla al tridente del Chieri.
Iovino 7
Apripista delle geometrie del Pozzo: difende e imposta con calma olimpica.
Arcadi 7
Collante essenziale tra difesa e centrocampo.
Ponzano 6.5
Buona visione, duetta bene con i compagni sulla fascia. 11′ st De Luca 6.5 Forze fresche, polmoni e grinta in mediana.
Nirta 6.5
Prova ordinata, dosa bene spinta e copertura.
Simonetti 7.5
Incanta dietro alle punte dispensando giocate sopraffine: spina nel fianco costante.
Abela 7
Non dà punti di riferimento allargandosi con intelligenza sull’esterno. 27′ st Rizzo 6.5 Linfa vitale per respingere il rush finale.
Odello 6.5
Primo tempo sontuoso, poi cala: ottimo mix tecnica e fisicità, ma a volte si intestardisce.
Edwin Obase 8
Straripante. Primo gol da rapace d’area, trova la doppietta con una perla d’autore.
Dirigenti:
Nirta – De Luca.

LE INTERVISTE DI CHIERI POZZOMAINA UNDER 14

CLICCA QUI PER SENTIRE L’INTERVISTA A ENRICO MARZULLO (CHIERI)

CLICCA QUI PER SENTIRE L’INTERVISTA A ANDREA MIRASOLA (POZZOMAINA)

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli